PREVIDENZA

Inps, Boeri: valgono un miliardo le 373mila pensioni all’estero


(ANSA)

2' di lettura

Il presidente dell’Inps Tito Boeri si schiera contro le prestazioni assistenziali pagate all’estero: vanno a ridurre gli oneri di spesa sociale di altri Paesi, ha sottolineato. E lo fa fatto proprio nel corso dell’audizione che si è tenuta davanti al Comitato permanente sugli italiani nel mondo, presso la commissione Esteri alla Camera. «È come se il nostro Paese operasse un trasferimento verso altri senza avere un ritorno in consumi», ha detto.

Nel 2017 quattordicesime percepite all’estero cresciute del 131%
Sotto alla lente dell’Inps finiscono in particolare le quattordicesime percepite all’estero. «La legge di Bilancio per il 2017 - ha spiegato Boeri - ha elevato il limite di reddito previsto per tale prestazione, incrementando la platea dei destinatari, e ne ha aumentato l’importo». Ecco che «complessivamente, nel 2017 sono state erogate all'estero un totale di 35,6 milioni per la quattordicesima, incrementando ulteriormente di circa 20 milioni i pagamenti non contributivi erogati all'estero dall’Istituto, un aumento del 131% rispetto all'anno precedente (nel 2016 gli importi erogati sono stati pari a 15,4 milioni per circa 46.000 beneficiari)».

Il 39,6% percepito in Europa
Guardando alla mappa per Paese di chi riceve la quattordicesima, il maggior numero è «presente in Europa (39,6%) in America meridionale (36,1%) e in America settentrionale (12,6%)». Si tratta, ha ricordato il presidente dell'Inps, «in grandissima parte di paesi in cui esistono redditi minimi garantiti il cui accesso è basato sul livello di reddito degli individui con benefici il cui ammontare è stabilito in modo tale da portare questo reddito al di sopra di soglie (di povertà) prestabilite. Questo significa - ha concluso Boeri - che il nostro paese con le quattordicesime erogate a residenti di questi paesi sta di fatto riducendo gli oneri per spesa assistenziale di altri paesi».

373mila pensioni pagate all’estero: durate contributive molto basse
Nel complesso, ha spiegato Boeri, «le pensioni pagate all’estero dall’Inps, su 160 Paesi, nel 2016 sono state oltre 373mila», per un valore «poco superiore a 1 miliardo di euro». Boeri ha fatto notare che «più di un terzo delle pensioni pagate a giugno del 2017 hanno periodi di contribuzione in Italia inferiori a 3 anni, il 70% è inferiore ai 6 anni e l’83% è ai 10 anni», quindi durate contributive «molto basse».

Le pensioni pagate all’estero? Un’anomalia
Secondo il presidente dell'Inps, dunque, le prestazioni assistenziali pagate all’estero «vanno a ridurre gli oneri di spesa sociale di altri Paesi, è quindi come se il nostro Paese operasse un trasferimento verso altri senza avere un ritorno in consumi». Le somme, ha aggiunto Boeri, sono erogate «dall'Italia invece che dal Paese in cui si risiede e si paga le tasse». Insomma, per l’economista è «un'anomalia», visto che «non c'è un quadro di reciprocità». E il fenomeno, ha concluso, «è in aumento sul 2017, a seguito degli interventi fatti, con la spesa per 14esime più che raddoppiata».

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti