Economia

Industria 4.0, gruppo Sesa acquisisce il 60% della tedesca Pbu…

  • Abbonati
  • Accedi
soluzioni it

Industria 4.0, gruppo Sesa acquisisce il 60% della tedesca Pbu Cad-Systeme

L'industria 4.0 è fatta da macchine intelligenti e, dunque, da software che le guidano. È allo sviluppo di questo business che guarda ora il gruppo SeSa di Empoli (Firenze) che, attraverso la controllata Var Group, ha acquisito il 60% di Pbu Cad-Systeme, azienda della Baviera attiva nelle soluzioni information technology per la manifattura 4.0.

Per il gruppo toscano, ai vertici in Italia nei servizi di It per la clientela business e quotato in Borsa, si tratta della prima operazione all'estero dopo la forte crescita realizzata negli ultimi anni in patria: il bilancio 2018 si è chiuso al 30 aprile con ricavi consolidati per 1,36 miliardi di euro, un margine operativo lordo (ebitda) pari a 63,1 milioni e un utile netto di 26,9 milioni. I dipendenti sono 1.650.

Il prezzo pagato per il 60% dell'azienda tedesca è 3,84 milioni al closing, più un earn out fino a 960mila euro legato alla continuità gestionale e reddituale nel periodo 2018-2021. Pbu nel 2017 ha fatturato 8,5 milioni con un margine operativo lordo (ebitda) di 917mila euro e un utile netto di 619mila euro. La posizione finanziaria netta media annuale è positiva per circa 2 milioni. Nel 2018 l'azienda - che fornisce soluzioni It a più di 600 imprese manifatturiere tedesche con un team di 40 persone e ha una storica partnership con Siemens Industry Software - ha realizzato ricavi preliminari in linea con l'anno precedente, così come in linea appare il budget 2019.

I soci fondatori di Pbu potranno esercitare un'opzione put per la vendita del residuo 40% in due finestre temporali (gennaio 2022 o gennaio 2025).
Con questa operazione il gruppo Sesa compie così il primo passo importante verso l'internazionalizzazione, con l'obiettivo di creare un hub europeo di digital manufacturing services che tra due anni prevede di avere 200 addetti e 35 milioni di ricavi in quattro Paesi europei (Spagna, Germania, Austria e Italia).

«Grazie a questa operazione – afferma l'amministratore delegato di Var Group, Francesca Moriani - costituiamo un polo europeo per accompagnare le imprese manifatturiere nel percorso di digitalizzazione di tutti i processi».

Un polo che potrebbe arricchirsi presto di altri tasselli. «Il Gruppo Sesa prosegue la strategia di focalizzazione sulle soluzioni It ad elevato valore aggiunto - afferma l'amministratore delegato Alessandro Fabbroni -. La leva della crescita esterna potrà essere ancora azionata se troveremo target industrialmente integrabili nel lungo termine».

© Riproduzione riservata