Economia

Amazon punta sull’Italia: «In tre anni export delle Pmi oltre il…

  • Abbonati
  • Accedi
Intervista / russel grandinetti

Amazon punta sull’Italia: «In tre anni export delle Pmi oltre il miliardo»

Altro che nemico numero uno. C’è un matrimonio possibile tra il nostro made in Italy e la piattaforma più grande al mondo di e-commerce che può portare frutti sempre più ricchi per le nostre imprese:  «Nel 2017 abbiamo contribuito a far esportare 350 milioni di euro di prodotti made in Italy alle 10mila imprese italiane che già usano la nostra logistica, erano la metà due anni prima, se la crescita continuerà a questi ritmi entro il 2020 potremmo potenzialmente arrivare a 1 miliardo di esportazioni di beni italiani».

Russel Grandinetti è senior Vice president international retail di Amazon, il numero 3 del colosso americano guidato da Jeff Bezos che ha creato questo marchio che oggi vale 150 miliardi, e rivendica con orgoglio le sue origini italiane (nonna napoletana e nonno calabrese e super tifoso del Napoli): «Le mie tradizioni mi hanno ispirato e posso confermare che nel mondo non solo c’è una grande richiesta di prodotti italiani, dal cibo all’abbigliamento, ma i nostri clienti vogliono anche la certezza che si tratti di autentico made in Italy».

Qual è l’impegno di Amazon in Italia?

Dal 2010 abbiamo investito oltre 1,6 miliardi creando una rete di centri (4 poli di distribuzione e 11 depositi di smistamento, ndr) e i nostri dipendenti a tempo indeterminato cresceranno dagli attuali 3500 ad oltre 5200 entro la fine dell’anno.

Amazon Go, viaggio nel primo negozio senza casse (e code)

Quali i prossimi passi?

In autunno apriremo il nuovo centro di distribuzione a Casirate vicino Bergamo e poi entro il prossimo anno un altro centro di distribuzione a Torrazza Piemonte per 150 milioni di euro complessivi di investimento e 1600 posti a tempo indeterminato.

In Italia come nel resto del mondo la principale critica che si rivolge ad Amazon è che uccide il commercio e i posti di lavoro.

Non è assolutamente vero. Semplicemente innoviamo un settore creando anche nuova occupazione. Nel 2018 creeremo direttamente 18mila nuovi posti di lavoro in Europa raggiungendo quota 83mila dipendenti a tempo indeterminato. Ma poi grazie alla crescita della loro domanda su Amazon le imprese europee hanno creato 200mila posti in più e solo in Italia i posti aggiuntivi sono oltre 10mila. Senza contare l’effetto positivo degli accordi che abbiamo fatto con chi distribuisce i nostri pacchi come Poste italiane.

Perché dovrebbe essere conveniente per una piccola azienda italiana affidarsi a voi?

Perché grazie a noi possono arrivare in tutto il mondo. Faccio un esempio: abbiamo creato da poco una vetrina on line del made in Italy dove si sono già registrate 700 aziende artigianali di Toscana, Sardegna, Calabria, Piemonte e Sicilia oltre che delle province di Bergamo e Vicenza. Una piccola azienda siciliana grazie a un accordo con le pasticciere locali attraverso la nostra piattaforma fa arrivare in 48 ore i cannoli freschi in tutta Europa. Noi non vogliamo fare l’aceto balsamico di Modena o la ’nduja calabrese. Ma possiamo fare in modo che questi prodotti raggiungano in poco tempo Londra, Amburgo o Houston.

Cosa rispondete alle critiche sulle condizioni di lavoro dei vostri addetti?

Che assicuriamo qualità e supporto ai nostri lavoratori e che invitiamo chiunque voglia vedere con i propri occhi a partecipare ai tour che facciamo in tutto il mondo nei nostri centri.

I robot che utilizzate non tolgono posti di lavoro?

No, aiutano solo ad aumentare la produttività. Non bisogna avere paura delle innovazioni. Anzi posso annunciare che entro la fine dell’anno Amazon lancerà anche in Italia Alexa, la nostra assistente digitale che in questo momento sta imparando a usare l’italiano grazie all’intelligenza artificiale e al machine learning nel nostro centro di ricerca di Torino che proprio in questi giorni sta cercando nuovi ingengeri e ricercatori da assumere».

La marcia di espansione di Amazon in Italia: nuovo centro di distribuzione a Buccinasco

© Riproduzione riservata