Il report

Il caro-energia zavorra il Pil. CsC: -0,8% l’impatto sul 2022

Quello dell’inflazione sarà un «balzo transitorio, se si raffredda l’energia»

Giorgetti: "Su caro bollette Governo pronto anche a ulteriori misure"

2' di lettura

«Con gli attuali prezzi abnormi dell’energia, i margini erosi, la scarsità di commodity e l’aumento dei contagi, il rischio è che il pil subisca uno stop nel primo trimestre: almeno -0,8% l’impatto del caro-energia sul PIL del 2022», avverte il Centro studi di Confindustria. «Il rincaro dell’energia - evidenziano gli economisti di via dell’Astronomia nella Congiuntura flash do gennaio 2022 - colpisce l’industria italiana» mentre «gli elevati contagi frenano i consumi di servizi». Assistiamo ad una «risalita a forte rischio. A inizio 2022 si sono fatte più fitte le nubi, addensatesi già a fine 2021 sulla risalita del pil italiano, stimato in frenata nel quarto trimestre».

Balzo transitorio inflazione se frena energia

Sullo sfondo, la corsa dei prezzi. Quello dell’inflazione, segnala il report di CsC, sarà un «balzo transitorio, se si raffredda l’energia». In Italia - rilevano gli economisti di via dell’Astronomia - il balzo dei prezzi dei beni energetici, +29,1% annuo a dicembre, ha spinto l’indice generale molto sopra quello core, che è rimasto, a fine 2021, su una dinamica simile al 2020 (+1,5%). L’impatto sulla spesa delle famiglie del rincaro dell’energia (pari all’8,3% del paniere dei consumi) è stimato in circa 5/6 miliardi di euro: ciò sottrae risorse alla spesa in altri beni e servizi, frenando i consumi. In questo scenario «in Italia - è l’analisi del CsC - se si avvereranno le attese di parziale flessione dei prezzi energetici, sarebbe confermato lo scenario di rientro dell’inflazione, sui valori pre-Covid, nonostante la dinamica possa continuare a crescere nel breve termine. Al calo contribuirebbe la perdurante debolezza della domanda; il risparmio accumulato, che potenzialmente potrebbe affluire sui consumi, difficilmente verrà speso a breve, a causa della fiducia ridotta».

Loading...

Lo scenario di un’inflazione core strutturalmente più elevata

Viceversa, rileva ancora il report, «le attuali pressioni sui costi e i nodi nelle catene del valore potrebbero in parte trasmettersi ai prezzi dei beni nel 2022. Insieme alla spinta ai prezzi implicita in alcuni processi in atto (transizione ecologica, Pnrr), ciò potrebbe condurre a un’inflazione core strutturalmente più elevata». Il Centro studi di Confindustria avverte che «l’imprevedibilità degli shock esogeni e della loro durata, come quello del gas nel 2021, rappresenta un limite all’accuratezza delle previsioni», che sono «di calo nel 2022»; «l’inflazione già acquisita per il 2022 in Italia è del +1,8%: molto di più rispetto al 2021, quando si partiva quasi da zero. Le pressioni inflazionistiche, infatti, sono cresciute progressivamente nel corso del 2021 (da +0,8% nel 1° trimestre, fino a +3,9% nel 4°), determinando un “trascinamento” elevato per l’anno appena iniziato. Comunque, le previsioni dei principali istituti prospettano un’inflazione italiana nel 2022 in calo dal picco, in media al +2,4%, fluttuando tra un massimo di +3,5% secondo le stime di Banca d’Italia (di gennaio), e un minimo di +1,8% secondo lo scenario Fmi (di ottobre). Anche le previsioni per l’Eurozona sono di rientro».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti