Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 18 giugno 2015 alle ore 06:38.

My24

Crescono le ammiraglie; gli eventi live sono trainanti; lo sport si conferma fra le prime scelte. Al di là di questo, si è chiusa una stagione televisiva che vede perdente innanzitutto la televisione stessa. In prima serata cala l’ascolto totale (-2%), scende il seguito delle reti generaliste (-3%), non aumenta l’audience dei canali segmentati e nativi digitali (-0,3%). Il confronto con la scorsa stagione registra perdite anche nel giorno medio: -1,4% nel totale tv; -1,7% nelle generaliste; -1,1% nelle segmentate.

Non è una televisione nelle migliori condizioni quella che si appresta ad affrontare un fondamentale momento di passaggio legato al video on demand che bussa prepotentemente alle porte con lo spauracchio Netflix che si materializzerà in autunno. Certo, stando ai dati Auditel elaborati dallo Studio Frasi per Il Sole 24 Ore - e riferiti alla stagione televisiva che per convenzione si fa andare da settembre a maggio - si capisce anche come non sia andata per tutti allo stesso modo. Fra le generaliste Rai 1 e Canale 5 appaiono come i veri vincitori. Per Rai 1 il 18,99% del prime time è superiore al 18,88% della passata stagione. Per Canale 5 il dato sale dal 15,39% al 16,52%. E incrementi ci sono stati anche nel giorno medio (si veda tabella).

Una prima spiegazione di questo trend è riscontrabile analizzando i top 10 fra i programmi della stagione su tutte le reti tv. Ci sono il Festival di Sanremo, le partite di semifinale della Juve di Champions League e la puntata del 16 dicembre de “I dieci comandamenti” di Roberto Benigni su Rai 1 (quinta su dieci). Soprattutto live e sport quindi: per l’appunto pane per i denti delle reti ammiraglie. «È stata una stagione importante. Contiamo di proseguire anche il prossimo anno con una tv in cui i live events avranno un peso sempre maggiore» dice il direttore di Rai 1 Giancarlo Leone. Soddisfazione anche in casa Mediaset. «Questa - dice Giancarlo Scheri, direttore di Canale 5 - è stata la miglior stagione del prime time di Canale 5 da 4 anni a questa parte. Uno dei punti di forza della rete sono sicuramente le produzioni originali, create apposta e in esclusiva per il nostro pubblico. In questa stagione record, gli ascolti di Canale 5 si sono incrementati mese dopo mese: a maggio siamo stati la prima rete televisiva italiana».

Della stagione può dirsi soddisfatta anche Rai 2 che in prima serata si è attestata in terza posizione con share in crescita nel giorno medio (da 6,49% a 6,80%) con Rete 4 che ha diminuito lo share nel giorno medio (da 4,90 a 4,86%) mentre in prima serata ha rosicchiato qualcosina (da 5,03 a 5,10). In perdita invece Italia 1, Rai 3 e La7 (si veda tabella). «È vero. Abbiamo perso qualcosa in prima serata - spiega Andrea Vianello, direttore di Rai 3 - ma ci siamo trovati a fronteggiare una situazione inedita, con un programma, Ballarò, che ha perso il suo conduttore storico andato a fare un programma concorrente nello stesso giorno su La7. E comunque Ballarò ha sempre battuto Di Martedì». A ogni modo, dice Vianello che ha anche affrontato chiusure di programmi, causa mancanza di ascolti, come quello con Ilaria Cucchi, «il nostro day time è cresciuto. E mi dico soddisfatto di come è andata».

«Abbiamo avuto una prima parte di stagione settembre-dicembre - dice dal canto suo il numero uno di La7, Urbano Cairo - più difficile. Del resto Di martedì è un programma nuovo che è salito nel corso delle puntate dal 3,5 al 7% di poco sotto a Ballarò. Per il prossimo anno puntiamo a consolidare, con un rafforzamento nel pomeriggio». Una delle novità sarà «Myrta Merlino. Stiamo mettendo a punto le ultime cose».

Spostando il focus sulle reti segmentate, con 447.568 spettatori di media Iris (Mediaset) si pone in testa nel prime time (1,66%), seguita da Rai Movie (356.026; 1,32%) e da Cielo (353.313; 1,31%), rete free di Sky. Tutti canali in crescita tranne Iris. Nel giorno medio la classifica vede in testa appaiati Rai Yoyo (149.600; 1,35%) e Real Time di Discovery (149.471; 1,35%) seguiti da Iris (145.545; 1,31%) e Dmax di Discovery (142.888; 1,29%). In questo caso tutti hanno perso share guadagnata invece da Cielo (spinta dalla Moto Gp), Top Crime (Mediaset) e Rai Movie.

.@An_Bion

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta la notizia

Ultimi di sezione

Shopping24

Dai nostri archivi