Economia

Camusso perde la sfida del sindacato mondiale. Genovesi confermato alla…

  • Abbonati
  • Accedi
Genovesi alla Fillea

Camusso perde la sfida del sindacato mondiale. Genovesi confermato alla guida della Fillea

(Agf)
(Agf)

«Abbiamo fatto una importante campagna per il cambiamento ITUC-CSI, il 48% conquistato in pochi mesi. Un grande risultato che ci impegna a continuare. Grazie alla Cgil e a tutti i supporter». Il segretario generale uscente della Cgil, Susanna Camusso, annuncia via Twitter di aver perso la corsa per diventare il capo del sindacato mondiale. Ringrazia tutti nel comunicato in lingua inglese, mentre in quello in lingua italiana dice grazie alla sua Cgil e ai supporter, senza dilungarsi troppo su Cisl e Uil che la hanno sostenuta fortemente nella sfida di Copenhagen. Viene quindi confermata alla guida dell’Ituc l’australiana Sharan Burrow che resiste alla guida del sindacato mondiale dopo 4 anni da presidente e 8 da segretario generale. Questa mattina, nel suo intervento, lo stesso Carmelo Barbagallo, segretario generale della Uil ha sottolineato che la necessità di «cambiare le regole e cambiare gruppo dirigente. L’ITUC è un grande sindacato, dobbiamo farlo diventare più forte: ecco perché noi siamo per il cambiamento».

L’elezione mancata di Camusso, seppure per un ciuffo di voti, potrebbe adesso non essere priva di impatti sugli equilibri interni della Cgil che il 22 gennaio aprirà il congresso a Bari per l’elezione del segretario generale. Camusso ha candidato Maurizio Landini ma, a questo punto, nei prossimi giorni non sono esclusi nuovi sviluppi. Sono ancora in corso i congressi delle categorie e nei territori. Proprio ieri la Fillea, che rappresenta gli edili della Cgil e che aveva espresso il possibile sostegno a una candidatura di Vincenzo Colla, già segretario generale della Cgil dell’Emilia Romagna ed entrato nella segreteria nazionale nel 2016, ha confermato come segretario generale Alessandro Genovesi con oltre il 90% di voti. Manca ancora all’appello, tra gli altri, la Fiom che riunirà la categoria a Riccione la prossima settimana.

Certamente, la chiusura della partita danese potrebbe a questo punto aprire nuovi sviluppi sulle candidature a segretario generale della Cgil dove per ora, però, al di là dei sostegni espliciti espressi da alcune categorie come la Fillea o la Filctem, c’è una sola candidatura ufficiale, quella di Maurizio Landini.

© Riproduzione riservata