Allarme in mare

Incendio nella stiva di un traghetto. La nave torna in porto

Le fiamme si sono sviluppate nel garage di un ferry della Tirrenia diretto da Genova alla Sardegna. Una ventina i mezzi danneggiati ma nessun ferito a bordo

di Raoul de Forcade

2' di lettura

Paura a bordo del traghetto Athara della compagnia Tirrenia (gruppo Onorato armatori). Sulla nave, partita mercoledì sera da Genova con destinazione Porto Torres, si è sviluppato un incendio nella stiva. A bordo dell’unità c’erano 176 passeggeri e 42 membri di equipaggio.

Le fiamme si sono alzate all’interno del garage destinato al trasporto di autoveicoli e semirimorchi, sembra da un camion frigo, e sono state contenute grazie ai sistemi antincendio di bordo. Nessuna persona, fa sapere la Capitaneria di porto di Genova con una nota, «è stata coinvolta nell’incendio: non ci sono feriti e nessuno ha necessitato di assistenza».

Loading...

L’evento si è verificato mentre Athara era in navigazione al largo della Corsica, a circa 40 miglia nautiche da Genova, dove l’unità è rientrata alle ore 2,40 del mattino. Mentre il traghetto tornava indietro, il personale di bordo ha iniziato a spegnere le fiamme. A titolo precauzionale, la Capitaneria ha disposto l’uscita in mare di una motovedetta, che ha raggiunto la nave per fornirle assistenza in caso di necessità.

Non appena Athara è giunta all’ormeggio a Genova, sono intervenuti a bordo i Vigili del fuoco, che hanno estinto gli ultimi focolai presenti, gli ispettori della sicurezza della navigazione della Guardia costiera e i tecnici del Rina (la società di classificazione e certificazione) per verificare le condizioni della nave.

Tutti, gli accertamenti, fanno sapere dalla Capitaneria, «sono stati messi a disposizione della Procura di Genova per il coordinamento delle indagini». Da una primissima ricostruzione, spiega la nota, «le fiamme avrebbero inizialmente interessato un carico refrigerato e quindi, si sarebbero, propagate ai mezzi contigui, circa una ventina , con danni più o meno evidenti, tra automezzi e rimorchi».

Tirrenia sta disponendo il trasbordo dei passeggeri su un’altra unità per consentire loro riprendere il viaggio nel corso della giornata.Per l’Athara, conclude la Capitaneria, «è previsto il fermo per gli accertamenti del caso e il successivo ripristino delle condizioni di navigabilità in sicurezza».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti