Economia

Blackshape trasferisce a Bari la produzione dei velivoli entro il 2020

  • Abbonati
  • Accedi
aviazione

Blackshape trasferisce a Bari la produzione dei velivoli entro il 2020

BARI-La produzione del “Blackshape Prime” - il biposto da turismo e da addestramento tra i leader di mercato nel segmento dei velivoli leggeri e di aviazione generale in fibra di carbonio, con 80 esemplari in volo in 28 paesi nel mondo e in tutti i 5 continenti - crescerà ancora. Fino a quadruplicare nei prossimi 2 anni quando, nella primavera del 2020, sarà a regime il nuovo stabilimento da 15 milioni di euro che verrà costruito – oggi la posa della prima pietra, presenti il premier, Giuseppe Conte, e il governatore pugliese, Michele Emiliano - nei pressi dell'aeroporto Karol Woytyla di Bari.

Nel capoluogo regionale verrà trasferita l'intera produzione di tutti i velivoli che la BlackShape spa - divisione aeronautica della Angel Group, holding che fa capo all'industriale pugliese Vito Pertosa - realizza oggi a Monopoli. Dove tutto ha avuto inizio nel 2011 con l'ingresso di Pertosa nel capitale sociale della BlackShape fondata, nel 2009, da Luciano Belviso, ingegnere, e Angelo Petrosillo, avvocato, (allora 26enni) grazie ai 25mila euro di finanziamento a fondo perduto ottenuti con il programma regionale “Principi attivi” per sostenere i progetti innovativi dei giovani pugliesi.

Nel corso di questi 8 anni la BlackShape è cresciuta fino ad occupare 100 dipendenti diretti, che aumenteranno sino a 250 ad aprile 2020, e 50 addetti nell'indotto. Con i nuovi investimenti annunciati per il sito barese, e per i quali è stata presentata una proposta di contratto di programma a valere sui fondi per gli incentivi industriali della regione Puglia, si punta dunque a quadruplicare la produzione del “BlackShape Prime”, ad aumentare quote di mercato, di ricerca e sviluppo, e volumi di fatturato, ottenuto per il 95% all'estero, e cresciuto al ritmo del 65% annuo. «Questo del nuovo stabilimento è un punto di arrivo, ma anche un punto di partenza per noi», spiega Luciano Belviso, ceo insieme a Petrosillo. «Raddoppieremo gli spazi produttivi, fino a 15mila metri quadrati, rispetto agli attuali, e ci posizioneremo in una infrastruttura strategica e all'avanguardia come l'aeroporto di Bari, così come lo sono i nostri competitor europei.Il nuovo stabilimento sarà eco-sostenibile e totalmente integrato nella logica 4.0, una vera avanguardia tecnologica anche in termini produttivi».

I piani produttivi della spa non sono solo italiani. Tra i programmi di crescita vi è infatti anche la realizzazione di un sito produttivo dedicato al mercato americano. «Stiamo valutando la realizzazione di un nostro stabilimento anche in Usa - spiega Angelo Pertosillo, ceo e cofondatore. Lì si produce la metà di tutti i velivoli sportivi in volo nel mondo e verificheremo quindi la possibilità di insediarci lì, in California o in Florida o in Texas».

Blackshape, che dal 2018 è anche partner di Boeing per l'addestramento dei piloti civili e militari, è una delle tre divisioni di Angel Group. Quella fondata da Vito Pertosa è una business holding internazionale presente in oltre 60 paesi che occupa circa 1200 dipendenti (la metà sono ingegneri), investe il 15% ogni anno in R&D e conta 7 stabilimenti in Italia e 13 filiali internazionali. Le altre due aree di business sono le ferrovie con la Mermec SpA e lo spazio e l'internet delle cose (Iot) con la Sitael spa. Quest'ultima rappresenta la più grande realtà a proprietà italiana nel settore spazio e, dopo essersi aggiudicata importanti contratti con Esa, Nasa e Jaxa, è oggi capofila del progetto Platino con l'Agenzia Spaziale Italiana e partner di Virgin Galactic per i lanci dei suoi satelliti.

© Riproduzione riservata