Economia

Ilva, plebiscito dei lavoratori sull’accordo con ArcelorMittal

  • Abbonati
  • Accedi
attesa per lo spoglio di taranto

Ilva, plebiscito dei lavoratori sull’accordo con ArcelorMittal

Se anche i lavoratori dei reparti di Taranto confermeranno l’orientamento dei colleghi liguri e piemontesi, si annuncia un plebiscito per il via libera all’accordo sindacale sulla cessione dell’Ilva ad ArcelorMittal.

Pochi minuti fa è terminato lo spoglio del referendum nel sito di Cornigliano, a Genova, dove l’accordo è stato approvato con oltre il novanta per cento dei voti favorevoli. Lo comunicano fonti sindacali. Dei 1.474 aventi diritto, hanno votato in 1123. I voti favorevoli sono stati 1012 (90,1%), i contrari 99 (8,8%), le schede nulle 12. Questo nonostante la cifra di chi sarà assunto subito a Genova non sia stata scritta: sarà individuata in un apposito tavolo relativo all’accordo di programma dello stabilimento, una sorta di «tempo supplementare» all’accordo siglato la settimana scorsa.

Ilva, accordo al ministero dello Sviluppo economico

Poche ore prima anche i lavoratori dello stabilimento di Novi Ligure , in provincia di Alessandria, avevano approvato l’accordo con ArcelorMittal con quasi il 90% dei si: nello stabilimento più innovativo del gruppo, dei 730 aventi diritto, hanno votato in 510. I voti favorevoli sono stati 456 (89,4%), i contrari 52 (10,2%), le schede nulle sono state due.

Meno eclatante il risultato di Marghera, dove l’accordo è stato comunque approvato a larghissima maggioranza, con il 63% di voti favorevoli. Dei 68 aventi diritto, hanno votato 52. I voti favorevoli sono stati 33 (63%), i contrari 18 (35%), le schede nulle 1.

Nei giorni scorsi è stato reso noto anche l’esito della votazione al tubificio di Racconigi, in provincia di Cuneo, dove i favorevoli sono stati l’87 per cento dei votanti.

Nelle prossime ore è previsto lo spoglio di tutti i reparti degli altri stabilimenti del gruppo, in particolare per Taranto, dove si concentra la maggiore parte degli addetti dell’azienda attualmente in amministrazione straordinaria: i risultati definitivi sono attesi per domani sera.

Dei 10.500 attualmente in forze a Taranto, ArcelorMittal ne assumerà immediatamente 8.200, gli altri passeranno all’amministrazione straordinaria con una cassa integrazione al 70%. Gli altri numeri degli assunti subito sono scritti (tranne Genova) nero su bianco: 700 a Novi Ligure, 175 a Milano, 145 a Racconigi, 50 a Marghera, 40 a Paderno Dugnano e 30 a Legnano.

© Riproduzione riservata