RACCORDO A1-A14

Incidente di Bologna: ecco tutti gli effetti sul traffico

di Maurizio Caprino


Bologna, inferno sul raccordo autostradale. In fiamme centinaia di auto

1' di lettura

Dureranno probabilmente mesi i lavori di ripristino del cavalcavia del raccordo A1-A14 che passa sopra la via Emilia, alla periferia ovest di Bologna, parzialmente crollato oggi pomeriggio per l’esplosione di un’autocisterna. Ma i disagi riguarderanno principalmente chi in autostrada giunge da Firenze ed è diretto verso la Romagna. Per chi invece arriva da nord (Milano o Padova) non ci saranno praticamente conseguenze.

Il raccordo chiuso, infatti, non tocca direttamente né l’A1 né l’A14. Non è ancora possibile sapere se resterà interamente chiuso in queste ore o se sarà parzialmente riaperto, com’è probabile. In ogni caso, per chi è diretto sull’A14 Bologna-Taranto provenendo da Milano (in A1) o da Padova (A13) non cambia nulla: le interconnessioni tra A1 e A14 sono dirette e resteranno sempre aperte al traffico. I problemi riguardano - oltre al traffico locale - chi proviene da Firenze sull’A1: qui l’unica connessione tra le due autostrade è proprio il raccordo A1-A14 che s’imbocca dall’A1 a Casalecchio di Reno e finisce in A14 all’altezza dell’aeroporto Marconi di Bologna.

Al momento per questi utenti non è molto consigliabile “tagliare fuori” tutta la zona di Bologna utilizzando la superstrada E45 che sbuca in A14 a Cesena Nord: il tracciato di questa arteria è interessato da molti cantieri.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...