industria 4.0

Innovation manager, al via le domande per gli incentivi

Le agevolazioni dedicate ai piani di digitalizzazione delle imprese gestiti da Invitalia per conto del Mise entrano nel vivo

di Giuseppe Latour


default onloading pic
(Adobe Stock)

2' di lettura

Incentivi per gli innovation manager al via. Chiusa la fase di composizione dell’elenco di esperti (completata lo scorso 25 ottobre), il ministero dello Sviluppo economico, insieme al soggetto attuatore Invitalia, apre giovedì 7 la seconda fase della misura. Mettendo in moto la fase di presentazione delle domande che porterà all’erogazione materiale delle agevolazioni dedicate ai piani di digitalizzazione delle imprese.

Il calendario
I tempi per la partenza della misura sono stati definiti dal un provvedimento del ministero dello Sviluppo economico: a partire dal 7 novembre, le imprese e le reti d’impresa possono avviare la compilazione della domanda per richiedere il voucher per l’innovation manager.

Gli elenchi dei manager
Attingendo alla lista dei manager esperti di tecnologie legate a industria 4.0, Pmi e reti di impresa potranno richiedere gli incentivi pensati per favorire i processi di trasformazione tecnologica e digitale. A disposizione, per le annualità 2019 e 2020, ci saranno complessivamente a 50 milioni di euro. Nel pacchetto regolato dalla legge di Bilancio 2019 sono previsti altri 25 milioni di euro, relativi al 2021: saranno oggetto di un decreto successivo.

La procedura a sportello
L’agevolazione verrà concessa sulla base di una procedura a sportello, per cui le domande inviate verranno ammesse alla fase istruttoria sulla base dell’ordine cronologico di presentazione.

L’iter di presentazione delle domande di agevolazione, allora, sarà articolato in più fasi: si comincia con la verifica preliminare del possesso dei requisiti di accesso alla procedura informatica, a partire dalle ore 10 del 31 ottobre. Poi, si passa alla compilazione delle domanda di accesso alle agevolazioni, a partire dalle 10 del 7 novembre e fino alle 17 del 26 novembre. Infine, ci sarà l’invio della domanda di accesso alle agevolazioni, a partire dalle 10 del 3 dicembre.

Come presentare la domanda
Al momento della presentazione della domanda di accesso alle agevolazioni, andrà indicato il manager qualificato, individuato nell’elenco del Mise, con il quale sarà sottoscritto il contratto per le prestazioni di consulenza specialistica legate a Industria 4.0. Il manager non potrà essere coinvolto contemporaneamente in più domande.

La trasmissione delle domande
Le domande di agevolazione si intenderanno trasmesse in maniera corretta dopo che il sistema avrà rilasciato l’attestazione di avvenuta presentazione dell’istanza. Il tempo sarà fondamentale. L’articolo 5 del decreto del Mise, infatti, specifica che le domande saranno ammesse alla fase istruttoria in base all’ordine cronologico di presentazione.

Il tetto dei contributi
I contributi, però, saranno erogati entro il tetto massimo di 50 milioni di euro. Arrivati a quella soglia, lo sportello sarà chiuso e le domande rimaste senza copertura saranno considerate decadute.

Materialmente l’erogazione delle agevolazioni avverrà in due quote. La prima metà sarà pagata dopo la realizzazione di almeno metà delle attività previste dal contratto; il resto arriverà al completamento delle attività.

Per approfondire
L’innovation manager è pronto al debutto per le Pmi digitali
Manager 4.0: i quattro step che portano all’incentivo

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...