Beat Yesterday Awards 2021

Imprese sportive: assegnati i premi Garmin a chi ha realizzato il proprio sogno

Dal trail running al ciclismo, dalla nautica al motociclismo, passando per l'outdoor: i protagonisti di queste cinque storie hanno voluto mettersi alla prova in diverse avventure

di Paco Guarnaccia

I premiati e al centro Stefano Viganò

3' di lettura

Anche per il 2021 si è rinnovato l'appuntamento con i Garmin Beat Yesterday Awards con i quali la filiale italiana del brand americano leader in strumenti con tecnologia Gps, wearables e smartwatch ha premiato cinque progetti che hanno come punto di partenza un'impresa sportiva compiuta da persone comuni.

Di fatto un premio alla forza di volontà che permette di mettersi in gioco giorno dopo giorno e di superare i propri limiti. «Quando sei anni fa siamo partiti con questa iniziativa non pensavamo si sarebbe tenuta ogni anno - ha spiegato Stefano Viganò, ad di Garmin Italia, durante l'evento del 2 dicembre a Milano –. Poi ci siamo resi conto che la voglia delle persone di mettersi alla prova era davvero tanta e quella di uscire dalla propria comfort zone è stata ancora più forte del passato, soprattutto dopo il periodo che tutti abbiamo vissuto. La tecnologia di Garmin vuole ispirare a dare un senso ancora più profondo di quanto non lo sia già alla vita di coloro che sentono la necessità di fare qualcosa che faccia alzare l'asticella attraverso un percorso non solo sportivo, ma un'esperienza indimenticabile che lascerà il segno nelle loro vite. E noi vogliamo accompagnarle in questi momenti».

Loading...

I premiati e al centro Stefano Viganò

Il primo a ricevere il riconoscimento è stato Marco Martinez, un 25enne che, da grande appassionato di cultura classica, dal fiume Arno si è diretto fino alla Turchia in barca a vela, toccando prima le coste del sud Italia che un tempo facevano parte della Magna Grecia e poi quelle greche. A premiarlo è stato Michele Cannoni del Team Luna Rossa che ha annunciato che la squadra italiana ritenterà la conquista della prossima America's Cup di vela. Il famoso alpinista valdostano Hervé Barmasse ha consegnato il premio a Enrica Gouthier, una giovane madre che dopo cinque anni di allenamenti si è cimentata, con successo, nella Utmb (Ultra Trail du Mont Blanc), una gara lunga 170 km per 10mila metri di dislivello positivo. Il toscano Wolfango Poggi è salito sulla sua bicicletta da corsa a Firenze e ha cominciato a pedalare in direzione Belgrado (città a lui molto cara per motivi familiari) per raccogliere fondi per la fondazione del campione di tennis Novak Djokovic destinati alle migliorie di un asilo di un villaggio serbo. Lui è riuscito a raccogliere 10mila euro, il resto della cifra necessaria per il completamento dei lavori è stata messa dal tennista. A premiare Poggi c'erano Norma Gimondi, figlia della leggenda del ciclismo Felice Gimondi e Alessandro Ballan, Campione del Mondo in linea nel 2008 a Varese.

La recentissima maternità non ha fermato, a soli due mesi dal parto, il sogno di Domitilla Quadrelli di gareggiare allo Swank Rally di Sardegna, una delle gare più dure del motociclismo off-road. Una volta compiuta l'impresa ha anche organizzato un bootcamp di motociclismo per sole donne per spronarle a realizzare i propri obiettivi. A consegnare il premo alla Quadrelli c'era il motociclista italiano di enduro Alessandro Botturi. Infine, la Iena Matteo Viviani ha premiato Roberto Carnevali e il figlio 21enne Manu, affetto da un disturbo dello spettro autistico, che condividendo delle escursioni in montagna sono riusciti a trovare la chiave per avere un modo di comunicare che ha fortificato il rapporto tra di loro.

«Garmin è al polso di molti professionisti ma anche di chi semplicemente vuole camminare e compiere la sua impresa quotidiana - dice Viganò –. Per questo amiamo che in questa occasione siano i campioni dello sport a premiare gli altri: una sorta di passaggio di testimone per dire anche voi ce l'avete fatta come ce l'abbiamo fatta noi».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti