Economia

L’hackathon della Nasa fa tappa a Vicenza, Roma e Napoli

  • Abbonati
  • Accedi
innovazione

L’hackathon della Nasa fa tappa a Vicenza, Roma e Napoli

(Nasa)
(Nasa)

Il rappresentante della Nasa in Europa, Timothy Ryan Tawney, ha tenuto a battesimo a Vicenza Space Apps 2017. Si tratta del più grande hackathon mondiale - una sorta di maratona creativa - promosso e organizzato dalla
Nasa (l’agenzia governativa civile responsabile del programma spaziale degli Stati Uniti d’America e della ricerca aerospaziale) a partire dal 2012, che si terrà il 29 e 30 aprile contemporaneamente in 205 città del mondo. Fra le capitali ospiti ci sono Abu Dhani e Adelaide, Barcellona e Berlino, Cape Town e Cambdride, fino a Houston, Instabul, Kuala Lumpur, Manila, Nairobi, Sidney e Tirana.
In Italia la sesta edizione di Space Apps Challenge è organizzata con il coinvolgimento della Missione Diplomatica Usa, a Roma, Napoli e per la prima volta anche nella città veneta, dove sarà ospitata nella sede dell’università. La tappa vicentina ha riscosso un immediato successo e conta già 133 partecipanti, ma si può partecipare anche a distanza (selezionando la modalità “virtual”) se non si ha una sede abbastanza vicina. Quest’anno l’evento è dedicato alle scienze della terra.

La sfida è coinvolgere migliaia di partecipanti ogni anno in tutto il mondo, cittadini che lavorano con la Nasa per ideare - grazie all’accesso a dati open source - soluzioni innovative per affrontare le sfide che si pongono alla vita sulla Terra e all’esplorazione delle spazio. Space Apps richiama comunità di innovatori locali che si riuniscono in diverse città dei sei continenti per avere idee e mettere a punto soluzioni. Team di esperti di tecnologia, scienziati, studenti,
imprenditori, mentori lavorano insieme per 48 ore utilizzando i dati messi a disposizione dall’Agenzia per trovare risposte alle sfide più pressanti poste al nostro Pianeta. La partecipazione è gratuita, e non esiste una età minima per fare parte di Space Apps.
L’edizione del 2016 ha visto più di 15mila partecipanti da 61 Paesi, riuniti in 161 città, lavorare insieme a 1.300 progetti, soluzioni open source che hanno avuto un valore immediate per la Nasa e la comunità globale.

© Riproduzione riservata