IL CASO

Incentivi auto, finiti a sorpresa quelli per la terza fascia di emissioni

Esauriti i fondi per l'acquisto di auto con emissioni 61 a 90 gr/km, in pratica vetture ibride

di Pier Luigi del Viscovo

2' di lettura

Sono esauriti gli incentivi per l'acquisto di auto a emissioni contenute, quelle da 61 a 90 gr/km di CO2, la cosiddetta terza fascia, dopo che quelli per le vetture da 91 a 110 gr/km erano finiti già a settembre. La notizia è arrivata di sorpresa oggi 6 novembre. Pazienza, tutti gli incentivi prima o poi finiscono e non è questa, in fondo la notizia.
La notizia è che i fondi a sostegno del mercato auto non sono affatto finiti. Erano stati stanziati 400 milioni e circa un centinaio dovrebbero essere ancora lì, dove resteranno fino alla fine, poiché sono riservati a vetture a emissioni basse e bassissime, le fasce uno e due. Sono le auto elettriche e ibride plug-in, la cui domanda è largamente inferiore alla cifra stanziata, cioè non ci saranno abbastanza clienti disposti a comprarle nonostante gli incentivi.

Vediamo un po' di numeri, per rendere comprensibile una materia forse troppo tecnica.La cifra complessiva è stata ripartita in modo uguale a 4 fasce di emissioni: 100 milioni ciascuna. Purtroppo, la domanda dei clienti non si distribuisce in modo uguale. La quarta fascia pesa il 39% degli acquisti, la terza il 10%, la seconda poco più dell'1% e la prima poco meno del 2%. Metà del mercato sta fuori da queste fasce e dagli incentivi. La notizia è che, nella peggiore crisi economica dal dopoguerra ad oggi, l'obiettivo perseguito non sia aiutare un settore chiave a risollevarsi, bensì forzare l'acquisto di certe macchine a scapito di altre, ossia falsare il mercato. Eppure, qualsiasi auto costruita oggi è infinitamente più sostenibile della corrispondente vettura di venti o trent'anni fa, come dimostra un'analisi del Centro Studi Fleet&Mobility su dati ACI.

Loading...

Se tutte le auto circolanti fossero Euro6, le polveri sottili allo scarico sarebbero il 93% in meno di quelle oggi emesse, di cui tre quarti sono prodotte dai 9 milioni di macchine Euro0, vecchie di trent'anni. Intendiamoci, non che sia un vero problema, visto che il PM riconducibile alle auto è intorno al 5% del totale e di questo solo una minima parte viene dagli scarichi, mentre la maggior parte è data dal sollevamento delle polveri dal suolo: lavare le strade, quello le abbatterebbe. Ma di poco, non certo quanto sostituire le caldaie dei riscaldamenti. Se tutte le auto circolanti fossero Euro6, gli ossidi di azoto sarebbero l'80% meno di quelli oggi emessi, di cui metà da vetture Euro0 e Euro1, immatricolate fino al 1996. La notizia è che l'obiettivo non sia neanche ridurre l'inquinamento o la CO2 visto che, tra continuare a girare con un'auto di venti o trent'anni o sostituirla con una nuova non elettrica o ibrida, la scelta sia di non aiutare l'automobilista a cambiare. Tradotto: meglio una macchina vecchia insicura e inquinante che una nuova non elettrificata.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti