GUIDA RAPIDA/1

influencer marketing: le regole per i concorsi a premi sui social

Regole rigide per pubblicizzare marchi e prodotti. Regolamento e cauzione per i concorsi a premi. Il nodo della privacy: i dati di chi partecipa a un concorso vanno registrati su server in Italia, nel rispetto della normativa Ue

di Marisa Marraffino


3' di lettura

Si chiama influencer marketing ed è il modo più efficace per far conoscere un prodotto o un marchio puntando sulla visibilità dei profili più seguiti sui social network. Dal punto di vista legale, però, le regole non sono semplici ed è facile andare incontro a sanzioni e divieti.

Prendiamo l’esempio di un personaggio noto sul web, che fa da testimonial per una promozione online. Innanzitutto, il Dpr 430/2001 prevede che ogni promozione online che attribuisca premi agli utenti sulla base della loro abilità, anche senza l’acquisto dei prodotti, debba sottostare alle rigide condizioni dei concorsi a premi. Occorre muoversi per tempo, redigere un regolamento dettagliato, comunicare l’avviso del concorso 15 giorni prima del suo inizio al ministero delle Attività produttive e versare la cauzione pari all’intero importo dei premi. La normativa contiene soltanto poche deroghe, nel caso in cui ad esempio il concorso abbia finalità sociali, preveda la produzione di opere letterarie, scientifiche o artistiche oppure se il premio sia rappresentato da uno sconto o da oggetti di minimo valore.

Sul concetto di minimo valore, dopo una breve fase in cui il ministero dello Sviluppo economico aveva indicato come soglia massima la cifra di 25,82 euro, a seguito dell’aggiornamento del 9 luglio 2018 si è tornati all’interpretazione fornita con la circolare 28 marzo 2002, numero 1/Amtc, che aveva rinviato all’esemplificazione contenuta nell’articolo 107 del Regolamento sui servizi del lotto approvato con il regio decreto 1077/1940 che considera il valore massimo pari a quello del lapis, della bandierina, del calendario e di oggetti ad essi similari.

In sintesi, oggi se il premio supera il valore di 1 euro, Iva compresa, il contest on line sarà assimilato a un concorso a premi e dovrà sottostare alle relative modalità di gestione. Per il Tribunale di Roma anche delle card che danno diritto a sconti per i vincitori rappresentano dei premi (sentenza 4552 del 28 febbraio 2019).

Si salvano invece i concorsi interni alle aziende in cui i venditori sono incentivati a consegnare dei “gratta e vinci” con possibili sconti a clienti selezionati. In questo caso non si tratterebbe di un’offerta al pubblico e ciò basta per evitare la sanzione all’azienda promotrice (Corte di appello di Trento, sezione distaccata di Bolzano, sentenza 40 del 23 marzo 2018).

I concorsi online passano poi, quasi sempre, anche attraverso la raccolta dei dati personali degli utenti, chiamati a condividere fotografie, dati, esperienze. In questo caso, oltre a una landing page specifica per l’iniziativa occorrerà predisporre un sistema di raccolta dati a prova di Gdpr.

Non basterà acquisire i consensi specifici per ogni finalità del trattamento ma occorrerà prevedere un apposito sistema di mirroring. I dati dei partecipanti che passano dai social network dovranno essere memorizzati su server allocati in Italia, nel rispetto della normativa europea in materia di misure di sicurezza adottate e dei diritti degli interessati, in modo da evitare data breach e scarsa collaborazione con i partecipanti al concorso. Se poi il contest prevede l’invio di fotografie o video, occorrerà fare attenzione alla legge 633/1941 in tema di diritto d’autore e assicurarsi che i contenuti inviati siano nella piena disponibilità dell’utente e che non siano lesivi dei diritti di terzi.

Il difetto di funzionamento del server che per errore invia mail di conferma di vincita del premio a tutti i partecipanti anziché soltanto a quelli effettivamente selezionati non dà invece luogo al risarcimento del danno da parte dei partecipanti visto che alla società promotrice spetta il diritto di verificare la regolarità delle comunicazioni (Tribunale di Bari, sentenza 3505 del 23 giugno 2016).

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...