Motori24

Dossier Dalle station wagon ai suv tante novità in arrivo per le flotte

  • Abbonati
  • Accedi
    Dossier | N. 10 articoli Auto aziendali, l’offerta, le formule e lo scenario di mercato

    Dalle station wagon ai suv tante novità in arrivo per le flotte

    La A6 è al vertice della gamma Audi, seconda sola alle A7 e  A8. È offerta anche nella versione Avant (cioè station wagon, nella foto) che abbina comfort e versatilità. È indicata  per chi non vuole cedere alla moda dei suv. Tutti i motori sono mild-hybrid a 12 o 48 volt
    La A6 è al vertice della gamma Audi, seconda sola alle A7 e A8. È offerta anche nella versione Avant (cioè station wagon, nella foto) che abbina comfort e versatilità. È indicata per chi non vuole cedere alla moda dei suv. Tutti i motori sono mild-hybrid a 12 o 48 volt

    Station wagon, suv, crossover e shooting brake. L’offerta di nuovi modelli dedicata alla clientela business è sempre più ricca, con il motore diesel che continua a essere la scelta preferita dai fleet manager e al tempo stesso con le versioni ibride tradizionali e ibride plug-in in aumento tra le possibilità per l'utilizzatore. Qualità ormai irrinunciabili per i modelli dedicati alle flotte sono sicurezza, connettività e ridotti costi di gestione. Questo si traduce in un lungo elenco di sistemi Adas, a partire dall'irrinunciabile frenata automatica fino al cruise control adattivo con mantenimento della carreggiata, e a motorizzazioni per la maggior parte diesel dai consumi contenuti.

    Se i modelli elettrici rappresentano una piccola nicchia dell'intero parco business in Italia, modelli ibridi e le ultime novità ibride plug-in sono sempre più preferite dai fleet manager. Il motivo è legato a diversi fattori, a partire dalle policy sulle emissioni di gruppi globali o ai vantaggi legati all’accesso alle zone a traffico limitato. Un ottimo compresso per abbinare bassi costi di gestione all’alimentazione ibrida è la nuova Audi A6 Avant in versione 40 TDI quattro ultra S tronic. Spinta dal quattro cilindri diesel da 204 cavalli, ora con basamento in alluminio, rispetta la normativa Euro 6d-Temp con omologazione Wltp. I consumi ridotti, con 4.7 l/100 km nel ciclo misto, sono possibili grazie a soluzioni come la trazione integrale che si attiva solo in caso di necessità e la tecnologia Mild hybrid a 12 volt che le assicura l’omologazione ibrida e riduce l’investimento in carburante.

    A bordo troviamo tutto il necessario per trasformare la A6 Avant in un ufficio mobile a partire dall’ambiente connesso fino all’assistente vocale intelligente. Sul fronte della guida autonoma la station wagon tedesca arriva al livello 2, con una delle dotazioni più complete del suo segmento. A completare l’elenco troviamo una capacità di carico a partire da 565 litri su un corpo vettura lungo 4.94 metri. Tra le novità dedicate alle flotte, restando tra i marchi tedeschi, spicca la Mercedes Classe E 300 EQ Power. La prima ibrida plug-in del marchio di Stoccarda abbina il motore diesel da 194 cavalli all’unità elettrica da 122 cv e al cambio automatico 9G-Tronic. All’avanguardia sul fronte della dotazione tecnologica, garantisce un’autonomia a zero emissioni di 50 km. I bassi consumi sono il punto di forza anche della Kia ProCeed 1.6 Crdi Dct, shooting brake del marchio coreano che piace per la ricca dotazione di bordo (tra cui connettività con Apple CarPlay e Adroid Auto), a dispositivi Adas e consumi ridotti.

    Le vetture più moderne offrono interfacce uomo macchina digitali con schermi touch. Nella foto la plancia della Audi A6 con virtual cockpit e sistema di infotaiment «black panel» privo di pulsanti fisici

    Passando al segmento Suv arriva la rinnovata Renault Kadjar, ora commercializzata anche con i benzina dotati di filtro antiparticolato da 140 e 160 cv; una soluzione interessante per l’utilizzatore con percorrenze annuali contenuti. A bordo nuovo schermo touchscreen e sistema d’infotainment R-Link 2. Restando tra i veicoli a ruote alte debutta su strada la seconda generazione di Range Rover Evoque, migliorata in particolar modo nella dotazione tecnologica a bordo con l’arrivo del doppio schermo sul tunnel e plancia e dei nuovi assistenti alla guida su strada e in fuoristrada. Commercializzata in versione benzina e diesel è disponibile anche ibrida e ibrida plug-in. Tornando alle station wagon, che però strizzano l’occhio alla vita all’aria aperta, la Volvo V60 Cross Country può essere la scelta ideale per chi cerca la funzionalità di suv ma non ama guidare in “alto”. Come tradizione la wagon svedese è un punto di riferimento in tema di sicurezza attiva e passiva e di assistenti alla guida. Promossa anche sul fronte della connettività, merito del sistema d’infotainment Sensus montato a bordo. Per le motorizzazioni si può scegliere esclusivamente l’unità diesel D4 da 190 cavalli con trazione integrale e cambio automatico, mentre per chi punta all’ibrido plug-in bisogna optare per il modello V60 standard.

    © Riproduzione riservata