luxury

In hotel con il jet privato

Lo storico hotel Badrutt's Palace inaugura i voli personalizzati per i clienti inglesi. È un primo test, per poi ampliare il servizio ad altri turisti chiave per l'Engadina

di Sara Magro

2' di lettura

Nel febbraio 1920, il pilota Alfred Comte decollò per la prima volta dal lago ghiacciato di St. Moritz per Londra. Erano gli esordi dell'aviazione, all'epoca più un miracolo più che una conquista ingegneristica. Esattamente un secolo dopo, il 14 febbraio l'hotel Badrutt's Palace inaugura il jet privato Dornier 328 da 32 posti per collegare l'aeroporto londinese di Biggin Hill con quello di Samedan, vicinio a St Moritz.

Preceduto da Four Seasons, Aman e da altri gruppi alberghieri, il cinque stelle non è il primo ad avere un aereo privato, ma senz'altro tra i primi alberghi indipendenti a offrire un tale servizio. “Palace in the air” porta l'alta ospitalità a un nuovo e inaspettato livello di comfort, che per esempio, semplifica il viaggio con check-in veloce e disponibile fino a 45 minuti prima della partenza, e volo di un'ora e 45 minuti.

Loading...

Il servizio a bordo è in stile Badrutt's, quindi in guanti bianchi, e il catering è di Jason Atherton, lo chef inglese che firma anche il menu di tapas del King's, frequentatissimo ristorante con disco dell'hotel. All'aeroporto, una limousine attende gli ospiti per portarli comodamente davanti alla porta dell'hotel. In tal modo, lo stesso trasporto, spesso considerato una noia inevitabile, diventa un'esperienza speciale che fa parte del lussuoso soggiorno.

Questo primo collegamento è anche un test per valutarne altri con destinazioni chiave per St Moritz e per l'Engadina in generale. Il lancio coincide tra l'altro con l'entrata in vigore delle nuove regole di volo dell'aeroporto di Samedan/St. Moritz, che passano da IFR (regole di volo strumentale) a VFR (regole di volo visive) rendendo facile e sicuro l'atterraggio anche in caso in caso di maltempo e bassa visibilità. I nuovi voli sono condotti in modalità carbon neutral, il che significa che le emissioni sono compensate da investimenti in progetti internazionali di riduzione del carbonio, nella protezione della foresta pluviale e nei programmi di riforestazione.

I prezzi del nuovo servizio sono alti, ma proporzionati a quelli dell'hotel (camere da 725 CHF, circa 678 €) e di St Moritz in generale. Il volo di andata e ritorno parte da 1.600 CHF (circa 1.500 €) compresi i trasferimenti in limousine.

Storia e innovazione vanno di pari passo in certi monumenti dell'ospitalità. Il Badrutt's che certamente è stato uno dei primi a lanciare le vacanze di lusso a St Moritz, è da sempre in prima linea con le tendenze dell'alta villeggiatura: chef stellati e famosi (come Nobu Matshuisa), kitchen party, afternoon tea regali, fiori e decorazioni spettacolari, come quelle di Vincenzo D'Ascanio, il flower designer più famoso d'Italia che ha aperto in hotel anche il suo negozio.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti