Economia

Bressanone punta su cucina, sci e wellness: investimenti per 50…

  • Abbonati
  • Accedi
turismo

Bressanone punta su cucina, sci e wellness: investimenti per 50 milioni

(c) Helmut Moling
(c) Helmut Moling

Bressanone rilancia sul turismo: ovvero su cucina, natura, sci e wellness. In corso di realizzazione investimenti per una cinquantinadi milioni (tra enogastronomia, wellness, sport, impianti, attività culturali, ricettività, trasporti). Dalla scorsa primavera è in attività l’hotel My Arbor, frutto del progetto della famiglia Huber che gestisce anche il ristorante Grissino e alcune locande in zona. My Arbor, sorge nella località boschiva Sant’Andrea a poca distanza dagli impianti di risalita per il comprensorio sciistico della Plose. Si tratta di un progetto architettonico avveniristico - frutto dell’ingegno dell’architetto Gerhard Tauber - che si fonda sulla integrazione del complesso ricettivo nell’ambiente naturale e boschivo. My Arbor - quattro stelle costato circa 25 milioni - dispone di oltre cento tra camere e suite immerse tra gli abeti, ed ha una delle Spa più grandi e meglio attrezzate delle Dolomiti, estesa su oltre 2.500 metri quadrati. Anche in questo caso il concetto di fondo è l’integrazione forte tra offerta benessere e ambiente naturale.

Ci sono diversi altri progetti di sviluppo alberghiero in corso nell’area di Bressanone (Brixen in tedesco).

L’hotel Rosalpina Dolomites sta per iniziare la ristrutturazione e la ripertura è prevista a maggio 2020. L’Hotel Clara, quattro stelle, sta incrementando le camere, realizzando nuove suites e un nuovo complesso wellness. L’Hotel Torgglerhof ha messo in cantiere un piano da 4 milioni per sviluppare l’area wellness e le suites. L’offerta ricettiva sta dunque puntando verso la fascia più alta del mercato e soprattutto su una forte offerta wellness, integrata con prodotti benessere e agroalimentari a chilometri zero.

Importanti investimenti riguardano poi il comprensorio sciistico della Plose che fa parte di Dolomiti Superski ma non dei grandi caroselli neve delle Dolomiti. La società Funivie Plose - il cui controllo fa capo alla famiglia Marzola che gestisce anche il Piz Sella - investirà 25 milioni nei prossimi 5 anni per rinnovare completamente l'impianto di innevamento, sostituire la cabinovia (migliorando i collegamenti con il centro abitato di Bressanone ) e realizzare una pista da slittino estiva su rotaia. I lavori per la realizzazione del bacino idrico per l'innevamento si concluderanno per la prossima stagione invernale. La pista da slittino estiva su rotaie, che funzionerà anche in inverno, è prevista per il 2021. Interessanti poi gli investimenti nel campo dell’offerta gastronomica. I rifugi in quota nell’area della Plose stanno sviluppando anche l’offerta serale sfruttando la possibilità di usufruire di collegamenti fino a tardi. Molto suggestivi sulla Plose i rifugi La Finestra e Rossalm. Le Plose Nights hanno riscosso molto successo. Si tengono ogni venerdì sera fino all'8 marzo. In queste serate si può slittare sulla pista da slittino illuminata RudiRun (9 chilometri di lunghezza), passeggiare (con torcia frontale) sul sentiero escursionistico fino al rifugio Rossalm oppure praticare sci alpinismo sulla pista Trametsch. Oltre a La Finestra e Rossalm, sono aperti la sera anche i rifugi Gasthof Geisler, Trametschhütte, Plosestodl e P3 Aprés Ski.

L’offerta gastronomica è generalmente improntata alla tradizione tirolese con innesti gourmet. Snow & Wine è un programma di escursioni enogastronomiche, sulla Plose in programma a fine marzo: ci si muove in slittino con una pausa in 3 rifugi alpini, dove sarà possibile degustare i vini della Valle Isarco e specialità gastronomiche. L’area - che conta cinque ristoranti stellati Michelin, di cui due bistellati - è interessata da diversi progetti nell’ambito della cucina. My Arbor sta investendo in questa direzione con Matthias Hinteregger, giovane chef che ha svilupato una offerta in linea con il concetto di simbiosi con la natura e l’ambiente arboreo che contraddistingue il posizionamento dell’hotel. Interessante anche il Brix01 degli chef Philipp Fallmerayer e Ivo Messner che stanno sviluppando una offerta fusion tra cucina tradizionale tirolese, specialità della Valle Isarco e risonanze mediterranee e internazionali.

Nutrito infine il programma culturale. Ampia l’offerta di visite al centro storico accompagnata da rappresentazioni teatrali sulle storie di luoghi e personaggi. Il Water Light Festival trasforma in maggio il centro di Bressanone in una galleria d'arte a cielo aperto. Artisti locali e internazionali allestiscono installazioni speciali giocando con i due elementi di luce ed acqua donando a Bressanone luoghi luminosi e magici. A maggio anche il Festival internazionale del teatro per i bambini. In giugno le celebrazioni dei cinquanta anni del gemellaggio tra Brixen e Regensburg. In estate la Plose si trasforma in un grande cinema a cielo aperto sul panorama delle Dolomiti . A fine luglio Bressanone ospita il Campionato italiano assoluto di atletica, dopo quello di scacchi tra aprile e maggio. E per concludree, il mercato di Natale tra fine novembre e l’Epifania.

© Riproduzione riservata