Economia

A Napoli nasce il polo delle manutenzioni

  • Abbonati
  • Accedi
Industria

A Napoli nasce il polo delle manutenzioni

  • –Vera Viola

NAPOLI

Pochi giorni per definire gli accordi. Entro la prossima settimana dovrebbe giungere alla firma l’intesa. Fissa tempi stretti Gianni Lettieri, presidente di Atitech, per l’avvio, insieme ad Alenia, Finmeccanica e Alitalia di un polo internazionale delle manutenzioni aeronautiche a Napoli. Come ha detto l’altro giorno anche il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi, in visita allo stabilimento.

In due impianti di Atitech e di Alenia Aermacchi di Capodichino confluiranno in un’unica società di manutenzione di aerei. Alla stessa società dovrebbero poi far capo anche gli hangar di Tessera a Venezia e di Fiumicino di Alitalia ed Etihad. Quindi un polo italiano con sede a Napoli. Meno chiaro è se ciò avverrà attraverso la cessione di un ramo di azienda da parte di Alenia (Capodichino) oppure se verrà costituita una newco in cui confluiranno entrambi i siti industriali. Subito dopo il confronto con i sindacati. Di novità su Capodichino si parlava da settimane. I sindacati hanno chiesto più volte anticipazioni del piano industriale di Finmeccanica (presentato dall’ad Mauro Moretti a Londra) temendo un nuovo ridimensionamento, dopo le chiusure di Casoria e di Telespazio. E anche la Regione Campania ha chiesto rassicurazioni e offerto nuovi incentivi.

Ma l’ipotesi di un polo internazionale della manutenzione non dovrebbe deludere. La partecipazione, oltre ad Alenia, anche di Finmeccanica e di Alitalia dovrebbe garantire commesse a sufficienza. Anche se le speranze della Campania restano legate soprattutto alle scelte di Finmeccanica sulla produzione del nuovo velivolo regionale, successore dell’Atr.

Va in porto, insomma, un vecchio progetto. Atitech, nel 2009 viene messa in vendita insieme ad Alitalia e ad Ams. Il governo chiede agli industriali partenopei di costituire una cordata di imprenditori per evitare la chiusura di un’eccellenza napoletana. Parte la trattativa, si fa avanti Meridie, investment company quotata in Borsa, localizzata nel Mezzogiorno, presieduta da Gianni Lettieri. Nasce la newco Manutenzioni Aeronautiche, controllata da Meridie con il 75%, mentre il 10% va a Finmeccanica e il 15% a Cai Alitalia. «Quel 13 ottobre 2009 alla Presidenza del Consiglio tutti ci impegnammo a far nascere un polo della manutenzione con sede a Napoli», ricorda Lettieri.

Atitech presto manifesta la necessità di disporre di nuovi hangar. Per la società di manutenzioni crescere è un dogma, dovendo competere con i colossi stranieri del settore. Viene costituito un pooll di tecnici di Atitech e di Alenia Aermacchi che studiano fattibilità e sostenibilità. Giungono alla conclusione che in un mercato che cresce del 4% l’anno il polo italiano avrebbe possibilità di inserirsi e di svilupparsi con una previsione di 980 addetti solo a Napoli quando la produzione andrà a regime.

© RIPRODUZIONE RISERVATA