Rapporto ISMEA

In Italia torna l’appetito per la carne: +5% nel 2018

di Food24


default onloading pic

    1' di lettura

    Cresce di oltre il 5% la spesa delle famiglie italiane per la carne rossa nel 2018, il valore più alto registrato degli ultimi sei anni. Una vera e propria inversione di tendenza messa in evidenza dall'Osservatorio permanente sul Consumo Carni, promosso da Agriumbria e presentato in Umbriafiere. Ad aumentare sono i consumi di tutte le diverse tipologie di carne, dal pollame (+4%) al maiale (+4%), ma è la bovina a far registrare il maggior incremento nel primo trimestre rispetto all'anno precedente, in un quadro di sostanziale stagnazione della spesa alimentare (+1,4%).

    Secondo l'Osservatorio, il consumo medio annuo in Italia di carne (pollo, suino, bovino, ovino) è sceso a 79 chilogrammi pro-capite, tra i più bassi in Europa, ma il 45% dei consumatori privilegia quella carne proveniente da allevamenti italiani, il 29% sceglie quelle locali e il 20% quelle con marchio Dop, Igp o con altre certificazioni di origine. Vola, infatti, il consumo di carni Igp con un balzo del 20% nel numero di animali di razze storiche italiane allevate negli ultimi 20 anni sulla base delle iscrizioni al libro genealogico. La domanda di qualità e di garanzia dell'origine, segnala infine l'Osservatorio, ha portato ad un vero boom nell'allevamento delle razze storiche italiane, che dopo aver rischiato l'estinzione, sono tornate a ripopolare le campagne dagli Appennini alle Alpi.


    La diffusione:
    Razza Piemontese: oltre 315.000 capi
    Razza Charolaise: oltre 15.000 capi
    Razza Limousine: oltre 65.000 capi
    Razza Podolica: oltre 35.000 capi
    Razza Marchigiana: oltre 52.000 capi
    Razza Chianina: oltre 46.000 capi
    Razza Romagnola: oltre 12.000 capi
    Razza Maremmana: 11.000 capi

      Brand connect

      Loading...

      Newsletter

      Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

      Iscriviti
      Loading...