Ambiente

Incendio in Sardegna, almeno un miliardo di danni. I rischi erano conosciuti

Oltre alla vegetazione le fiamme hanno divorato aziende, animali e un patrimonio ambientale di 70 anni

di Davide Madeddu

Sardegna, l'Oristanese in una coltre di fumo per gli incendi

3' di lettura

La foresta non c’è più. Così come le vigne, gli uliveti. Eppoi case e aziende agricole distrutte e animali uccisi dal fuoco. Ventimila ettari di cenere. Nei 13 centri dell’Oristanese colpiti dall’incendio andato avanti per tre giorni si comincia a fare la conta dei danni. Per il momento nulla di ufficiale anche se qualcuno ipotizza una cifra superiore al miliardo di euro. Una prima ipotesi dato che dovrà essere effettuato il censimento di tutto ciò che è stato distrutto dal fuoco alimentato dai 40 gradi di temperatura e dal vento.

Le polemiche

Intanto partono le polemiche. A sollevarle il “Comitato spontaneo Montiferru” che fa circolare la copia di una lettera inviata al sindaco di Cuglieri, all’assessore all’Ambiente e alla Forestale il 7 giugno 2021 in cui chiede un intervento urgente per mettere in sicurezza diverse parti della montagna in cui la «vegetazione è diventata talmente fitta e impenetrabile da rappresentare un pericoloso deposito di combustibile alla mercé di qualsiasi piromane». Lettera a cui replica, a stretto giro anche il sindaco di Cuglieri Giovanni Panichi: «Tutto quello che era di competenza del Comune è stato fatto il resto è invece di competenza degli altri enti ai quali è stata trasmessa la lettera».

Loading...

Almeno un miliardo di danni

«Il perimetro del rogo - fa sapere la Regione con una nota - comprende un’area stimata al momento in almeno 20 mila ettari». Partendo da questo dato, Ettore Crobu, dottore agronomo e presidente dell’Ordine dei dottori agronomi e forestali della Provincia di Cagliari ipotizza una stima: «Se partiamo dalla cifra dei 20 mila ettari distrutti possiamo dire che l’ordine di grandezza è quello del miliardo di euro almeno».

Perché oltre alla vegetazione le fiamme hanno divorato aziende, animali e un patrimonio ambientale di «70 anni».«Quando si parla di incendi pensiamo ai danni immediati - dice - i roghi comportano la distruzione della sostanza organica dei terreni; la flora spontanea viene spazzata via; i naturali equilibri sussistenti nella fauna selvatica vengono spezzati perché gli animali selvatici scampati agli incendi si concentrano in zone sempre più ristrette. Inoltre non bisogna dimenticare i rischi di alluvione».

La lettera del Comitato spontaneo del Montiferru

Il contenuto della lettera

Lo stato di emergenza

A pagare il prezzo più alto sono i tredici comuni del Montiferru per i quali la Regione ha dichiarato lo stato di emergenza propedeutico alla richiesta di dichiarazione di calamità. A Cuglieri il bosco simbolo della rinascita (dopo gli incendi del passato), quello che veniva definito «l’orgoglio del Montiferru», non c’è più. Distrutto dalla violenza delle fiamme che hanno lambito la piazza. Per tutta la notte di sabato e quella di domenica le squadre a terra hanno lavorato per cercare di domare e arginare l’avanzare del fuoco. Poi interventi e disperazione e sfollati a Scano Montiferro e Santu Lussurgiu e Tresnuraghes e gli altri comuni ancora sino ad arrivare a Macomer.

All’opera 7.500 persone

Nei tre giorni di lotta alle fiamme in cui hanno operato 7.500 persone, 22 mezzi aerei tra elicotteri e Canadair si conta anche l'evacuazione (poi rientrata) di 1.500 persone dalle proprie case. Le storie di chi ha perso tutto con il rogo del Montiferru sono devastanti. «La situazione è disastrosa - dice Roberto Serra di Confagricoltura -. Ieri mi ha chiamato un associato dicendomi che la sughereta, pronta al taglio del sughero era stata completamente divorata dalle fiamme. Delle migliaia di piante è rimasta solo cenere, con un danno per centinaia di migliaia di euro che non si potrà più ripagare, dato che per ricostituirla ci vorranno almeno trent’anni».

L’assessore regionale della Difesa dell'Ambiente Gianni Lampis dopo il sopralluogo di ieri mattina nei comuni più colpiti dalle fiamme parla di «danno dal valore inestimabile». «Tra gli amministratori e i cittadini ho trovato una forte volontà di rialzarsi e di ripartire - annuncia a fine mattinata -: sosterremo questa volontà con ogni mezzo e la Regione sarà al loro fianco mettendo in campo ogni azione utile ad ottenere immediatamente gli strumenti di ristoro per le famiglie e per le imprese».

Sfollati per roghi in Sardegna,in fumo 20mila ettari

Chiesta una quota Pnrr per la riforestazione

Per il presidente Christian Solinas, che già da domenica ha annunciato la richiesta al Governo affinché una quota del Pnrr sia dedicata per un grande piano di riforestazione della Sardegna, si tratta di «un danno incalcolabile, che ha messo in ginocchio intere comunità e il loro tessuto produttivo e sociale, e che ha causato al prezioso patrimonio ambientale una ferita mortale». Il tempo per la ricostruzione sarà comunque lungo. La Coldiretti stima «almeno 15 anni per ricostituire i boschi e la macchia mediterranea distrutti dalle fiamme che hanno raggiunto pascoli, ulivi, capannoni, fienili con le scorte di foraggio e mezzi agricoli ma anche ucciso animali». A seguire l'evoluzione della situazione il Presidente del Consiglio Mario Draghi che esprime la solidarietà a tutta la popolazione colpita e il sostegno a quanti si stanno prodigando negli interventi di soccorso. La ministra dell'Interno Luciana Lamorgese ringrazia quanti “stanno operando senza sosta per fronteggiare gli incendi”.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti