ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùBorsa Madrid

Inditex (Zara) in ribasso, pesano avvicendamento ai vertici e Covid

Passaggio di consegne la prossima primavera. Sostituzione immediata, inoltre, per il ceo. Per gli analisti l’uscita del presidente esecutivo Isla potrebbe creare un problema temporaneo nella direzione del gruppo spagnolo

di Giuliana Licini

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - La Borsa di Madrid, dove l'IBEX 35 è in calo, boccia la «staffetta generazionale» di Inditex, che porterà la figlia del fondatore del colosso spagnolo della moda a diventare presidente esecutivo la prossima primavera. Sostituzione immediata, inoltre, per il ceo. Il titolo Inditex è arrivato a perdere oltre 4,5 punti, risentendo anche delle preoccupazioni per l’impatto della nuova ondata pandemica sul gruppo. Il gruppo, che controlla tra gli altri il marchio Zara, ha annunciato che Marta Ortega Perez, la figlia del fondatore Amancio, assumerà la presidenza esecutiva dal primo aprile in sostituzione di Pablo Isla Pablo, in carica da dieci anni. La nomina – spiega Inditex in un comunicato – completa «il passaggio di testimone generazionale» iniziato nel 2011 quando Amancio Ortega ha lasciato la presidenza. La società ha anche nominato come nuovo Ceo con effetto immediato, Oscar Garcia Maceira, al posto di Carlos Crespo Gonzalez, che diventa Coo. Le nomine dovranno passare al vaglio della prossima assemblea annuale degli azionisti. Inditex ha anche introdotto un nuovo comitato di direzione di cui fanno parte Crespo Gonzalez, il direttore finanziario Ignacio Fernandez Fernandez e i responsabili dei marchi del gruppo.

Secondo gli analisti di Bryan, Garnier & Co, l’uscita del presidente esecutivo Isla potrebbe creare un problema temporaneo nella direzione del gruppo spagnolo. Isla, notano gli analisti, ha gestito un periodo di grande espansione del gruppo e la transizione potrebbe lasciare «un grande vuoto» a breve termine. Probabilmente proprio per porvi rimedio è stato costituito il nuovo comitato di direzione, indica Brian & Garnier. Maria Ortega, nata il 10 gennaio 1984 dall’unione tra Amanacio Ortega e la sua seconda moglie Flora Perez, è apparsa regolarmente negli ultimi anni accanto al padre in occasione di eventi di Inditex, dove ha occupato vari incarichi dal 2007, in particolare per il brand Zara.- «Ho vissuto e respirato questa azienda fin dalla mia infanzia e ho imparato da tutti i grandi professionisti con cui ho lavorato negli ultimi 15 anni. Ho sempre detto che avrei dedicato la mia vita a rafforzare l’azienda costruita dai miei genitori, guardando al futuro, ma imparando dal passato», ha dichiarato Maria Ortega, citata in un comunicato.

Loading...

Inditex è il maggiore gruppo di moda a basso prezzo del mondo, davanti a H&M e comprende otto marchi, tra cui Zara, Stradivarius, Bershka, Pull&Bear e Massimo Dutti. E’ presente nei cinque continenti, in 216 mercati con un totale di oltre 6.500 negozi, generalmente nelle vie dello shopping più frequentate. Ha oltre 162.000 dipendenti. Fondata nel 1963, come azienda famigliare, a Coruna, nel Nord-Ovest della Spagna, ha aperto il primo negozio con il marchio Zara nel 1975, ha iniziato ad espandersi all’estero nel 1988 ed è quotata alla Borsa di Madrid dal 2001, con una capitalizzazione attuale di circa 90 miliardi. Il gruppo ha chiuso il primo semestre con ricavi per quasi 12 miliardi, in crescita del 49%,un margine lordo del 57,9% e un utile netto di 1,27 miliardi, contro una perdita di 195 milioni nello stesso periodo del 2020. La posizione cash del gruppo ha raggiunto il massimo storico di 8 miliardi di euro alla fine del semestre.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti