Attualità

Coronavirus oggi: Bozza Iss: in Calabria, Liguria e Veneto misure anche dopo le feste. Arcuri, ad oggi vaccinati 9.803 italiani

● Via libera in Gran Bretagna al vaccino AstraZeneca-Oxford, prime vaccinazioni dal 4 gennaio
● In Germania oltre mille morti in 24 ore
● California estende il lockdown, ospedali in emergenza
● Il vaccino cinese Sinopharma efficace al 79%
● Meno viaggi per i turisti cinesi
● Un’infermiera è la prima vaccinata di Singapore
● La Newsletter con il punto sulla pandemia
● I dati di ieri - Il video

default onloading pic
Singapore, la prima vaccinazione all’infermiera Sarah Lim - Afp
  • Bozza Iss: incidenza ancora alta, mantenere linea del rigore

    Sebbene si osservi una diminuzione dell'incidenza a livello nazionale negli ultimi 14 giorni (305,47 per 100.000 abitanti vs 329,53 per 100.000), complessivamente l'incidenza rimane ancora molto elevata e l'impatto dell'epidemia è ancora sostenuto nella maggior parte del Paese. Lo rileva la bozza di monitoraggio Iss-ministero Salute. Inoltre, si continua ad osservare nella maggior parte delle Regioni/PPAA un rischio Moderato o Alto di una epidemia non controllata e non gestibile. Ciò conferma la necessità di «mantenere la linea di rigore delle misure del periodo delle feste».

    Silvio Brusaferro e Sergio Locatelli (Ansa)

  • Brasile, 55.649 nuovi contagi e 1.194 vittime

    Il ministero della Salute brasiliano ha comunicato che oggi nel Paese sudamericano ci sono stati 55.649 nuovi contagi e 1.194 vittime.

  • Bozza Iss: in Calabria, Liguria e Veneto misure anche dopo le feste

    Le Regioni Calabria, Liguria e Veneto hanno un Rt puntuale compatibile con uno scenario tipo 2. Questo «desta particolare preoccupazione e pertanto si esorta a considerare di applicare le misure previste, per i livelli di rischio attribuiti, anche alla fine di queste festività». Lo afferma la bozza di monitoraggio Iss-ministero della Salute.

  • Bozza Iss: da mobilità e contatti interpersonali rischi rilevanti

    «Le aumentate mobilità e interazione interpersonale tipica della socialità di questa stagione potrebbero determinare un aumento rilevante della trasmissione di SarsCoV-2»: lo si legge nella bozza del Monitoraggio settimanale Ministero Salute-Iss sull'andamento settimanale dell'epidemia di Covid. «Questo comporterebbe un conseguente rapido aumento dei casi a livelli potenzialmente superiori rispetto a quanto osservato a novembre in un contesto in cui l'impatto dell'epidemia sugli operatori sanitari, sui servizi e sulla popolazione è ancora significativamente elevato».

  • Francia, 100.000 agenti dispiegati a Capodanno

    La Francia ha annunciato che per vigilare sul rispetto del coprifuoco anti-coronavirus la notte di Capodanno saranno dispiegati 100.000 tra poliziotti e gendarmi. Lo riporta il Guardian. Il ministro degli Interni, Gérald Darmanin, ha spiegato che gli agenti dovranno controllare che non si verifichino «assembramenti non autorizzati» ma anche «episodi di violenza nelle città». Al di là delle restrizioni imposte dal Covid, gli agenti saranno impiegati per evitare atti di vandalismo che si verificano ogni anno in Francia la notte del 31 dicembre come dare fuoco alle auto. Il numero di agenti di polizia dispiegati nelle città francesi a Capodanno è lo stesso dell'anno scorso.

    Vaccinazione al via in Francia (Reuters)

  • Iss: bozza, epidemia resta grave, 3 regioni con Rt sopra 1. Ma le terapie intensive scendono sotto la soglia

    L'epidemia Covid in Italia si mantiene “grave ancora a causa di un impatto elevato sui servizi assistenziali”. Lo evidenzia la bozza del monitoraggio Iss-ministero della Salute. Tre Regioni (Veneto, Liguria, Calabria) hanno un Rt puntuale maggiore di 1, compatibile quindi con uno scenario di tipo 2, altre 3 (Basilicata, Lombardia e Puglia) lo superano nel valore medio, e altre tre lo sfiorano (Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche). Ma nella bozza si osserva anche una diminuzione generale dell'impatto della epidemia nei servizi assistenziali, con i tassi di occupazioni dei posti letto in terapia intensiva e aree mediche sotto la soglia critica a livello nazionale per la prima volta dalla fine di ottobre. Comunque, ancora 10 Regioni/PPAA hanno un tasso di occupazione in terapia intensiva e/o aree mediche sopra la soglia critica.

  • Ricciardi, in grado vaccinare metà italiani primi 6 mesi 2021

    “Per il momento siamo in grado di vaccinare circa la metà degli italiani, ovvero circa 20 milioni, nei primi 6 mesi del 2021”. Lo spiega all'ANSA Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute e professore di Igiene e Medicina preventiva alla Cattolica. Lo slittamento delle previste dosi di vaccino Oxford-AstraZeneca “sarà infatti compensato da ulteriori dosi Pfizer. Dei 100 mln di dosi Pfizer ulteriori opzionate dall'Ue - rileva - 13,4 milioni andranno all'Italia”.

  • Germania, Bild: lockdown verso proroga 2-3 settimane

    In Germania il lockdown, il cui termine scade il 10 a gennaio, potrebbe essere prolungato per altre due o tre settimane. Lo scrive la Bild on line, dando notizia del piano su cui starebbero lavorando Angela Merkel e i ministri presidenti dei Laender, in vista del vertice del 5 gennaio. Stando a queste indiscrezioni, rimarrebbe tutto chiuso fino al 24 o addirittura fino al 31 gennaio. Sulle scuole c'è grande disaccordo fra le regioni.

  • La Bolivia acquista 5,2 milioni di dosi vaccino Sputnik V

    Il governo della Bolivia ha firmato oggi un contratto con la Russia per l'acquisto di 5,2 milioni di dosi del vaccino Sputnik V contro il Covid-19. Lo riporta l'agenzia di stampa Abi. Il presidente Luis Arce ha riferito che le prime 6 mila dosi arriveranno entro gennaio. Il contratto è stato firmato dai rappresentanti del Centro di approvvigionamento e fornitura sanitaria del ministero della salute boliviano e del Fondo russo per gli investimenti diretti. «Con questo contratto garantiamo 5,2 milioni di dosi al popolo boliviano. Vanno ad aggiungersi alle dosi che stiamo già gestendo anche con il sistema Covax. Sommando questi due elementi avremo molti più vaccini», ha detto Arce. Il capo di Stato ha sottolineato che l'obiettivo del governo è quello di immunizzare contro il Covid-19, gratuitamente e volontariamente, almeno l'80% della popolazione boliviana. A causa dell'elevata domanda di vaccini, Arce ha spiegato che una prima spedizione di 1,7 milioni di dosi di Sputnik V arriverà nel Paese a marzo e un'altra quantità simile ad aprile, fino al completamento della quota a maggio. «Tuttavia, siamo riusciti a convincere i nostri fratelli in Russia a inviarci entro gennaio circa 6.000 dosi da somministrare immediatamente alla popolazione più vulnerabile e bisognosa», ha detto il presidente.

  • Vaccini: Fontana (Lombardia), nostro piano pronto

    Per le vaccinazioni da coronavirus «abbiamo predisposto il nostro piano. Siamo pronti»: il presidente della Lombardia Attilio Fontana lo ha assicurato ai microfoni del Tgr Lombardia aggiungendo che «dovremo aspettare che ci venga comunicato dal governo quando verranno inviati i vaccini e quanti». Personalmente «appena mi spetterà, sicuramente lo farò - ha aggiunto - Rispetterò quelle che sono le disposizioni».

  • Sileri (vice Salute), per vaccino 15.000 assunzioni di medici e infermieri

    Per la campagna vaccinale nella manovra «sono state inserite risorse per l'assunzione di 3mila medici e 12 mila infermieri e assistenti sanitari anche stranieri, come da me più volte auspicato». Lo afferma il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri. «Sono stati inoltre stanziati 25 milioni per l'indennità del personale infermieristico operante presso gli studi dei medici di famiglia e 10 milioni per la stessa finalità presso gli studi dei pediatri di libera scelta».

  • Da domani report in tempo reale sui vaccinati

    Da domani sul sito di Palazzo Chigi del commissario straordinario per l'emergenza Covid sarà pubblicato un report aggiornato in tempo reale sul numero degli italiani che progressivamente saranno vaccinati. Lo rende noto l'ufficio stampa del commissario, Domenico Arcuri, in una nota. Il sito è www.governo.it/it/cscovid19.

  • Arcuri, ad oggi vaccinati 9.803 italiani

    Ad oggi sono 9.803 gli italiani vaccinati con le dosi giunte il 27 dicembre nel 'Vaccine Day'. Lo rende noto il commissario straordinario, Domenico Arcuri. Si tratta di «oltre il 100% delle 9.750 dosi distribuite, in quanto, in alcune regioni, si è cominciata a somministrare anche la sesta dose per ogni fiala». «Oggi - continua la nota - sono stati inoltre consegnati, nei punti di somministrazione individuati dal Commissario Straordinario in accordo con le Regioni, 359.775 dosi di vaccino Pfizer. La consegna delle altre 110.175 dosi continuerà domani fino ad arrivare al totale di 469.950 dosi previsto per questa settimana».

  • Ema, necessarie ulteriori informazioni su vaccino Oxford

    «Informazioni scientifiche addizionali rispetto alla qualità, sicurezza ed efficacia» del candidato vaccino anti-Covid Oxford-AstraZeneca «sono ritenute necessarie per supportare il rigore richiesto per una autorizzazione al mercato condizionata». Lo afferma l'Agenzia europea dei medicinali Ema sul proprio sito.

  • In Francia vaccinate solo 200 persone, polemiche su lentezza

    Polemiche in Francia sulla campagna di vaccinazioni contro il Covid, giudicata da alcuni politici e medici troppo lenta. I critici del governo fanno notare che, da Vax day europeo, in Germania sono già state vaccinate 78 mila persone, in Italia oltre 8.000 (ad oggi 9.803, precisa Arcuri, leggi sopra ndr) e in Francia meno di 200. Il ministro della Salute, Olivier Véran, tuttavia difende la strategia di Parigi, invitando a non confondere «velocità e precipitazione». «Questo è il momento delle spiegazioni, il momento della pedagogia, raccogliamo il consenso delle persone prima che vengano vaccinate. Si tratta di costruire la fiducia», ha detto. La Germania, prosegue il ministro francese, ha adottato un altro metodo istituendo dei “grandi vaccinodromi”, che possono essere più veloci, ma questa strategia, usata in Francia per i vaccini contro l'influenza A/H1n1 nel 2009-2010, «non funzionò». Alla fine, «ciò che conta è che da qui a gennaio avremo recuperato il ritardo rispetto a tutti», assicura Véran.

  • Johnson, ok ad AstraZeneca risultato fantastico per scienza britannica

    L'approvazione del vaccino Oxford-AstraZeneca è un «risultato fantastico per la scienza britannica» che consentirà al Regno Unito di vaccinare più persone più rapidamente. Così il primo ministro inglese, Boris Johnson, nel corso di una conferenza stampa. E ai cronisti che gli chiedevano se più in generale è prevista una campagna di vaccinazione 24 ore su 24, 7 giorni su 7, il premier ribatte: «Ci sono persone che lavorano 24 ore su 24» per ottenere il vaccino, ma «il fattore limitante è la fornitura e non la distribuzione». L'obiettivo è quello di «andare veloci quanto la velocità dei rifornimenti».

    Il primo ministro britannico Boris Johnson. (Heathcliff O'MALLEY / POOL / AFP)

  • Vaccino Oxford-AstraZeneca, in corso valutazione dati da parte dell'Ema

    Ulteriori informazioni sul candidato vaccino anti-Covid Oxford-AstraZeneca sono state ricevute dall'Agenzia europea per i medicinali Ema da parte dell'azienda «durante il periodo di Natale, in risposta alle domande dei team di valutazione sui dati». Lo apprende l'Ansa da fonti Ema, che sottolineano come «la valutazione di queste informazioni è in corso». La task force Ema su Covid-19 discuterà a breve dei dati con il Comitato Ema per i medicinali ad uso umano (Chmp).

  • Regioni, rimandare apertura impianti sci al 18/1

    Le regioni chiedono di rimandare l'apertura degli impianti sciistici al 18 gennaio. In una lettera ai ministri Francesco Boccia e Roberto Speranza, il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini ha sottolineato che “allo stato attuale, causa anche il recente andamento epidemiologico a livello internazionale che non ha agevolato l'assunzione delle necessarie decisioni, si ritiene non ricorrano le condizioni tali da consentire iniziative e azioni programmabili per permettere l'apertura degli impianti il giorno 7 gennaio”.

  • Oggi in Italia 16.202 contagi su 169.045 tamponi, 575 le vittime

    Coronavirus: bollettino del 30 Dicembre - I dati di oggi
  • Lombardia supera soglia 25mila decessi

    Con gli 80 morti registrati oggi, la Lombardia superare la soglia dei 25mila decessi dall'inizio della pandemia (25.038). Continuano a diminuire i ricoverati in terapia intensiva (-17) e nei reparti (-17). A fronte di 23.878 tamponi effettuati sono 1.673 i nuovi positivi, con un tasso di positività al 7%. I guariti/dimessi sono 3.015.

  • Johnson, riapertura scuole posticipata al 18 gennaio

    La riapertura della scuole nelle zone della Gran Bretagna in cui la situazione del coronavirus è più critica sarà posticipata al 18 gennaio. Lo ha annunciato il premier britannico Boris Johnson in una conferenza stampa.

    Sul fronte dei vaccini, il premier ha poi spiegato che «il comitato scientifico ci ha assicurato che la prima dose di vaccino protegge contro gli effetti peggiori del coronavirus e comincia a fare effetto in 4-5 settimane. Quindi abbiamo deciso di somministrare la prima dose al maggior numero di persone possibile e poi la seconda dose dopo tre mesi».

  • Calcio: positivi nel Fulham, rinviata gara con Tottenham

    La Premier League ha rinviato la partita Tottenham-Fulham, valida per la 16/a giornata, in programma questa sera alle 19. “Il Fulham ha fatto richiesta alla Lega di rinviare il match dopo la crescita significativa di casi di positività da Coronavirus, compreso un numero importante di giocatori che hanno mostrato sintomi da oggi”. si legge nel comunicato della Premier League. È la terza partita del massimo campionato inglese ad essere rinviata per il virus, dopo Newcastle-Aston Villa e Everton-Manchester City.

  • Altems, casi picco seconda ondata 6 volte più di prima

    Il numero di casi di Covid-19 nella seconda ondata nel giorno di picco massimo è stato sei volte superiore ai casi registrati nel giorno di picco della prima ondata. I decessi nella seconda ondata superano i 36.000 a fronte di 29.000 deceduti nel periodo fino al 4 maggio. È quanto emerge dall'edizione speciale dell'Instant Report Covid-19 di Altems, l'Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell'Università Cattolica.

  • Lombardia, Fontana: rinnovata esenzione ticket per tutto il 2021 per chi ha avuto il Covid

    “Chi ha avuto il Covid continuerà a non pagare il ticket per esami e visite di accertamento dovute alla malattia”. Lo comunica in una nota il Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, spiegando che la Giunta regionale “ha approvato oggi il rinnovo dell'esenzione con codice D97 per tutto il 2021”. L'agevolazione, ha specificato l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, “comprende le attività di follow up post Covid quali, in particolare, le visite infettivologiche, pneumologiche, cardiologiche, neurologiche, fisiatriche ed ematologiche con gli esami diagnostici ad esse collegate. Sono inclusi anche i colloqui psicologici/clinici particolarmente importanti per molte persone colpite da coronavirus”. Il beneficio era stato introdotto il mese di giugno scorso e rinnovato il 7 settembre. “Regione Lombardia - spiega Gallera - ha deciso di estendere ulteriormente questa importante misura, ritenendo fondamentale ogni attività di controllo e di indagine diagnostica successiva alla malattia”. Il provvedimento ha una copertura finanziaria di 4,4 milioni di euro per tutto l'anno.

    Il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, e l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, (Photo by MATTEO BAZZI / POOL / AFP)

  • Lazio, finora 1076 vaccinazioni, arrivate 47.970 dosi. Vaccini nella prima Rsa

    “Gia' effettuate 1.076 vaccinazioni anti-Covid. Su Salutelazio.it il contatore giornaliero delle vaccinazioni nel Lazio”. È quanto si evidenzia nel bollettino di oggi.”Sono arrivate oggi nei 20 hub regionali tutte le 41 scatole del vaccino anti- Covid pari a 7.995 fiale e 47.970 dosi di vaccino - viene aggiunto -. La vaccinazione è partita subito secondo le modalità organizzative del piano regionale. Al momento della prima somministrazione viene prenotata anche la successiva dose di richiamo. in questa prima fase, come da indicazioni nazionali, i soggetti interessati sono il personale sanitario e operatori e ospiti delle Rsa. Le prossime consegne sono previste per le giornate del 4, 11, 18 e 25 di gennaio”.

    Il personale sanitario riceve il vaccino anti Covid Pfizer-BioNTech all’ospedale San Camillo Forlanini di Roma, 29 dicembre 2020. ANSA/ANGELO CARCONI

    Intanto, l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato, fa sapere che «oggi è partita l'attività di vaccinazione nella prima Rsa e si tratta di Villa Santa Margherita - Padre Luigi Monti a Montefiascone nella Asl di Viterbo. L'adesione degli operatori è superiore al 70%«. «Partito presso l'ospedale dei Castelli (Asl Roma 6) il servizio della stanza degli abbracci per i familiari dei pazienti Covid», afferma D'Amato.

  • Slovenia, arrivate altre 6.825 dosi vaccino Pfizer

    Una seconda partita di 6.825 dosi di vaccino anti-covid della Pfizer-BioNTech è arrivata oggi in Slovenia, dopo che i primi dipendenti delle istituzioni sanitarie sono stati vaccinati nei giorni scorsi con le dosi della prima spedizione arrivate sabato scorso. Lo ha affermato in conferenza stampa Marta Grgič Vitek, coordinatrice nazionale del programma di vaccinazione presso l'Istituto nazionale di sanità pubblica (NIJZ). Le nuove dosi verranno utilizzate principalmente per vaccinare gli operatori sanitari e il personale ospedaliero, mentre nella prima tornata la priorità era stata data ai residenti nelle case di riposo per anziani, con 8.600 delle 9.750 dosi disponibili. Gli ultimi dati aggiornati relativi alle 24 ore in Slovenia parlano di 2.410 nuovi contagi, pari a un tasso di positività del 18,3%, e 34 decessi.

  • Picco di 981 morti in Gb

    Nuovo balzo nel conteggio dei morti quotidiani da Covid nel Regno Unito, risaliti oggi al picco di 981 secondo i dati del governo. Dati che indicano inoltre altri 50.023 contagi, poco meno del record di ieri, sullo sfondo della diffusione della cosiddetta variante inglese del virus, capace d'infettare più velocemente e di rimettere sotto pressione gli ospedali. Il ministro della Sanità, Matt Hancock, esteso alle Midlands e ad altre aree dell'Inghilterra le severe restrizioni da lockdown locali del 'tier 4', che già coinvolgono Londra e oltre metà popolazione britannica.

  • Ieri 80 mila controlli, 9 denunce e 1.410 sanzioni

    Sono state 80.437 le persone controllate nelle ultime 24 ore dalle forze dell'ordine per verificare il rispetto delle norme anti-Covid. Di queste 9 sono state denunciate e 1.410 sanzionate. Sono state 14.211, invece, le attività controllate, con 54 titolari sanzionati e 27 chiusure.

    Controlli della Polizia di Stato e della Polizia Locale nell'ultimo sabato prima di Natale durante l'emergenza Coronavirus a Milano, 19 dicembre 2020. ANSA/Mourad Balti Touati

  • Falsi positivi ad Aosta, procura apre fascicolo

    La procura di Aosta ha aperto un fascicolo modello 45, quindi ad oggi senza indagati né ipotesi di reato, dopo la denuncia presentata “a tutela della collettività” dall'avvocato aostano Orlando Navarra sul caso dei 61 falsi positivi al coronavirus diagnosticati nel fine settimana. L'indagine è affidata al pm Manlio D'Ambrosi. Gli inquirenti non escludono le ipotesi di epidemia colposa e di turbata libertà dell'industria o del commercio, in relazione alle conseguenze economiche della crescita dell'indice Rt, paventate dal legale ma al momento non vi sono prove in tal senso.

  • Risalgono dati Abruzzo, 278 nuovi casi e 21 morti

    Risalgono in Abruzzo i dati dell'emergenza coronavirus: 278 nuovi casi e ben 21 decessi. I contagi accertati con i test delle ultime ore sono emersi dall'analisi di 4.052 tamponi: è risultato positivo il 6,86% dei campioni. Alla luce degli ultimi dati, il bilancio delle vittime sale a 1.206. Dei nuovi positivi il più giovane ha sette mesi e il più anziano 95 anni. Quelli con meno di 19 anni sono 36: sei in provincia dell'Aquila, sette in provincia di Pescara, 13 in provincia di Chieti e dieci in provincia di Teramo. I 21 decessi - undici sono avvenuti nei giorni scorsi e sono stati comunicati solo oggi dalle Asl - riguardano persone di età compresa tra 66 e 97 anni: sette in provincia dell'Aquila, quattro in provincia di Chieti, quattro in provincia di Pescara e sei in provincia di Teramo. Gli attualmente positivi sono 236 in meno e scendono a quota 11.036: 432 pazienti (-19 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva e 36 (-2, al netto di 4 nuovi ricoveri, decessi e dimissioni) sono in terapia intensiva, mentre gli altri 10.568 (-215) sono in isolamento domiciliare. I guariti delle ultime ore sono 493 (totale 22.616). Del totale dei 34.858 casi abruzzesi, 10.913 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+63 rispetto a ieri), 7.058 in provincia di Chieti (+94), 7.086 in provincia di Pescara (+38), 9.346 in provincia di Teramo (+63), 279 fuori regione (-1) e 176 (+21) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

  • 1.470 positivi e 23 decessi in Puglia

    Oggi mercoledì 30 dicembre in Puglia sono stati registrati 1.470 casi positivi su 11.121 test per l'infezione da Covid-19, con un tasso di positività al 13,2%. E sono 23 i decessi. I positivi sono soprattutto in provincia di Bari (582), Foggia (256), Taranto (248); sono 188 nella provincia Bat e 148 in provincia di Lecce; poi 38 in provincia di Brindisi, 5 residenti fuori regione e 5 casi di residenza non nota. I decessi sono 8 in provincia di Bari, 6 nella provincia Bat, 4 nel Leccese, 2 nel Brindisino e altri 2 nel Tarantino, 1 in provincia di Foggia. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 1.033.478 test e sono 34.112 i pazienti guariti. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 89.303 e sono 52.740 i casi attualmente positivi.

  • Balzo dei nuovi positivi in Umbria: 347

    Balzo avanti dei nuovi positivi al Covid registrati in Umbria nell'ultimo giorno, 347, il 115,5 per cento in più rispetto a ieri secondo quanto riporta il sito della Regione. I casi totali dall'inizio della pandemia sono 28.660. I tamponi analizzati sono stati 3.122, 500.003, con un tasso di positività dell'11,1 per cento. Accertati 204 guariti, 24.336, e cinque morti, 618, con gli attualmente positivi in crescita e ora 3.706, 138 in più. I ricoverati in ospedale sono 300, uno meno di ieri, 44, sei in più in terapia intensiva.

  • 24 nuovi casi confermati in Cina continentale

    Altri 24 casi confermati di Covid-19 sono stati segnalati ieri in Cina continentale, comprese 7 infezioni trasmesse a livello “locale” e 17 provenienti dall'estero, oltre ad altrettanti nuovi asintomatici. Lo rende noto il bollettino odierno della Commissione Sanitaria Nazionale cinese. Tra i nuovi casi d'infezione trasmessa a livello “locale”, 5 sono stati riportati nella provincia nord-orientale del Liaoning, uno nella capitale Pechino e l'ultimo in Heilongjiang. Nessun ulteriore caso sospetto né altri decessi correlati al nuovo coronavirus sono stati registrati nelle ultime 24 ore in Cina continentale. Altri 16 pazienti positivi sono stati dimessi ieri da vari ospedali cinesi dopo essersi ripresi. Fino alla serata di ieri, la Cina continentale aveva registrato un totale di 4.247 casi di infezione arrivati da altri Paesi. Tra questi, 3.978 sono già stati dimessi da vari ospedali dopo essere guariti e 269 risultano ancora ricoverati. Non si segnalano decessi tra i casi positivi al coronavirus arrivati in Cina dall'estero. Fino al 29 dicembre, la Cina continentale ha registrato un totale di 87.027 casi confermati di contagio, compresi 356 pazienti ancora in cura. Un totale di 82.037 persone erano state dimesse alla data di ieri da vari ospedali dopo essersi riprese, mentre i decessi Covid-19 correlati restano sempre fermi a quota 4.634.

    Vaccinazioni anti Covid a Hefei, nella provincia cinese di Anhui . cnsphoto via REUTERS

  • In Usa in media 200.000 vaccinazioni al giorno

    Negli Stati Uniti sono vaccinate contro il Covid in media 200.000 persone al giorno, una cifra bassa per centrare l'obiettivo dei 20 milioni di vaccinati entro la fine dell'anno. Un target fissato dall'amministrazione Trump che appare sempre più difficile da centrare. In base ai dati diffusi dalle autorità sanitarie, 11,45 milioni di dosi di vaccini Pfzier e Moderna sono stati distribuiti ma solo 2,13 milioni di americani hanno ricevuto il vaccino. Molti stati hanno usato solo una piccola quota dei vaccini che sono stati loro consegnati: il Maryland il 10,9%, l'Ohio il 14,3% e l'Oregon il 15,3%. Lo stato che finora ha fatto meglio è il North Dakota con il 52,4%.

    Preparazione dell vaccinazione con dosi di Pfizer-BioNTech nella casa di riposo per veterani di Chelsea, Massachusetts, negli Usa (Epa)

  • Ricciardi: con il vaccino le misure restano per tutto il 2021

    “L'inizio della campagna vaccinale non significa che il nostro comportamento cambierà rispetto alla protezione dal virus: per tutto il 2021 le misure resteranno uguali ad adesso, dal distanziamento fisico alle mascherine, all'igiene delle mani. Ma con le vaccinazioni cominceremo ad avere meno morti e meno malati e questo rassicura tutti”. Lo ha detto all'Ansa Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza e professore di Igiene e Medicina preventiva alla Cattolica. “Dobbiamo perseguire una doppia cautela - ha aggiunto - farci vaccinare e seguire le regole di comportamento adeguate”.

  • Dicembre nero negli Usa, 70.396 morti, 5,9 milioni casi

    I morti per Covid negli Stati Uniti martedì sono stati 3.725. Dicembre si sta rivelando per gli Usa il mese peggiore per numero di decessi da coronavirus dall'inizio dell'anno: i morti sono finora stati 70.395 e 5,9 milioni i contagiati.

    Reparto Covid allo United Memorial Medical Center di Houston, Texas (Reuters)

    Ieri, gli Stati Uniti hanno registrato il secondo più alto numero di nuovi casi e la peggiore giornata in termini di decessi per coronavirus. I casi sono stati oltre 247.000, secondo i dati della Johns Hopkins University, e oltre 3.700 persone sono morte. Il totale è ora di oltre 19,5 milioni di casi e quasi 339.000 morti. I ricoverati, ieri, erano 124.686, secondo il Covid Tracking Project, un record; i ricoverati in terapia intensiva erano 22.838, altro record. Intanto, negli Stati Uniti è stato segnalato il primo caso, in Colorado, della variante scoperta nel Regno Unito.

  • Covid: 774 detenuti positivi, -29% in 2 settimane

    Sono attualmente 774 i detenuti positivi al Covid 19, secondo i dati del Ministero della Giustizia, aggiornati a ieri sera. Un numero in calo del 29% rispetto al picco raggiunto il 13 dicembre con 1.088 contagiati. Degli attualmente positivi 720, pari al 93%, sono asintomatici. I detenuti con sintomi sono 31, cioè il 4%, mentre quelli ricoverati in ospedale sono 23 (3%). Complessivamente i detenuti presenti nelle carceri sono 51.887.

  • Vaccino Oxford AstraZeneca: in corso nuovi studi

    “Lo studio in corso rimane importante per fornire ulteriori dati sulla sicurezza e l'efficacia del vaccino”: è quanto si sottolinea in una mail ai partecipanti alla sperimentazione del vaccino anti-Covid di Oxford e AstraZeneca che l'ANSA ha potuto visionare. Inviata dopo l'approvazione da parte delle autorità britanniche. Nella mail si ringraziano i partecipanti al trial per il loro “contributo” e per la partecipazione alla sperimentazione.

  • Dai medici internisti 100% adesioni al vaccino

    I medici internisti e gli infermieri dei reparti di Medicina Interna, in prima fila nell'assistenza ai pazienti Covid, dicono al 100% sì alla campagna vaccinale. Da una rilevazione condotta su un campione rappresentativo delle diverse realtà regionali condotta da Fadoi, la Federazione dei medici internisti ospedalieri, e da Anìmo, l'associazione degli infermieri di Medicina Interna, la totalità degli interpellati si è detta disponibile ad essere vaccinata in questa prima fase della campagna di immunizzazione.

  • Istat: decessi per covid pari al 9,5% del totale

    “Da fine febbraio a novembre i decessi Covid-19 rappresentano il 9,5% del totale dei decessi del periodo”. Lo rivela l'Istat nel suo rapporto sull'incidenza del Covid nella mortalità in Italia. “Durante la prima ondata epidemica (febbraio-maggio) questa quota è stata del 13% - si legge -, mentre nella seconda ondata il contributo complessivo dei decessi Covid-19 è passato al 16% a livello nazionale. Se si considerano i contributi per fasce di età la mortalità per Covid-19 ha “contribuito al 4% della mortalità generale nella classe 0-49 anni, all'8% nella classe 50-64 anni, all'11% nella classe 65-79 anni e all'8% negli over 80”.

  • Lopalco: vigilare sui fornitori di vaccino

    “Nella competizione internazionale abbiamo visto che le fughe in avanti da parte di questo o quel governo possono far saltare tutti i sentimenti di solidarietà europea. Bisogna vigilare e essere sicuri che i fornitori non considerino l'Italia un mercato non prioritario”: lo scrive su Facebook l'assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco, in merito al dibattito sull'opportunità di inserire l'obbligo di vaccinazione anti Covid in Italia. “Prima di parlare di obbligo di vaccinarsi per il cittadino - sostiene - dobbiamo parlare di obbligo di vaccinare da parte del servizio sanitario. Si chiama offerta attiva, se funziona, non serviranno altri obblighi”. “Io - prosegue Lopalco - faccio coming out: sono favorevole non ad un singolo obbligo, ma ad obblighi multipli che elenco di seguito. Obbligo di informare: la sanità pubblica deve attivarsi per fornire informazioni chiare e trasparenti su efficacia e sicurezza del vaccino. Obbligo di organizzare: l'offerta vaccinale deve essere efficiente e fluida. Perdere tempo in questa operazione sarebbe imperdonabile. Obbligo di procurare il vaccino”. E aggiunge: “Obbligo di dare l'esempio: medici ed operatori sanitari devono aderire alla vaccinazione con tranquillità (se non con entusiasmo) e trasmettere sicurezza al cittadino. Un medico che ha dubbi sulla vaccinazione dovrebbe avere tutti gli strumenti culturali per fugare da solo i propri dubbi leggendo letteratura ed informazioni scientifiche. Un medico che esprime pubblicamente dubbi infondati sul piano scientifico non è degno di questo mestiere. Non perché danneggia la vaccinazione, ma perché dimostra di essere ignorante. Da un medico - conclude - che non conosce la differenza fra mRNA e DNA io, sinceramente, non mi farei prescrivere neanche un'aspirina”.

  • Coldiretti, spesa per cenone crolla del 32%

    La spesa per il cenone di fine anno scende a 65 euro in media a famiglia, con un crollo del 32% rispetto allo scorso anno soprattutto per effetto delle restrizioni imposte dalle misure anti Covid con la chiusura forzata di locali e l'addio a feste private e veglioni. E' quanto emerge da un'indagine Coldiretti/Ixe' in vista del Capodanno dove il 94% degli italiani ha deciso di consumare il cenone nelle proprie case, con meno di 4 persone (3,7) contro le 9 dello scorso anno. Una scelta obbligata dall'istituzione della zona rossa in tutto il Paese, anche se c'è una minoranza di 3 milioni di cittadini (6%) che, sottolinea la Coldiretti, non rinuncia a festeggiare da parenti o amici approfittando della possibilità di ospitare al massimo due persone non conviventi, oltre a minori sotto i 14 anni. Le famiglie costrette a casa durante il lockdown hanno riscoperto il piacere della cucina con il 49% degli italiani che impegna più tempo ai fornelli rispetto al passato. Tra i prodotti, lo spumante si è confermato come il prodotto immancabile per otto italiani su dieci (81%), mentre è lo champagne francese a subire maggiormente gli effetti della crisi provocati dalla pandemia con consumi dimezzati. Una scelta coerente con una decisa tendenza del 91% degli italiani a privilegiare quest'anno prodotti nazionali anche per sostenere l'economia e l'occupazione del territorio.

  • I casinò chiedono la riapertura

    Le case da gioco italiane - Saint-Vincent, Venezia e Sanremo - chiedono al Governo e al Parlamento di “mettere in atto, ragionevolmente entro metà gennaio, interventi urgenti di ristoro e una rapida riapertura per evitare il tracollo”. E' quanto si legge in un documento comune inviato a Roma. “Esistono ampie garanzie di sicurezza facilmente verificabili dalle autorità sanitarie - segnala l'Assessore valdostano Luciano Caveri - e tutte le misure già previste sono una garanzia. È ora di far ripartire le attività e per questo abbiamo deciso un fronte comune con precise richieste congiunte. Chiediamo al Governo e al Parlamento il formale avvio dell'iter per il riconoscimento a favore dei Casinò di specifici ristori commisurati alla reale perdita di fatturato, di standardizzare l'accesso alla Cassa Integrazione per la salvaguardia dei lavoratori delle Case da Gioco, di prevedere una revisione dell'impianto impositivo a carico delle Case da Gioco, segnatamente una riduzione dell'imposta sugli spettacoli (Isi) e una riduzione proporzionale della tassa di concessione governativa, nonché un nuovo classamento del rischio dell'attività del gioco d'azzardo all'interno di strutture controllate e monitorate come i Casinò pubblici per consentirne una tempestiva riapertura”.

  • Possibile cambio data dei saldi in alcune regioni

    Alcune regioni starebbero valutando il cambio di data dell'avvio dei saldi invernali in considerazione delle zone rosse istituite per i prossimi giorni. E'quanto si apprende.

    Roma (Ansa)

  • Garattini (Mario Negri): errore puntare solo su un vaccini

    Il ritardo del vaccino di Astrazenenca, su cui l'Italia aveva puntato molto, “prolunga il tempo per arrivare a una vaccinazione generalizzata e questo dipende anche dal fatto che non c'è stata tempestività. Molti di noi avevano avvertito il governo che bisognava seguire il destino di tutti i vaccini e puntare su tutti, non solo su uno”. Lo ha spiegato, durante la trasmissione Agorà, su Rai 3, Silvio Garattini, presidente dell'Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, sottolineando: “speriamo sia un errore che non si ripeta”.

  • Attacchi hacker a Irbm, pm Roma avvia indagine

    I pm di Roma hanno avviato un indagine dopo una denuncia presentata in relazione ad alcuni attacchi hacker subiti nelle ultime settimane dalla Irbm di Pomezia. Si tratta della azienda che sta collaborando con l'università di Oxford al vaccino per il Covid e che verrà commercializzato da AstraZeneca. Il procedimento, coordinato dal procuratore aggiunto Angelatonio Racanelli, è stato aperto per il reato di accesso abusivo al sistema informatico. Le indagini sono state delegate al Cnaipic, Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche, della Polizia Postale.

  • Locatelli (Cts): vaccino prerequisito per svolgere le attività sanitarie

    Si convincono gli indecisi a vaccinarsi “spiegando loro che il vaccino è sicuro, è passato da filtri assolutamente rigorosi e non è stata presa alcuna scorciatoia per averlo a disposizione”. Lo dice in un'intervista a Repubblica il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli. “Non c'è alcuna ragione per non fidarsi dei vaccini sia in termini di sicurezza che di efficacia - sottolinea - Gli investimenti fatti nel mondo in termini economici, di tempo ed energie, non hanno alcun precedente nella storia dell'umanità”. Tutto questo “non ha impattato sulla rigorosità dell'approccio”. Il fatto che l'Ema “abbia appena detto che il vaccino di AstraZeneca non sarà approvato a gennaio dimostra l'attenzione delle agenzie regolatorie nelle procedure di valutazione”. Per evitare il muro contro muro tra favorevoli e contrari ai vaccini “la strada maestra è quella del dialogo, del confronto e del convincimento”. Fatto salvo che “l'interesse della collettività viene sempre prima di quello del singolo”. Quando la scelta di non curarsi “mette a rischio la salute degli altri, è la seconda che deve prevalere”. Se si opera in una Rsa e non ci si vaccina, “si rischia di contagiare anziani fragili, che per il virus possono perdere la vita”. Se dialogo, convincimento e persuasione per far vaccinare gli operatori non bastassero “si può dire che il vaccino è prerequisito per svolgere le attività sanitarie”. Se ci si occupa della salute degli altri “e ho a disposizione un mezzo efficace per prevenire una malattia non posso assolutamente tirarmi indietro”.

  • A Napoli 35mila dosi di vaccini, parte la consegna agli hub

    È atterrato all'aeroporto di Capodichino l'aereo con le prime dosi di vaccino contro il Covid-19 dedicate alla Campania. Si tratta di circa 35.000 unità. Ora sono state avviate anche le consegne, con la scorta dei carabinieri, verso i 27 punti di vaccinazione che effettueranno la fase 2, quella dedicata agli operatori sanitari. Parte dei vaccini giunti a Napoli sarà inviata anche in Calabria e Basilicata. Intorno a mezzogiorno a Napoli è previsto l'arrivo dei vaccini all'Ospedale del Mare e all'ospedale San Paolo. La vaccinazione partirà domani.

  • All’aeroporto di Montichiari arrivate 17mila dosi Pfizer

    Sono arrivate questa mattina intorno alle 6 all'aeroporto di Montichiari 17mila dosi del vaccino anticovid Pfeizer. Le dosi sono giunte con un volo da Lipsia. Polizia e carabinieri hanno seguito le operazioni di scarico del materiale dal volo DHL atterrato sulla posta dello scalo bresciano. Le dosi sono poi state consegnate agli Spedali Civili di Brescia, Poliambulanza, clinica Città di Brescia e agli ospedali di Desenzano, Esine e Chiari.

  • Ippolito (Spallanzani): percentuale morti per Covid è il triplo dell'influenza

    “La percentuale di decessi per Covid è tre volte più alta dell'influenza, abbiamo il doppio dei ricoveri in terapia intensiva e mentre l'influenza può essere gestita a casa, per il Covid abbiamo avuto bisogno di ospedalizzazione che nelle forme benigne è stata il doppio dell'influenza”. Lo ha detto il direttore scientifico dello Spallanzani Giuseppe Ippolito nel corso del webinar sul Piano dei vaccini anti Covid nel Lazio.”La rapidità con cui questa malattia si è diffusa è parallela alla rapidità con cui le istituzioni si sono trovate ad affrontare l'emergenza. Il Lazio ha fatto un gradissimo lavoro”.

    “Nonostante la vaccinazione non possiamo pensare che torneremo ai sistemi come erano prima. Il virus ci terrà compagnia fino al primo trimestre 2022. Quei livelli di assembramento non sono più possibili”, ha aggiunto

  • Turchia: arrivato primo lotto vaccino cinese

    È arrivato in Turchia dalla Cina a bordo di un Boeing 777 della Turkish Airlines il primo lotto di 3 milioni di vaccini per il Covid-19 dell'azienda Sinovac. L'aereo è atterrato all'alba di oggi all'aeroporto Esenboga di Ankara con 17 container a bordo. La campagna di vaccinazione, ha annunciato il ministro della Salute Fahrettin Koca, inizierà dopo 14 giorni di test da parte dell'agenzia turca del farmaco. Il governo di Recep Tayyip Erdogan ha acquistato almeno 50 milioni di dosi del siero cinese e ha inoltre annunciato un'opzione d'acquisto di 30 milioni di dosi del vaccino Pfizer-BioNTech.

    Secondo ministero della Salute di Ankara, altri 15.805 casi confermati di Covid-19 sono stati segnalati nella serata di ieri in Turchia, portando il numero totale dei positivi nel Paese a 2.178.580. Il bilancio dei decessi correlati al virus in Turchia è salito di altri 253 morti arrivando a 20.388 deceduti, mentre i guariti totali sono saliti a 2.058.437 dopo la ripresa di altri 21.004 contagiati nelle ultime 24 ore. Secondo il ministero turco, ad oggi nel Paese risultano 4.191 pazienti positivi gravemente malati. La Turchia ha condotto un totale di 24.141.935 di tamponi, di cui 183.117 nelle ultime 24 ore. Il Paese aveva registrato il proprio primo caso di contagio nella giornata dell'11 marzo.

    Le prime dosi di vaccino di Sinovac Biotech arrivate in Turchia, ad Ankara (Turkish Health Ministry/Afp)

  • Ecdc: con varianti alto rischio di più casi in Ue

    È alto il rischio che le nuove varianti del coronavirus, quella inglese VOC 202012/01, e quella sudafricana 501.V2, continuino a diffondersi in Europa causando più casi di Covid-19. Anche se non ci sono informazioni che le infezioni causate da questi ceppi siano più gravi, a causa della loro maggiore trasmissibilità, l'impatto del Covid-19 in termini di ricoveri ospedalieri e morti è valutato “come alto, soprattutto per gli anziani o chi ha più patologie”. Lo scrive il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) in un documento pubblicato sul suo sito.

    Le varianti del virus SarsCov2 sono segnalate in 26 Paesi, 13 dei quali europei, ha aggiunto il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) sul suo sito, in un documento aggiornato al 28 dicembre. La variante inglese è segnalata in Australia, Canada, Hong Kong, India, Israele, Giappone, Giordania, Libano, Sud Corea, Svizzera, Singapore, Stati Uniti e Cile. In Europa è segnalata in Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Islanda, Irlanda, Italia, Olanda, Norvegia, Portogallo, Spagna e Svezia. La variante sudafricana è in Regno Unito e Finlandia.

  • Vaccino Pfizer in 9 aeroporti italiani

    Sono arrivati, o sono in arrivo, in nove scali d'Italia gli aerei della Dhl che trasportano complessivamente le 470mila dosi del vaccino Pfizer destinato all'Italia. Gli aerei sono atterrati negli aeroporti di Milano Malpensa, Bergamo Orio al Serio, Ancona Falconara, Bologna, Roma Ciampino, Napoli, Pisa e Venezia ed a breve anche a Bari. Dagli scali partiranno scortati i furgoni con i cosiddetti pizza-box, i contenitori con le fiale che saranno consegnate nei 203 siti di somministrazione nelle varie regioni.

  • Prime vaccinazioni AstraZeneca in Uk dal 4 gennaio

    La campagna di vaccinazione con il farmaco Oxford-AstraZeneca nel Regno Unito inizierà la prossima settimana, il 4 gennaio. Lo ha annunciato il ministro della salute britannico Matt Hancock, che ha definito l'approvazione del vaccino una “notizia fantastica”. Ed ha aggiunto: “Possiamo uscire da questa situazione entro la primavera”.

  • Vaccino AstraZeneca-Oxford “dovrebbe essere efficace contro la variante inglese”

    Il vaccino AstraZeneca-Oxford COVID-19 approvato oggi dalla Gran Bretagna dovrebbe essere efficace contro una nuova variante del virus in rapida diffusione, ha affermato Pascal Soriot, amministratore delegato di AstraZeneca: “La nostra convinzione a questo punto è che questo vaccino dovrebbe essere efficace contro la variante”, ha detto alla radio BBC.

    Jose de Pablo, 96 anni riceve il vaccino Pfizer-BioNTech a Madrid, Spagna (Reuters)

  • Fornitura Pfizer: atterrato a Roma aereo Dhl con i vaccini

    È atterrato all'aeroporto di Roma, a Ciampino, uno degli aerei della compagnia tedesca di spedizione Dhl, che trasporta una parte delle 470mila dosi del carico di vaccini Pfizer destinato all'Italia. Diversi furgoni partiranno ora scortati dalle forze dell'ordine nei vari territori. L'arrivo di altri cinque aerei con le altre dosi è previsto in altri scali del Paese.

    Vaccini Pfizer arrivano a Ciampino: la fornitura sta arrivando dal Belgio dopo il blocco per neve in 9 aeroporti italiani (Ansa)

  • Vendevano farmaci, alcuni legati al Covid: 102 siti oscurati dai Nas

    I Nas hanno oscurato 102 siti web sui quali venivano pubblicizzati e offerti in vendita, anche in lingua italiana, molti tipi di medicinali che in questi mesi sono stati a vario titolo collegati all'emergenza Covid-19. I siti erano collocati su server esteri e con riferimenti di gestori non individuabili. Con i provvedimenti oggi eseguiti salgono a 237 i siti oscurati dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute nel corso del 2020, ben 217 dei quali connessi con l'emergenza pandemica.

