MADE IN ITALY

In Cina Janssen apre il sito clone di Latina

Parte con la produzione di un miliardo di pillole lo stabilimento costruito con tecnologie e know how italiano

di Ernesto Diffidenti


default onloading pic
Il sito di Xian. Lo stabilimento appena aperto nel capoluogo della provincia di Shaanxi, realizzato copiando pianta, tecnologie, fornitori, macchine e magazzino del sito laziale

3' di lettura

I cinesi, si sa, sono fanatici della riproduzione fino ai minimi dettagli. Hanno ricostruito Venezia e il Colosseo ma anche reinterpretato la tecnologia occidentale e importato tante idee made in Italy. In un caso più unico che raro anche gli americani della multinazionale del farmaco Johnson & Johnson hanno voluto “copiare” qualcosa di italiano in terra cinese: lo stabilimento Janssen di Latina, il più avanzato dal punto di vista di layout, tecnologie, flussi e processi. Detto, fatto: lo stabilimento è stato realizzato a Xian, capoluogo della provincia di Shaanxi, nella Cina Centrale, duplicando la pianta, le tecnologie, i fornitori, le macchine e il magazzino del sito laziale.

Esattamente così com’è, dunque, il modello italiano è stato “clonato” in Cina. Pensato quattro anni fa, oggi è diventato produttivo con l’uscita dei primi lotti commerciali di capsule, compresse e bustine effervescenti. Nelle sue linee, ideate e disegnate da ingegneri italiani e costruite con tecnologia tricolore, potranno essere confezionate fino a 2 miliardi di pillole: al momento se ne producono solo la metà.

«C’era la necessità di spostare lo stabilimento da dentro a fuori la città – spiega Pietro Santoro, Head of HR Supply Chain and R&D Italy – in un’area più comoda logisticamente e porre le basi per un sito che producesse non solo per la Cina ma potenzialmente per tutta l’Asia. Dall’assessment globale, sia all’esterno che all’interno dell’azienda, è risultato che il plant di Latina fosse lo stabilimento da copiare». Una scommessa importante per Johnson & Johnson che ha messo sul piatto investimenti per 350 milioni di dollari.

Si è attivata così una complessa macchina che 3 anni fa ha visto partire intere squadre di ingegneri, responsabili della qualità, responsabili del progetto, disegnatori e progettisti con destinazione Xian dove le delegazioni si sono trasferite stabilmente fino allo scorso dicembre, partecipando anche alla formazione di professionisti e operai cinesi. «Dall’Italia – aggiunge Santoro - è stata importata non solo l’innovazione e, dunque, macchine e automazione, ma anche processi e flussi che regolano tutta la complessa struttura generale».

Lo stabilimento Janssen di Latina, infatti, è sempre stato un modello di eccellenza per innovazione e caratteristiche dei sistema produttivi e layout fino all’introduzione nella produzione farmaceutica del continuous manufacturing che diminuisce i costi, velocizza la produzione, aumenta la qualità e rende flessibile la commercializzazione.

Anche così Janssen Italia, sotto la regia del presidente e amministratore delegato Massimo Scaccabarozzi, è riuscita a crescere del 78% in dieci anni ed entrare nella top ten delle industrie farmaceutiche. Un aumento, quello del fatturato, trainato dall’incremento dei volumi legato al continuo lancio di prodotti innovativi e alla costante crescita della produzione: 4 miliardi di pillole realizzate nel 2018 che diventeranno 5 miliardi nel 2021, per il 90% destinate all’export. Il sito di Latina è stato oggetto di continui investimenti: dal 2012 al 2017 ha potuto contare su un budget di 115 milioni per ampliare la superficie produttiva di oltre 3mila metri quadri e rafforzare l’occupazione, mentre altri 58 milioni sono previsti da qui al 2021 e serviranno a stabilizzare 50 addetti con contratto a tempo indeterminato. In questo periodo l’incremento dell’occupazione è stato di circa 300 persone, arrivando così agli attuali 650 dipendenti (di cui il 60% donne) mentre il sistema 4.0 ha quintuplicato la capacità produttiva fino a 100 kg di compresse l'ora.

Ma la Cina non ha potuto copiare per intero questo sistema, frutto di un continuo aggiornamento e studio. «La linea in continuous, fiore all'occhiello dello stabilimento di Latina, per ora resta in Italia – sottolinea Santoro –. Ma potrà essere un'opzione di sviluppo futuro. Per ora a Xian si producono molecole molto semplici per il mercato locale che solo da poco si sta aprendo alle innovazioni della medicina occidentale».

A rifornire parte dell'Asia, quindi, sarà ancora lo stabilimento di Latina che, da ultimo, ha ricevuto il via libera per la commercializzazione anche dalle autorità del Giappone.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...