Economia

Fallisce la torinese Peyrano, cade un altro marchio storico del cioccolato

  • Abbonati
  • Accedi
crisi aziendali

Fallisce la torinese Peyrano, cade un altro marchio storico del cioccolato

(Imagoeconomica)
(Imagoeconomica)

La famiglia di Simona ha lavorato per Peyrano da almeno due generazioni. Ora lei è tra i sette dipendenti che l’estate scorsa hanno lasciato l’azienda con mesi di stipendio in arretrato. Altre tre persone sono rimaste invece a lavorare nel punto vendita di corso Moncalieri a Torino. Il Tribunale di Torino ha sancito il fallimento del marchio storico di cioccolato piemontese e ora toccherà al curatore fallimentare decidere quali saranno le prossime mosse. La storia del marchio Peyrano arriva da lontano, così come pure le difficoltà.

Nel 1920 Antonio Peyrano, il fondatore, trasforma il piccolo laboratorio torinese dove si facevano caramelle e avvia la produzione di cioccolato, diventando poco dopo fornitore ufficiale della Casa reale. Nel 1963 la famiglia rileva la pasticceria Pfatisch di corso Vittorio Emanuele, in centro città, mentre la cessione della maggioranza di Peyrano al Gruppo Maione risale al 2002. Dopo poco la famiglia esce e Maione resta l’ unico proprietario del marchio.

Il fallimento, il primo, arriva nel 2010. I dipendenti lanciano un appello alla città per comprare i prodotti in magazzino e portare liquidità in cassa. All’asta per aggiudicarsi la società ritorna la famiglia Peyrano, in particolare Bruna e Giorgio Peyrano, e la storia sembra poter ricominciare. In realtà le cose non sono mai davvero ripartire, l’impresa non è tornata in bonis e l’attività ha accumulato debiti e affitti in arretrato con la proprietà delle mura, fino a che la situazione non è precipitata.

Prima è arrivato lo sfratto esecutivo per morosità, poi le difficoltà a pagare gli stipendi della decina di dipendenti fino a che, a luglio scorso, i lavoratori, seguiti dalla Cgil, si sono licenziati e hanno presentato un’ingiunzione di pagamento alla proprietà, lamentando un arretrato di almeno sette mensilità. «Già lunedì – dice Letizia Caparelli, Flai Cgil – presenteremo la situazione dei nostri assistiti alla curatela per tentare di recuperare qualcosa nei prossimi mesi».

La situazione è molto complessa perché sul marchio Peyrano già pende una doppia ipoteca da parte delle banche, dunque sarà il curatore a decidere cosa sarà possibile valorizzare attraverso un’asta, a partire ad esempio dai macchinari presenti nel laboratorio, e come tutelare i creditori. L’udienza del Tribunale è fissata per l’11 giugno prossimo.

© Riproduzione riservata