la gara cambia formula

In un anno dalla fabbrica al palco di Sanremo: chi è Einar primo vincitore del concorso Giovani

di Marta Cagnola


default onloading pic
Einar Ortiz si esibisce durante la prima serata di “Sanremo Giovani”, Sanremo, 20 dicembre 2018. (ANSA/RICCARDO DALLE LUCHE)

2' di lettura

Einar Ortiz, per il pubblico solo Einar, classe 1993, raggiunge i big del Sanremo 2019. La nuova formula voluta da Claudio Baglioni, infatti, stacca la gara dei giovani dal tradizionale appuntamento di febbraio e la fa diventare un primo gradino verso l'Ariston. Due sere di dicembre, due vincitori che andranno a sfidare i grandi sul palco più tradizionale del pop italiano. Accento bresciano, Einar è nato a Cuba e ci è rimasto fino all'età di nove anni. Un nuovo italiano, insomma, ma lui non vuole sentirsi una bandiera: «Ascoltate solo la mia canzone - dice - dopotutto sono qui già da quindici, sedici anni, non importa da dove si arriva». Dice che tutto è iniziato quando ha preso in mano una chitarra e ha cominciato a studiare da solo, ma che di fare questo lavoro non se lo sarebbe mai aspettato. «Ho iniziato a fare l’operaio a 17 anni - spiega - ho fatto il tornitore per cinque anni, poi il filo diamantato. Ho provato la strada dei talent ma mi dicevo “chi vuoi che mi prenda, con tutta questa gente che canta così bene?”».

Claudio Baglioni annuncia: il Festival di Sanremo raddoppia

Eppure la grande occasione è arrivata col terzo posto ad Amici di Maria De Filippi. E ora il Sanremo dei grandi. «Ma è davvero così caotico come mi dicono? - chiede ancora incredulo - davvero mi faranno mille interviste, davvero ci sarà tutta quella gente?». Vero, verissimo, gli spieghiamo. Lui ripete «non ho mai provato uno choc così grande» e confessa che si aspettava che vincesse qualcun altro, anzi, qualcun'altra. Sicuramente Federica Abbate, premio della critica, entrata Papa e uscita cardinale: troppo favorita dagli addetti ai lavori alla vigilia, ha perso sul filo di lana. Si consolerà: insieme a Einar e ai senesi Deschema, terzi classificati, partirà per un tour ideato in collaborazione con il Ministero degli Esteri con concerti a Tunisi, Tokyo, Sidney, Buenos Aires, Toronto, Barcellona e Bruxelles negli Istituti Italiani di Cultura e nelle rappresentanze diplomatiche, dalla fine di marzo.

A febbraio, invece, tutto si ferma per il “Sanremone”. I primi big sono stati svelati in diretta tv: ci sono i ritorni di Loredana Bertè, Paola Turci e Anna Tatangelo (le uniche tre donne per ora), Simone Cristicchi, Nek e Il Volo. Einar gioca nel campionato di altri due giovani amatissimi: Irama (che ha vinto proprio quell'Amici) e Ultimo, che dopo la vittoria tra i giovani l’anno scorso ha passato un anno travolgente, tanto da annunciare il primo stadio Olimpico. Arriveranno due voci nuove e di qualità come Motta (fresco vincitore della Targa Tenco per il miglior album) e Ghemon. Ci saranno gli Zen circus: venticinque anni di rock da festeggiare col pubblico delle grandi occasioni.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...