ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùManifattura e guerra

A marzo l’industria italiana rallenta il passo

Crescita azzerata a marzo, +3% nel confronto annuo. In rosso il bilancio congiunturale del primo trimestre. Corre la moda, giù i mezzi di trasporto.

di Luca Orlando

(Nataliya Hora - stock.adobe.com)

3' di lettura

Crescita azzerata rispetto al mese precedente, tre punti di progresso in rapporto al 2021. A marzo l’industria italiana rallenta il passo, portando così in rosso il bilancio congiunturale del primo trimestre, un arretramento dello 0,9%.

Si tratta del primo mese “pieno” in cui l’industria affronta l’impatto della guerra, anche se gli effetti più importanti legati alla scarsità di alcune forniture in arrivo da Russia e Ucraina (ghisa, acciaio, nero fumo, grano, argille per ceramica) si vedranno soprattutto da aprile in poi. Già qualche effetto diretto è comunque visibile dal lato dell’export, esattamente dimezzato nel mese di marzo verso la Russia, arretramento che vale più di 300 milioni di euro.

Loading...

Marzo per l’industria italiana vede un rallentamento ma non una caduta, con più di un settore in progresso convinto: industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (+15,0%), la fabbricazione di computer e prodotti di elettronica (+7,5%), fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a. (+7,4%).

A frenare le medie ancora una volta i mezzi di trasporto (-3,0%), in calo anche metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (-1,8%).

Il bilancio dei primi tre mesi diventa così più “magro”, una crescita di appena l’1,3% rispetto allo stesso periodo 2021.

Ascoltando le voci degli imprenditori il quadro pare abbastanza consolidato e diffuso: da un lato una massa di ordini che continua a rimanere solida, sia in Italia che in Europa; dall’altro le grandi difficoltà incontrate per produrre rispettando i tempi di consegna, con vincoli crescenti dal lato delle forniture (elettroniche e non solo) e incertezze aggiuntive poste dalle pesanti oscillazioni dei prezzi, che impongono continue revisioni dei listini e ostacolano la costruzione di offerte a margini positivi.

Guardando avanti

Per aprile le prospettive non paiono brillanti, a giudicare dalle stime avanzate dal Centro Studi di Confindustria, che prevede un calo congiunturale del 2,5%.

Dopo il dato positivo di febbraio - spiega la nota Csc - prevalentemente dovuto ad un effetto base statistico, continuano ad incidere i fattori che ostacolavano l'attività produttiva italiana già prima della guerra (rincari delle materie prime, scarsità di materiali), che nel 1° trimestre si sono confermati molto rilevanti. L'insufficienza percepita di impianti e/o materiali si è significativamente acuita. I giudizi sui principali ostacoli alle esportazioni sono ancora negativi. La percentuale di imprese manifatturiere che hanno segnalato difficoltà in termini di costi e prezzi più elevati e tempi di consegna più lunghi è rimasta elevata, sebbene in attenuazione rispetto al 4° trimestre del 2021.

In Europa

Marzo non brillante per la Germania, che cede il 3,9% mensile, il 3,5% rispetto a marzo del 2021, con l’80% delle aziende a segnalare ostacoli alla produzione legati ai colli di bottiglia nelle forniture. Situazione un poco migliore in Francia, che cede lo 0,5% e chiude il primo trimestre tre decimali oltre lo stesso periodo 2021. A frenare le medie anche qui è il comparto auto, tra i più penalizzati in tutta Europa. Inevitabile, del resto, alla luce dei dati, con l’Europa a perdere tra gennaio e marzo oltre il 10% delle immatricolazioni.

Freno innescato per l’indotto a partire dal primo mercato di sbocco, la Germania, che continua a cedere terreno: anche ad aprile la frenata della produzione è a doppia cifra e nel bilancio dei primi quattro mesi dell’anno è 1,1 milioni di unità, il 12% in meno rispetto allo stesso periodo 2021.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti