ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCronaca

Incendio di San Giuliano Milanese partito da un’esplosione: 6 feriti, uno grave

In fiamme lo stabilimento Nitrolchimica, azienda che si occupa di recupero solventi e smaltimento di rifiuti pericolosi. Procura Lodi apre inchiesta

Incendio a San Giuliano Milanese: in fiamme la Nitrolchimica

2' di lettura

Una esplosione, per cause ancora da accertare, seguita da un vuoto d’aria e dalle fiamme, che hanno sprigionato la colonna di fumo ancora visibile. È questa, secondo la polizia locale, la prima ricostruzione di quanto accaduto nella mattinata di mercoledì 7 settembre a San Giuliano Milanese. Nell prime ore del pomeriggio l’incendio è stato spento «ma non domato», sottolinea Marco Segala, sindaco del comune alle porte di Milano.

L’esplosione è stata registrata poco dopo le 10, per la precisione alle 10.05. Un incendio con una colonna di fumo visibile da dieci chilometri di distanza è divampato nella mattinata. Le fiamme hanno investito la Nitrolchimica che si occupa del recupero di solventi e dello smaltimento di rifiuti pericolosi in via Monferrato. I vigili del fuoco di Milano sono attivi con quattordici squadre nel tentativo di contenere le fiamme che rischiano di interessare altre ditte vicine anche a rischio ambientale.

Loading...
Incendio nell'area industriale di San Giuliano Milanese

Incendio nell'area industriale di San Giuliano Milanese

Photogallery10 foto

Visualizza

Sei persone sono rimaste ferite, una delle quali in modo grave, nell’incendio. Si tratterebbe di dipendenti dell’azienda. Quattro hanno riportato intossicazioni di lieve entità, due sono le persone ustionate, delle quali una in modo grave. Il ferito più grave, un 44enne di Marzano (Pavia), è ricoverato in rianimazione e in prognosi riservata al San Gerardo di Monza: ha riportato ustioni di secondo e terzo grado al volto, al torace e agli arti.

Letteralmente devastato l’impianto della Nitrolchimica, azienda attiva dal 1975 e leader nel suo settore. Resta alta la colonna di fumo, visibile a decine di chilometri di distanza. Arpa Lombardia, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, ha attivato il gruppo specialistico contaminazione atmosferica, quello del rischio chimico e il servizio previsioni meteo. Nessuna criticità ambientale, in ogni caso. La procura di Lodi, intanto, ha aperto un’inchiesta.

Il comune invita i cittadini a tenere chiuse le finestre. Le forze dell’ordine hanno isolato la zona. Anche le aziende non interessate dalle fiamme sono state evacuate a scopo precauzionale. Al maxi incendio «stanno lavorando anche la nostra protezione civile e l’assessore alla Sicurezza, Marco Granelli. La nostra protezione civile è già sul posto e io ho il telefono acceso in attesa di notizie», ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala.

«Il peggio sembra essere passato: anche se i vigili del fuoco dovranno lavorare ancora per diverse ore, l’incendio è domato, ma non ancora spento». Lo afferma all’Ansa il sindaco di San Giuliano Milanese, Marco Segala. «I pompieri hanno autorizzato le aziende limitrofe a riaprire - aggiunge - con l’accortezza di tenere le finestre chiuse e gli impianti di condizionamento spenti. Fortunatamente non è stato necessario emettere ordinanze, perché i primi campionamenti dell’Arpa escludono conseguenze per la qualità dell’aria».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti