L’emergenza

Incendi, gli agricoltori colpiti chiedono i ristori al governo

Coldiretti stima un miliardo di danni e chiede di rivedere la legge sulla destinazione d’uso dei campi bruciati per evitare speculazioni. A partire dal fotovoltaico

di Micaela Cappellini

3' di lettura

Attivare subito un piano di ricostruzione e di aiuti economici per le aziende agricole e per gli allevamenti devastati dagli incendi, tra animali morti, alberi carbonizzati, oliveti e pascoli distrutti. È quanto chiede al governo la Coldiretti, che stima in un miliardo di euro i danni provocati dagli incendi di quest’estate, che rispetto al 2020 sono aumentati del 256% e hanno devastato oltre 140mila ettari in Italia. Soltanto ieri in Calabria si è registrata la quinta vittima, un agricoltore di Vibo Valentia, mentre le fiamme hanno continuato a colpire nel Crotonese, nel Palermitano, nel Casertano e nel Fiorentino.

Accanto ai ristori per le perdite subite dagli agricoltori e dagli allevatori, che in molti casi rischiano di non poter proseguire la loro attività anche per mancanza di liquidità, la Coldiretti ha chiesto anche a gran voce che vengano inasprite le disposizioni dell’articolo 10 della legge nazionale 353/2000 e delle norme regionali in materia di incendi, portando da 15 a 20 anni il divieto di cambio di destinazione d’uso delle aree boschive e dei pascoli percorsi dal fuoco, ma soprattutto, che tali norme vengano estese anche ai terreni agricoli. La paura è quella che, dietro ad alcuni dei roghi di questi giorni - si calcola che 6 incendi su 10 sono di origine dolosa - si possa nascondere il tentativo di utilizzare questi spazi per il nuovo business del fotovoltaico. La Commissione regionale antimafia in Sicilia ha già avviato accertamenti in questo senso.

Loading...

«L’agrivoltaico, cioè l’installazione di impianti fotovoltaici a terra su terreni agricoli, ad oggi non necessita di nessun cambio della destinazione d’uso dei terreni utilizzati - spiega Stefano Masini, responsabile Ambiente della Coldiretti -. Ora, che le organizzazioni criminali della Sicilia che prima guadagnavano sull’eolico si siano spostate sul fotovoltaico è già stato accertato da alcune indagini condotte, tra gli altri, dal Tribunale di Palermo». Su un terreno agricolo bruciato, insomma, nulla vieta in linea teorica di installare una distesa di pannelli fotovoltaici. Certo, non è questa l’unica spiegazione possibile per tutti i roghi che stano divampando quest’estate, «ma è chiaro che per i Comuni e per le autorità preposte - aggiunge Masini - si pone un problema di valutazione attenta, al momento di concedere le autorizzazione ai nuovi impianti fotovoltaici».

Coldiretti non è contraria all’energia solare in agricoltura, anzi. Purché i terreni agricoli non vengano snaturati nella loro destinazione principale: per esempio, possono stare benissimo sui tetti delle costruzioni, contribuendo così a rendere green la bolletta energetica delle aziende agricole stesse. A metà luglio Coldiretti Giovani Impresa ha anche lanciato una petizione contro i pannelli solari mangiasuolo, per spingere invece il fotovoltaico pulito ed ecosostenibile sui tetti di stalle, cascine, magazzini, fienili, laboratori di trasformazione e strutture agricole. A meno di un mese, sono state già raccolte 30mila firme, tra cui quelle “pesanti “ dei sottosegretari al ministero dell’Agricoltura Francesco Battistoni e Gianmarco Centinaio, del presidente della Commissione Agricoltura della Camera Filippo Gallinella e di numerosi assessori all'agricoltura a partire dalla Lombardia , Emilia Romagna, Toscana, sino alla Calabria.

Agli agricoltori colpiti dagli incendi, il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli ha promesso attenzione: «Assieme al presidente Mario Draghi ci siamo confrontati per prevedere, nel pacchetto d’interventi che il governo si appresta a varare, le misure idonee a consentire alle imprese agricole e zootecniche di proseguire la loro attività, anche per scongiurare il rischio di abbandono delle zone colpite che aggraverebbe ulteriormente la già delicata situazione dei territori», ha scritto il ministro su Facebook.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti