ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùcredito in crisi

In bilico la vendita di Carige. BlackRock si sfila, Värde frena

di Luca Davi

3' di lettura

BlackRock si chiama fuori dalla partita per l’acquisizione di Banca Carige, e lascia così spazio all’altro soggetto in lizza, l’americana Värde, che a breve alzerà il velo sulle proprie mosse: a quanto risulta, tuttavia, anche il fondo americano sembrerebbe freddo sul dossier. Per la banca ligure insomma la ricerca di un partner si mette in salita. BlackRock, il più grande fondo di asset management globale, fino a ieri appariva in corsa per presentare un’offerta vincolante per comprare la banca in difficoltà, dopo che nelle scorse settimane aveva condotto una due diligence e presentato una manifestazione d’interesse non vincolante. Per il 5 aprile, o al massimo per la metà del mese, si attendeva una decisione finale.

Ieri però, il numero uno in Italia del colosso mondiale ha chiarito la posizione del gruppo: BlackRock non comprerà Carige. «L’idea che Blackrock in modo proprietario stia per comprarsi una banca non ha base. Noi se compriamo compriamo altri asset manager o tecnologie. Questo è il nostro mestiere», ha dichiarato Andrea Viganò, responsabile di Blackrock per l’Italia.

Loading...

Nessun commento sulla singola operazione relativa all’istituto ligure, che nel caso dovrebbe essere realizzata tramite un fondo specifico. Tuttavia il manager ha indirettamente escluso anche una possibile acquisizione delle divisione private di Carige, Banca Cesare Ponti, ipotesi che era circolata nei giorni scorsi. «Che Blackrock stia per comprarsi una banca, una banca private o pezzi di una banca è una cosa che non appartiene al nostro modo di funzionare». Insomma, se è vero che BlackRock si chiama fuori dall’acquisto della partecipazione di maggioranza dell’istituto ligure, secondo alcune fonti non è da escludere che un qualche interesse permanga. Magari nella prospettiva di un’alleanza dell’asset management e di una partecipazione ridotta nel capitale della banca, ma comunque a valle della ricapitalizzazione da 630 milioni necessaria a ripulire l’istituto da 1,9 miliardi di crediti deteriorati (fronte su cui è eventualmente pronta a intervenire la Sga). Solo in quest’ottica specifica, insomma, BlackRock potrebbe eventualmente valutare un’offerta nei prossimi giorni, anche se va detto che i tempi sarebbero molto stretti, e non del tutto compatibili con quelli di un soggetto strutturato come il fondo globale.

La palla al fondo Värde

In campo a questo punto rimane il fondo Värde, una cui decisione sul dossier Carige sembra imminente da parte del comitato di investimenti. Ieri fonti finanziarie tuttavia segnalavano come anche per il fondo che ha sede nel Minnesota risulti difficile procedere con una proposta per la banca controllata dalla famiglia Malacalza (27,5%). Nonostante il lavoro di approfondimento fatto in queste settimane, ad oggi apparirebbe complicato trovare la quadra sulla sostenibilità economica dell’intera operazione, considerato che il perimetro potenziale riguarderebbe sia i crediti deteriorati sia la parte in salute della banca.

Si vedrà nei prossimi giorni se gli orientamenti da parte dei due soggetti in campo saranno confermati, o se qualcosa cambierà tanto da favorire una virata in positivo. Un po’ di tempo in più in teoria ci sarebbe: la Bce ha appena prorogato l’incarico dei tre commissari di Banca Carige (Fabio Innocenzi, Pietro Modiano e Raffaele Lener) fino a fine settembre, e quindi di altri sei mesi rispetto alla scadenza fissata al primo aprile. Il clima tra i commissari, segnalavano ieri alcune fonti vicine alla banca, resta sereno. Tatticismi a parte, certo è che se davvero non si concretizzasse alcuna proposta sul tavolo dell’advisor Ubs, per la banca genovese si aprirebbero le porte all’ipotesi di una ricapitalizzazione pubblica della banca, che è già finanziata.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti