Italia

Con la tedesca FlixBus Milano-Venezia e Torino-Venezia a partire da un…

  • Abbonati
  • Accedi
Autolinee

Con la tedesca FlixBus Milano-Venezia e Torino-Venezia a partire da un euro

milano - FlixBus, gigante tedesco della mobilità in autobus, specializzato nei servizi a lunga percorrenza, si lancia alla conquista del mercato italiano. Attualmente FlixBus collega ogni giorno il nostro Paese con oltre 80 città europee. Qualche esempio: Milano-Francoforte, Milano-Amburgo, Venezia-Monaco di Baviera. Ma ecco la novità, annunciata ieri. La compagnia si appresta a inaugurare le prime linee nazionali in Italia: la Milano–Venezia, con fermate a Verona, Padova e Mestre, a partire dal 18 luglio; e la Torino–Venezia, passando per Brescia, Verona, Padova e Mestre, a partire da metà agosto.

Queste destinazioni saranno raggiungibili quotidianamente fino a tre volte al giorno, e sono già acquistabili online o tramite l'app FlixBus con tariffe promozionali a partire da un euro. «E questo è solo l'inizio» spiega Andrea Incondi, general manager di FlixBus Italia. Che rivela: «Abbiamo progettato un network nazionale che, come è avvenuto in Germania, collegherà capillarmente l'intero Paese, da nord a sud».

Secondo i dati dell’Anav (associazione nazionale autotrasporto viaggiatori) oggi in Italia viaggiano in autobus già 10 milioni di persone, ma il potenziale di questo mercato è molto più ampio. L'offerta di FlixBus è caratterizzata da un modello di business unico, basato sulla collaborazione con una rete di aziende partner e una chiara distinzione dei ruoli. Con gli attuali 180 partner basati in Germania, Paesi Bassi, Belgio, Austria, Svizzera e ora anche in Italia, questo modello è ormai consolidato: da un lato la start up FlixBus, che si occupa della pianificazione delle linee, del marketing, e del servizio pre e post vendita. Dall'altro i partner locali, piccole e medie imprese di autobus italiane, che si occupano dello svolgimento del servizio operativo, rispettando gli standard qualitativi stabiliti da FlixBus. In questo modo FlixBus garantisce che aziende, autisti e manutenzione siano italiani al 100%: un aspetto che si concretizza anche nella creazione di nuovi posti di lavoro presso le aziende partner, oltre all'indotto che si genera intorno a questo contesto.