ANTI BLACK FRIDAY

In Europa e Usa spuntano inviti a boicottare la corsa agli acquisti

I brand cercano di dare un nuovo significato a Black Friday e Cyber Monday, anche in ottica sostenibile

di Giulia Crivelli

Riciclo. La foto usata da Patagonia per promuovere il recupero degli scarti

2' di lettura

Black Friday e Cyber Monday negli Stati Uniti sono una tradizione autentica (quasi) come Thanksgiving, forse l’unica festività inventata in loco. Persino gli americani però – o almeno alcuni brand – iniziano a mettere in discussione le due date di shopping sfrenato, benedizione per i bilanci di chi vende online e offline, ma pure esempio di un consumismo lontano dalla sempre più diffusa sensibilità sulla necessità di acquisti responsabili. A maggior ragione in tempi di transizione ecologica e di Covid, visto che il Black Friday è sinonimo di code e assembramenti.

Non si tratta di boicottare il Black Friday, ma di dargli un nuovo significato, visto che di festività si tratta: negli Stati Uniti quello che inizia con il Thanksgiving è un week end lungo, che inizia di giovedì (sempre l’ultimo di novembre) con una maratona a tavola e prosegue, per la maggior parte degli americani, con tre giorni di libertà dal lavoro. Tempo libero che molti brand invitano a usare in modo diverso: Patagonia, pionieri dell’ecosostenibilità, propone (anche in Italia) di dedicare il Black Friday alla riparazione dei capi che già abbiamo, che siano o no dell’azienda californiana.

Loading...

Anche in Europa qualcosa si muove. Il marchio di cosmetici italiano Oway ha deciso di chiudere negozi ed e-commerce per il Black Friday (si veda Moda24 di venerdì 19 novembre), mentre Ecoalf, marchio spagnolo di abbigliamento e accessori ha persino coniato l’hashtag #breakthehabitnottheplanet, che potremmo tradurre con: demoliamo l’abitudine, non il pianeta.

«Per Black Friday offriamo lo sconto 0% per prevenire l’impulso a comprare – ha spiegato Ecoalf – tra i marchi più coerenti nell’approccio circolare alla produzione –. Se non compriamo un prodotto a prezzo pieno, probabilmente non ne abbiamo realmente bisogno. Dove e come decidiamo di spendere il nostro denaro è correlato al futuro che vogliamo dare al pianeta». Per dare maggior forza al messaggio l’azienda spagnola ha collaborato con il poeta e regista Tomos Roberts (in arte Tomfoolery, che in inglese significa “scherzare con le parole”): è nata così la poesia Pile on (ammucchiare), che parla della facilità con la quale compriamo e poi buttiamo abiti e accessori e della necessità di cambiare questa abitudine prima che «arrivi il giorno/quando tutti noteremo/che non ci sarà più spazio sul mucchio».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti