Economia

Barilla, sfida contro fame e sprechi: 12 buone azioni che tutti possono…

  • Abbonati
  • Accedi
la fondazione a new york

Barilla, sfida contro fame e sprechi: 12 buone azioni che tutti possono fare

  • –di

Si va «Scegli principalmente cibi di origine vegetale» a «usa ingredienti freschi», fino a «scegli prodotti provenienti da animali allevati a terra e liberi di muoversi».

GUARDA IL VIDEO / Cibo sostenibile: i vincitori del media award Fondazione Barilla

Sono, queste, alcune delle 12 raccomandazioni concrete per trasformare, in chiave sostenibile, il sistema alimentare globale. A lanciarle è la Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition (Bcfn) dal palco del Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione, che si svolge per la prima volta anche a New York (dopo l'appuntamento di Bruxelles dello scorso giugno e prima del consueto evento di Milano).

Sempre più persone al mondo da sfamare
«Mai come adesso, il nostro sistema alimentare globale si sta trovando ad affrontare sfide ardue - dichiara Anna Ruggerini, direttore operativo della Fondazione Bcfn –, ma queste possono essere superate grazie al lavoro sinergico tra tutti i settori e le discipline. Tra le tante sfide del nostro sistema alimentare, una delle principali è il paradosso che vede la popolazione mondiale in costante crescita (si stima che ci saranno 9 miliardi di persone nel 2030 e 10 miliardi entro il 2050) avere bisogno di essere sfamata».

GUARDA IL VIDEO / Nel Mediterraneo più migranti per la fame che per le guerre

L’obiettivo della Fondazione è rendere più sostenibile il Pianeta chiamando a raccolta scienziati, decisori politici, settore privato, società civile, media e singoli individui per dar vita a un cambiamento concreto che parta ogni giorno da quello che finisce nei piatti delle persone. Bcfn snocciola dati chiari: oltre un terzo della superficie terrestre è dedicata all’agricoltura. Questa produce circa il 30% delle emissioni globali di gas serra, preleva il 70% di tutta l’acqua dolce disponibile sul Pianeta e incide per l’80% sul fenomeno della desertificazione.

Occorre cambiare strategia e approccio al cibo - sottolinea la Fondazione Barilla in una nota –, perché senza un cambiamento reale sarà impossibile raggiungere i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile fissati per il 2030 dall’agenda Onu.

«Soprattutto se si pensa all'aumento costante dello spreco alimentare (1,3 miliardi di tonnellate di cibo gettate ogni anno) - spiega Anna Ruggerini – che è ormai pari a circa quattro volte la quantità di cibo necessaria a nutrire gli oltre 821 milioni di persone denutrite nel mondo. Abbiamo aspettato troppo a lungo per affrontare queste sfide – conclude Ruggerini - e ora è necessario un approccio trasformativo che ci permetterà di compiere un passo concreto verso il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile promossi dalle Nazioni Unite».

GUARDA IL VIDEO / Cibo e sostenibilità, Fondazione Barilla: è la sfida del futuro

© Riproduzione riservata