Economia

Regali di Natale: vincono tv ed elettrodomestici. Ma piacciono anche i…

  • Abbonati
  • Accedi
le previsioni per le feste

Regali di Natale: vincono tv ed elettrodomestici. Ma piacciono anche i libri

Dagli auricolari wireless ai televisori di ultima generazione continuando con macchine per il caffè, cam Go-pro e spumanti. Previsioni di crescita per le spese di Natale, con picchi evidenti che riguardano sia l’elettronica, sia gli spumanti. Crescita, però, che risulta ancora lontana dal dato del 2009 quando la spesa ha raggiunto i 243 euro procapite.

I dati presenti nel rapporto «Consumi di dicembre e previsioni di spesa di Natale» elaborato dall’Ufficio Studi di Confcommercio parlano di una spesa media procapite di 171 euro, contro i 168 euro dello scorso anno.

La crescita esponenziale nelle vendite si registrerà, secondo la proiezione diMonclick (operatore web puro, attivo dal 2005 nel comparto dell’elettronica di consumo e degli elettrodomestici) con elettronica ed elettrodomestici. Il boom, secondo lo studio riguarderà i televisori dove si registrerà un +150% sul 2017.

Balzo di asciugatrici e elettrodomestici
Impennata anche per altri elettrodomestici: la vendita delle asciugatrici sarà più che triplicata con un +220%, perché «i prezzi sono ormai accessibili e gli italiani sentono sempre più il bisogno di questo elettrodomestico in casa» sottolinea Massimo Visone, Sales&Marketing Director di Monclick che ha monitorato le tendenze in vista delle festività. Riscontri positivi anche nelle vendite di forni e lavastoviglie, sostituiti non solo per necessità ma anche per per ottimizzare i consumi energetici.

Bene gli spumanti, anche all’estero
Un altro boom che riguarderà le vendite durante le festività riguarda la vendita di spumanti italiani. I dati Istat, elaborati da Ismea (partner dell’Osservatorio del Vino) parlano di una chiusura delle vendite, di 700 milioni di bottiglie, registrando un +5% rispetto allo scorso anno. In Italia (dove ri registra un +4% se ne venderanno complessivamente 190 milioni mentre 500 milioni (+6%) saranno destinate all’esportazione.

Libri e capi d’abbigliamento sempre al top
I regali più gettonati, secondo l’indagine Confesercenti-SWG, secondo cui la metà delle tredicesime in arrivo saranno dedicate agli acquisti, sono libri (segnalati dal 41% degli intervistati), capi d’abbigliamento (38%), regali gastronomici (33%), vini (20%), accessori moda, giochi o videogiochi e prodotti tecnologici, tutti e tre al 19%. Più distanti nella classifica dei doni più acquistati l’arredamento e cose per la casa (indicati dal 14%), gli elettrodomestici (11%), seguiti da calzature (8%) e viaggi (4%).

Sotto l’albero piacciono i buoni acquisto
Differente, invece, a leggere l’indagine di Confesercenti, la classifica dei regali che gli italiani vorrebbero trovare sotto il proprio albero. «In cima alle preferenze, a grande distanza, ci sono i buoni acquisto, da spendere come e quando si vuole nei negozi di propria scelta e desiderati dal 20% degli intervistati. Seguono i libri (16%), i prodotti tecnologici ed i regali enogastronomici (entrambi al 15%), poi capi d’abbigliamento (13%), profumi o cosmetici (8%), smartbox o simili (5%), arredamento/cose per la casa (4%) e infine gioielli e giochi (entrambi al 2% delle preferenze)».

© Riproduzione riservata