Economia

Da Sony a Coca-Cola: come sono nati i nomi di 31 brand che hanno fatto…

  • Abbonati
  • Accedi
STORIE D'IMPRESA

Da Sony a Coca-Cola: come sono nati i nomi di 31 brand che hanno fatto la storia

Adidas: il celebre brand sportivo tedesco prende il nome dal suo fondatore, Adolf Dassler (detto “Adi”): unendo il soprannome alle prime tre lettere del cognome esce appunto “Adidas”

Adobe: il famoso brand informatico statunitense origina dal torrente argilloso (“adobe”) che correva dietro la casa di John Warnock, co-fondatore della società

GUARDA IL VIDEO / Auto: anteprime al salone di Parigi, Ferrari lancia la Monza Sp

Amazon: Jeff Bezos voleva che la sua società iniziasse per “a” in modo da essere all’inizio degli elenchi in ordine alfabetico. Cercando idee sul vocabolario, fu colpito dalla parola “amazon”, Rio delle Amazzoni, il maggior fiume al mondo, grande come desiderava diventasse la sua azienda

Audi: alla ricerca di un nome per la sua azienda, il fondatore August Horch provò a tradurre in latino il significato del suo cognome (“ascolta”): il risultato è appunto “audi”

Canon: deriva dal nome della prima macchina fotografica dell’azienda giapponese, la “Kwanon”, a sua volta così battezzata in onore del dio buddista Guan Yin. Nel 1947 venne poi cambiato nell’attuale “Canon”, ritenuto più adatto a una clientela internazionale

Coca-Cola: il creatore del più celebre tra i soft drinks, l’ex colonnello confederato John Pemberton, coniò nel lontano 1886 il brand unendo la “Coca” (le cui foglie erano uno degli ingredienti) con i semi di Kola (utilizzati per dare sapore alla bevanda). Pemberton cambiò solo la “K” in “C” perché secondo lui suonava meglio

Ebay: il sito in origine apparteneva alla Echo Bay Technology Group, l’azienda di consulenza di Omidyar. Omidyar aveva provato a registrare il dominio “echobay.com”, ma era già stato preso da una società mineraria, la Echo Bay Mines: così optò per la seconda scelta, Ebay

Ibm: significa “International Business Machine”

Ikea: sono le iniziali del fondatore della catena svedese, Ingvar Kamprad, unite a quelle della proprietà (Elmtaryd) e del villaggio (Agunnaryd) in cui è cresciuto

Intel: forma abbreviata di “integrated electronics”, elettronica integrata

Lego: corrisponde alle due parole danesi “leg godt”, che significano “gioca bene”. In latino “Lego” significa anche “io metto assieme”, ma dal gruppo danese assicurano che questa è stata solo una coincidenza

Nike: prende il nome da quello della dea greca della vittoria

Nikon: versione abbreviata delle parole “Nippon Kogaku”, che significano “ottica giapponese”

Nintendo: è la traslitterazione in caratteri latini del nome giapponese “Nintendou”, che si può tradurre con “affidare”, anche se “ten-dou” significa “paradiso”

Nissan: elaborazione del nome originario della società, “Nippon Sangyo”, che significa “industrie giapponesi”

Nokia: è il nome della cittadina in cui la società finlandese iniziò nel lontano 1868 a fabbricare prodotti in gomma

Pepsi-Cola: deriva dalla radice di “dyspepsia”, “indigestione”, unita ai semi di Kola

Reebok: deriva dalla parola “Rhebok”, un tipo di antilope africana, nella traduzione afrikaans

Saab: è la versione breve di “Svenska Aeroplan Aktiebolaget”, che significa “compagnia svedese di aeroplani”

Sega: è l’acronimo di “Service Games of Japan”, il nome per esteso della società fondata dall’americano Martin Bromley, che dal 1953 ha iniziato a importare in Giappone flipper destinati al personale delle basi militari statunitensi in territorio nipponico

Sharp: prende il nome da una delle prime invenzioni del suo fondatore, la matita “sempre appuntita” (“ever sharp”)

Skype: il brand svedese deriva da “Sky-peer-to-peer”, poi contratto in “Skyper” e quindi in “Skype”

Sony: dalla parola latina “sonus” (“suono”), ma anche dallo slang statunitense “sonny”, che indica un giovane brillante

Starbucks: dal nome di un personaggio del racconto “Moby Dick” di Herman Melville

3M: dal nome originale dell’azienda, “Minnesota Mining and Manufacturing company”: venne cambiato in 3M quando la società cambio il suo modello di business, focalizzandosi sui prodotti innovativi

Verizon: combinazione del latino “Veritas” (verità) e dell’inglese “Horizon” (orizzonte)

Virgin: è il nome del primo negozio di dischi aperto da Richard Branson e Nik Powell, adottato perché in campo imprenditoriale si consideravano completamente vergini

Vodafone: deriva dall’unione delle parole “Voice, data, telephone”, voce, dati e telefono

Volkswagen: in tedesco significa “auto del popolo”

Walmart: prende il nome da quello del suo fondatore, Sam Walton

Yoox: il brand ideato da Federico Marchetti (ora Yoox-Net-a-Porter) nasce così: “Y” e “X” come i simboli dei cromosomi maschile e femmile, con due “o” in mezzo per richiamare il Dna

© Riproduzione riservata