  • Usa, morto un deputato appena eletto per complicazioni Covid, aveva 41 anni

    Il giovane deputato del Congresso americano Luke Letlow, eletto lo scorso novembre, è morto per “complicazioni legate al Covid-19”. Lo ha riferito il suo portavoce nella notte, come riporta la Cnn. Letlow, 41 anni, eletto in Louisiana per i repubblicani, aveva annunciato la sua positività al virus lo scorso 18 dicembre, scrivendo su Fb che era “a casa a riposare, seguendo tutte le linee guida CDC, i protocolli di quarantena e le raccomandazioni dei medici”. Alcuni giorni dopo era stato ricoverato in ospedale in terapia intensiva.

  • Fornitura settimanale di vaccini Pfizer: prime dosi arrivate a Malpensa

    È arrivato intorno alle 4 a Malpensa uno dei sei aerei che oggi portano in Italia la prima fornitura settimanale di 470mila dosi. Il carico è stato poi portato fuori con mezzi Dhl scortati da Guardia di Finanza e Polizia. Sono 94.770, ha spiegato ieri l'assessore al Welfare Giulio Gallera, le dosi oggi destinate alla Lombardia.

    Uno dei camion con a bordo i vaccini anti Covid 19 lascia lo scalo merci dell’aeroporto di Malpensa scortato dalle forze dell’ordine (Ansa)

  • Record in Repubblica Ceca: 16.329 nuovi casi

    In Repubblica Ceca record di nuovi casi di coronavirus: sono 16.329 secondo i dati del ministero della Salute. Il Paese da 10,7 milioni di abitanti conta ora 701.622 contagi dall’inizio dell’epidemia e 11.429 decessi.

  • Gran Bretagna approva vaccino AstraZeneca-Oxford

    Il dipartimento della salute della Gran Bretagna ha detto che governo inglese, primo al mondo, oggi ha accettato le raccomandazioni dell’Agenzia nazionale di regolamentazione dei prodotti medici e sanitari (Mhra) per autorizzare l’uso del vaccino contro Covid-19 sviluppato da AstraZeneca e dall’università di Oxford. È il secondo vaccino approvato nell’isola dopo quello di Pfizer-BioNTech.

    Una dose del vaccino sviluppato da AstraZeneca-Oxford (Epa)

    Il ministro della Sanità Matt Hancock ha subito commentato che il sistema sanitario nazionale distribuirà il vaccino più velocemente possibile, appena verrà prodotto. Ha aggiunto che è «molto fiducioso» del fatto che entro la primavera saranno vaccinate abbastanza persone tanto da poter uscire dalla pandemia. Secondo il ministro «ci sono abbastanza vaccini per l’intera popolazione, esclusi i bambini».

    Gb approva vaccino AstraZeneca Oxford, mentre esce dall'Ue
  • Oltre mille morti in 24 ore in Germania

    Impressionante aumento delle vittime in Germania a causa del Covid. Per la prima volta i decessi in 24 ore hanno superato i mille. Lo hanno reso noto stamane le autorità sanitarie dell'istituto Robert Koch. In particolare si contano 1.129 nuovi morti. La settimana scorsa era stato raggiunto l'ultimo record di 962 morti. Oltre 32mila le vittime complessive.

  • Svizzera, cinque casi di variante inglese e due di sudafricana

    In Svizzera sono stati riscontrati cinque casi di variante inglese di coronavirus e altri due casi di variante sudafricana. La Svizzera si aspetta di scoprire molti altri casi delle due varianti tra le persone contagiate, a causa della rapidità di diffusione riscontrata già in altri Paesi-

  • California in lockdown per emergenza virus

    La California ha esteso a tempo indeterminato le misure di lockdown estendendole anche alla parte meridionale del Paese, dove vive oltre la metà dei 40 milioni di persone di tutto lo stato. La decisione è stata presa dai vertici del sistema sanitario in seguito all’incremento dei casi e per scongiurare il collasso delle strutture sanitarie e delle terapie intensive.

    Pronto soccorso al Community Hospital di Huntington Park, California (Reuters)

  • Singapore inizia a vaccinare il personale sanitario

    Iniziate le operazioni di vaccinazione anche a Singapore. La somministrazione del vaccino Pfizer-BioNtech riguarda inizialmente i lavoratori del sistema sanitario. Prima a essere vaccinata è la capo infermiera del Centro nazionale per le malattie infettive Sarah Lim, 46 anni. La città-stato è tra le prime nazioni asiatiche ad avviare la campagna di vaccinazione.

  • Variante inglese: il Giappone sospende agevolazioni atleti

    Il governo giapponese si appresta a sospendere il programma che garantiva speciali agevolazioni all'ingresso per gli atleti e il loro staff da diverse nazioni che avevano in programma di trascorrere un periodo di preparazione agonistica nel Paese in anticipazione dei Giochi olimpici previsti per questa estate. Lo anticipano fonti a conoscenza del dossier all'agenzia Kyodo, spiegando che la decisione è legata ai rischi di diffusione del coronavirus, in particolare della nuova variante inglese. La decisione potrebbe penalizzare diverse delegazioni sportive.

    I cerchi olimpici installati sul lungomare di Tokyo (Afp)

    Il governo di Tokyo ha già notificato il Comitato olimpico giapponese (Joc), e le rilevanti federazioni sportive; la sospensione dovrebbe rimanere in vigore fino al 31 gennaio, in linea con la chiusura delle frontiere decisa lunedì scorso per tutti i cittadini stranieri non in possesso di un permesso di soggiorno. Gli atleti giapponesi che hanno un'autorizzazione speciale ad allenarsi e a partecipare a competizioni all'estero, dovranno sottoporsi a un periodo di auto-isolamento di due settimane al rientro in Giappone, se provenienti da Paesi considerati a rischio quali la Gran Bretagna, il Sud Africa, l'Italia, il Belgio e la Francia.

  • Meno viaggi e più corti per i turisti cinesi

    La pandemia cambia le abitudini delle persone. E lo sta facendo anchre là dove tutto è cominciato. I turisti cinesi, milioni dei quali hanno evitato i viaggi all'estero quest'anno a causa della pandemia globale, stanno ulteriormente restringendo la portata dei loro viaggi, visitando le città vicine ed evitando viaggi fuori dalle loro province.

    Coronavirus, staff Arcuri: finora vaccinati 8.361 italiani
  • Vaccino cinese Sinopharm efficace al 79%

    Il vaccino anti-Covid sviluppato dalla società farmaceutica statale cinese Sinopharm è “efficace al 79,34%”: lo ha reso noto oggi l'Istituto di Pechino per i prodotti biologici controllato dalla stessa società.

    Lo stabilimento del Sinopharm Group Tongjitang Pharmaceuticals a Guiyang, in Cina (Ansa)

    Come è noto, il vaccino sviluppato dalla statunitense Pfizer insieme alla tedesca BioNTech è efficace al 95%, mentre quello sviluppato da AstraZeneca e dall'Università di Oxford raggiunge un massimo del 90% (con una dose e mezza). Il vaccino di Moderna è efficace al 94%.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti