Economia

Moda e lusso, fatturati in crescita del 2,4% ma gli stipendi sono…

  • Abbonati
  • Accedi
Servizio |settore da 400mila addetti

Moda e lusso, fatturati in crescita del 2,4% ma gli stipendi sono in stand-by

Nonostante il 2017 sia stato un anno positivo per il settore della moda e del lusso, con un incremento del fatturato del +2,4%, spostando i riflettori sugli stipendi di chi ci lavora emerge che negli ultimi 4 anni solo per i quadri si è avuta una dinamica retributiva in crescita, mentre sulle altre qualifiche della filiera i trend sono al ribasso o in stagnazione.

IL SETTORE IN CIFRE
Fonte: eleborazione Job Pricing per Badenoch & Clarck

Le retribuzioni nei settori della moda, lusso e del tessile, abbigliamento e accessori si posizionano anche sotto la media nazionale, con una retribuzione annua lorda media compresa fra i 27 e i 28mila euro lordi annui, rispetto alla media Italia di 29.380 euro.

Il settore occupa in totale oltre 400mila persone con una maggiore presenza operaia e femminile.

Il comparto tessile abbigliamento e accessori, in particolare, vede le retribuzioni medie degli impiegati toccare il -5% rispetto alla media nazionale
Badenoch & Clark, azienda specializzata nel recruiting di figure manageriali ed executive, in collaborazione con JobPricing, ha realizzato la prima indagine completa sulle retribuzioni del mondo Moda e lusso su oltre 400.000 osservazioni, che raccoglie informazioni su retribuzione annua lorda, quota variabile, dati per settore di una delle filiere più importanti per l'economica del Paese.
I trend delle retribuzioni di tutti i settori in Italia
Nel 2017 le retribuzioni mediamente sono cresciute dello 0,2%. Trend inferiore a quello registrato nel 2016, in cui le retribuzioni erano cresciute su base annua del 2,1%.

I TREND DELLA RETRIBUZIONE IN ITALIA
Fonte eleborazione Job Pricing per Badenoch & Clarck

Nel panorama del mercato retributivo italiano, le retribuzioni dei dirigenti sono pari a circa il doppio di quelle dei quadri, il triplo di quelle degli impiegati e il quadruplo di quelle degli operai.
I dirigenti nel 2017 hanno registrato un lieve incremento retributivo (+0,6%) rispetto all'anno precedente. Per i dirigenti la quota variabile è consistente, pari a una media di oltre 19mila euro e riferita al 77,8% di dirigenti che nell'ultimo anno ha percepito una quota variabile. L'incidenza media sulla retribuzione annua lorda di queste figure è pari al 20,2%.

© Riproduzione riservata