ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùEnergia

In Ambiente e servizi Pisa e Siena le più vivibili, aria al top a Sud

Record di fonti rinnovabili a Benevento. Il 100% di luci a led in 10 città, da Fermo a Varese

di Giacomo Bagnasco

2' di lettura

È il capitolo della Qualità della vita dove si sono avvicendati più indicatori, quello dedicato ad «Ambiente e servizi». Da qui deriva una mobilità non indifferente a livello di classifica generale. Che quest’anno è dominata dalla Toscana: con Pisa al primo posto grazie alla media dei risultati piuttosto che a singoli exploit, e con Siena, Firenze e Grosseto che terminano rispettivamente seconda, sesta e nona. Bolzano e Trento, quarta e settima, si confermano nella top ten, come fanno Parma, Venezia e Oristano, che però scende dal primo al quinto posto. Aosta è terza.

Sul versante ambientale sono numerose le “riprese” dell’indagine Ecosistema urbano riguardante i Comuni capoluogo. La classifica generale stilata da Legambiente e Ambiente Italia premia Bolzano, mentre una elaborazione di vari parametri (polveri sottili, biossido di azoto e ozono) mette Matera, Ragusa e Agrigento in testa per la qualità dell’aria, con Torino, Bergamo e Monza in coda. Da altre fonti si è reso possibile documentare i primati di Imperia (davanti a molte meridionali nell’indice del clima) e di Genova, per l’assenza di “siccità” prolungate. Ultima, in questo caso, è Cagliari.

Loading...

Si può ritenere, poi, che sia collegato a fattori climatici anche il dominio del Sud per i limitati consumi di gas naturale ed energia elettrica nei capoluoghi, una voce nuova e importante in questo momento di grave crisi: padrona è un’isola, con Sud Sardegna, Nuoro, Sassari e Cagliari ai primi quattro posti. La prima non meridionale è Grosseto, 23ª, mentre le performance peggiori riguardano Comuni della Pianura padana.

Sostenibilità e digitalizzazione

Un altro parametro all’esordio è quello dell’illuminazione pubblica sostenibile. Dieci Comuni ben distribuiti nel Paese si affidano esclusivamente a punti luce a led. Ma la media dei capoluoghi è inferiore al 50% e in sei casi la “conversione” deve ancora iniziare. Quanto a produzione di energia da fonti rinnovabili si afferma Benevento, seguita da Aosta e Barletta-Andria-Trani.

Torna una prevalenza del Centro e del Nord per la distribuzione di sportelli bancari Atm (i bancomat, insomma) con Siena al primo posto, seguita da Aosta seconda e Parma terza. Il Sud non sta al passo e l’ultima, Reggio Calabria, ha un sesto degli sportelli di Siena.

All’avanguardia per la digitalizzazione degli enti locali sul territorio – considerando fra l’altro servizi online, wifi e open data – si trovano sei delle 12 province più popolose del Paese. Sulla base dell’indice ICityRank di Fpa, la maglia rosa va a Firenze, seguita da Milano. Fra le terze a pari merito compaiono Bergamo, Bologna e Roma, mentre Torino è undicesima.

Tre indici sintetici del Sole 24 Ore, poi, misurano le performance delle province per quanto esse “offrono” a diversi segmenti della popolazione: se Aosta è la più a misura di bambino, Piacenza svetta in riferimento ai giovani e Cagliari si prende più cura degli anziani.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti