ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùtassazione

Imu-Tasi, il taglio entra in manovra: ecco le coperture

Cambio di rotta dopo l’ipotesi di fusione: sopprimere la Tasi, ridurre l’Imu selettivamente, recuperare il sommerso (5,1 miliardi) mandando l’F24 a casa o inserendolo nel 730 precompilato

di Nicoletta Cottone


Imu-Tasi, il taglio entra in manovra: ecco le coperture

3' di lettura

Obiettivo: superare i doppioni che moltiplicano la tassazione. Cambio di rotta dopo l’ipotesi di fusione Imu-Tasi: ora si lavora all’abolizione della Tasi e a tagli mirati per l'Imu. Ne parliamo con Alberto Gusmeroli, vicepresidente della commissione Finanze della Camera, padre della proposta e deputato in quota Lega. Che illustra al Sole24Ore.com una serie di novità, a partire dal fatto che la misura entrerà in manovra.

GUARDA IL VIDEO - Imu-Tasi, il taglio entra in manovra: ecco le coperture

Come mai avete deciso di andare oltre l’iniziale fusione fra Imu e Tasi?
«Semplice, durante le audizioni abbiamo verificato una serie di cose. Uno che c'è un'evasione e un sommerso ampissimo: 5,1 miliardi su 20 miliardi di versamenti. Seconda cosa: che la Tasi è solo, tra virgolette, 1,1 miliardi. Durante le audizioni ho chiesto alla dirigente del Mef di trovare la copertura, con diminuzioni di spesa, della maggiorazione Tasi di 270 milioni. Perché, comunque, che si fonda l’Imu e la Tasi, o che si tagli la Tasi, i 270 milioni di euro della maggiorazione Tasi bisognava trovarli. Ovviamente la disponibilità della dirigente c'è stata. A quel punto un miliardo e cento meno 270 milioni, il gioco è fatto. Invece di andare a fondere le due imposte con tutte le criticità del caso, basta sopprimere con 830 milioni in più la Tasi. E io credo che si debba anche esentare e ridurre alcune categorie.

GUARDA IL VIDEO - Imu-Tasi: ecco dove agiranno i tagli chirurgici

Quali sono i nuovi obiettivi?
«Gli obiettivi sono sicuramente: uno, sopprimere la Tasi, perché è una duplicazione rispetto all'Imu. E quindi tutti i cittadini risparmieranno un miliardo e cento. Due: ridurre selettivamente alcune fattispecie, tipo negozi sfitti, appartamenti occupati. Oppure si può intervenire anche su alcune fattispecie di case, chiamiamole ex di lusso, che in realtà ormai non sono più di lusso. Oppure altre fattispecie, tipo gli immobili inagibili. Selettivamente si può intervenire e fare un po’ più di equità. Terza cosa importante: per recuperare il sommerso ( 5,1 miliardi) bisogna o mandare l’F24 a casa o inserirlo nel 730 precompilato».

Conti alla mano, dove troverete le coperture?
«Le coperture sono sicuramente 270 milioni in diminuzione di spese: si è impegnato il Mef. Il resto col recupero dal sommerso, esattamente come è stato fatto con la fattura elettronica. Con la fattura elettronica è stato detto: mettiamo 2 miliardi in bilancio, che sarà il recupero dell'evasione, con tutti i punti interrogativi del caso. Benissimo: la stessa identica cosa.

Noi qui sappiamo che abbiamo 5 miliardi di sommerso, si mette quanto serve per sopprimere la Tasi, più le riduzioni o esenzioni selettive, e a quel punto si trovano le risorse. Pensiamo che su 5 miliardi, credo che un miliardo, un miliardo e mezzo di recupero dell’evasione non sia impossibile. Fra le altre mandando a casa un bollettino che semplifica anche la vita al cittadino. Con questa operazione noi facciamo pagare meno al cittadino e gli semplifichiamo la vita: non va più dal commercialista a farsi compilare i bollettini. É tutto più semplice e pagano un po’ meno tutti i cittadini in Italia».

Come eviterete che i Comuni assorbano i tagli ritoccando al rialzo l'Imu?
«Ovviamente nel legiferare questa norma bisogna contemperare quest'ipotesi e far sì che la soppressione della Tasi non venga coperta con gli aumenti. I Comuni possono aumentare solo la parte eccedente e non quella fattispecie. Chi ha fatto l’uso di Tasi, non potrà aumentare dell'uno, l'uno e mezzo, il due, il due e mezzo. Sarà un tecnicismo che peraltro si sta preparando. E anche di facile realizzazione».

Per velocizzare l'iter entrerà in manovra?
«Assolutamente, perché abbassare le tasse sulla casa credo sia una priorità, anche per rilanciare il settore».

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...