Economia

Banzato: l’immigrazione deve essere gestita, «formiamoli a…

  • Abbonati
  • Accedi
il presidente di federacciai

Banzato: l’immigrazione deve essere gestita, «formiamoli a casa loro»

 Alessandro Banzato, il nuovo presidente di Federacciai (Imagoeconomica)
Alessandro Banzato, il nuovo presidente di Federacciai (Imagoeconomica)

«Il calo demografico in corso da anni fa sì che a breve il tema non sarà più quello che “gli italiani non vogliono fare certi lavori” ma che non ci saranno più italiani per fare certi lavori». Lo ha notato il nuovo presidente di Federacciai, Alessandro Banzato, nel corso del suo intervento all'assemblea annuale della federazione. Il 71% delle imprese con dipendenti extracomunitari, d’altra parte, esprime «soddisfazione per il loro lavoro», mentre solo l’1% «è insoddisfatto». Di conseguenza, secondo Banzato, «l’immigrazione non va subita ma controllata e gestita e soprattutto legata alle esigenze del mondo produttivo. Per questo - ha annunciato - stiamo verificando la fattibilità politica ed economica di un progetto che punti ad istituire un presidio pilota in Africa per sviluppare moduli formativi per professionalizzare le persone che poi potrebbero rientrare in un flusso di immigrazione controllata e mirata al fabbisogno reale delle imprese». «Insomma, invece che “fermiamoli a casa loro”, lo slogan del progetto potrebbe essere “formiamoli a casa loro”», ha concluso.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata