Economia

La crisi ha colpito i giovani: 4mila euro in meno di stipendio l’anno

  • Abbonati
  • Accedi
salari 2007-2017

La crisi ha colpito i giovani: 4mila euro in meno di stipendio l’anno

Esiste o non esiste una questione salariale nel nostro paese? I dati sembrano dire di sì. Escludendo i top manager, nonostante i rinnovi dei contratti e la contrattazione di secondo livello che nel nostro paese riguarda una quota minoritaria di imprese, facendo la media si vede che le buste paga, in molti settori, nel periodo 2007-2017 si sono fermate al recupero dell’inflazione o poco più.

GUARDA IL VIDEO / Il 30% dei ventenni non studia ne' lavora

Il decennio della crisi ha evidenziato profonde disuguaglianze salariali che riguardano soprattutto la fascia tra i 15 e i 34 anni che guadagna mediamente il 21% in meno rispetto alla media: è questo l’altro lato della medaglia di chi ha la fortuna di avere quell’età. Il rapporto “+ Salari - Disuguaglianze”, presentato alla Camera del lavoro di Milano e realizzato da Fisac Cgil e Isrf Lab calcola che nel periodo di crisi un giovane under 35 ha guadagnato oltre 4mila euro in meno all’anno, rispetto al salario medio. Ha quindi avuto complessivamente minori entrate per 40mila euro. I giovani sono tra i più penalizzati ma a vedere che il proprio salario ha il segno meno rispetto alla media non sono i soli. I lavoratori del sud rispetto a quelli del nord guadagnano il 14% in meno, le donne rispetto agli uomini il 20%, i precari il 23%, gli stranieri Ue il 18% mentre quelli extra Ue il 23%.

La contrattazione nazionale in questi anni ha provato a liberare i salari dalle due gabbie in cui sono costretti: da un lato c’è il cuneo fiscale molto elevato, dall’altro c’è la mancata redistribuzione della produttività. I settori hanno dinamiche diverse e mettendoli a confronto Megale dice che il commercio è passato da una retribuzione media annua di 24.772 euro del 2007 a una di 25.914 del 2017, la metallurgia da 25.818 a 28.611, i chimici da oltre 25mila a 30mila, le assicurazioni da 32.463 a 31.457, il credito da 39.285 a 39.004. Nel credito, che è alla vigilia del rinnovo del contratto, per la Fisac Cgil la produttività deve essere un tema da inserire nella questione salariale perché al recupero dell’inflazione va aggiunto anche il recupero della produttività.

Il recupero della produttività però non basta. I dieci anni della crisi si sono lasciati alle spalle molta terra bruciata e sono stati contrassegnati da una perdita del potere di acquisto dei lavoratori dipendenti, che nel nostro paese sono gravati da una tassazione molto elevata. Guardando in prospettiva, le leve su cui insistere, per Agostino Megale diventano quindi 3: «Produrre ricchezza, redistribuirla e infine ridurre la tassazione sul lavoro e sulle pensioni. Per questo servirebbe aprire un tavolo con il Governo perché deve fare riflettere il fatto che in Italia il costo medio per addetto per l’impresa è 46mila euro e il 47,7% è assorbito dalle tasse».

© Riproduzione riservata