Economia

Genoma, droni e sensori ma l’agri-tech vale solo l’1%

  • Abbonati
  • Accedi
INNOVAZIONE

Genoma, droni e sensori ma l’agri-tech vale solo l’1%

Agrosat una piattaforma digitale per elaborare in tempo reale le mappe di fertilizzazione dei campi, in modo da ridurre gli sprechi e garantire una concimazione ottimale: l’hanno realizzata Barilla e il Cnr di Firenze e di Foggia e oggi viene gi utilizzata dai produttori cerealicoli dell’Emilia Romagna e del Foggiano. Invece inCommand, della milanese Arvatec, un sistema per connettere fra loro tutti trattori di una flotta e controllarli in tempo reale su un monitor: stato uno dei 42 prodotti premiati ieri a Verona con la Foglia dell’innovazione, antipasto della 113esima edizione di Fieragricola al via oggi nella citt scaligera.

Sistemi Gps, droni, sensori nei campi, etichette intelligenti. In gergo si chiamano agricoltura di precisione e sono l’applicazione dell’Industria 4.0 e dell’Internet delle cose al mondo agricolo. Secondo Goldman Sachs, le tecnologie hardware e software per la rivoluzione verde costituiranno un mercato mondiale da 240 miliardi di dollari entro il 2050. Oggi in Italia, secondo l’analisi fatta da Coldiretti su dati dell’Osservatorio Smart AgriFood, il mercato dell’agricoltura di precisione vale circa cento milioni di euro. Per ora interessa solo l’1% della superficie agricola coltivata nel nostro Paese, ma l’obiettivo degli addetti ai lavori di arrivare al 10% entro i prossimi tre anni.

Fieragricola ci crede, l’agricoltura di precisione uno dei temi centrali di questa 113esima edizione. Innovation Tour, per esempio, una delle novit del 2018: un percorso guidato giornaliero alla scoperta delle aziende che hanno lanciato sul mercato le pi interessanti innovazioni per il comparto, premiate appunto con le Foglie d’oro e d’argento. Ci sono i sistemi di guida automatica come AccuGuide di Case Ih, per esempio, che permette la svolta automatizzata degli attrezzi a fine campo dopo ogni passata. E ci sono i software di monitoraggio delle colture come CropView, di Pessi Instruments, che grazie alle fotocamere nei campi raccolgono le immagini e le incrociano via Internet con i dati delle stazioni meteorologiche. Anche lo stand di Confagricoltura alla Fiera di Verona punta sull’innovazione tecnologica, ospitando il progetto “Precision farming: soft e digital skills” della Abaco di Mantova.

L’agricoltura 4.0 consente di stabilire con esattezza quanta acqua e quante sostanze nutritive servono per una determinata coltura e qual la giusta razione alimentare per un animale; si possono eliminare gli infestanti attraverso interventi mirati e prevenire le patologie, oltre a rendere pi facile il lavoro degli operatori. I vantaggi si misurano in ottimizzazione della produzione, contenimento dei costi e riduzione al minimo degli impatti ambientali. In Italia, tra gli esempi pi riusciti di agricoltura di precisione c’ l’esperienza di Bonifiche Ferraresi, che ha implementato i sistemi digitalizzati su tutti i suoi 6.500 ettari di superficie coltivata e ha realizzato una stalla da ingrasso per 5mila capi, alimentati interamente dalle produzioni aziendali.

Altro tema in primo piano alla Fiera di Verona quello della genetica applicata all’agricoltura, con le nuove tecniche che accelerano, nei tempi naturali, i miglioramenti varietali, ad esempio per rendere le specie coltivate pi resistenti ai patogeni, ma anche alle avversit atmosferiche. La nuova frontiera si chiama genome editing - spiega Mario Pezzotti, professore all’Universit di Verona, presidente della Societ italiana di genetica agraria e coordinatore dei convegni sul tema presso lo stand di Confagricoltura a Fieragricola - una tecnologia di correzione del Dna che introduce modificazioni indistinguibili da possibili mutazioni naturali. Peraltro, le piante cos ottenute non rientrano sotto la regolamentazione degli Ogm e oggi si trovano in uno stato di vuoto normativo.

© Riproduzione riservata