Buona Idea

Inquadra, prova, acquista: ecco la nuova frontiera dello shopping

Ci si muove fra app di realtà aumentata, avatar di videogame e certificati digitali di autenticità. Per allargare le potenzialità creative del sistema moda

di Barbara Sgarzi

Flashtrek, GUCCI(da 750 $).

3' di lettura

Chi ha detto che le piattaforme interattive siano adatte solo ai giovani? Che provare abiti e scarpe in modo virtuale sia una prerogativa di influencer e trendsetter? La mia esperienza con Wanna Kicks dimostra l'esatto contrario. Basti pensare che anche la supermodella Natalia Vodianova, grazie al figlio Lucas Portman, si è trasformata in un'investitrice digitale, quando ha scoperto la comodità di utilizzo dell'app, rilasciata da Wannaby, la startup di realtà aumentata con sede a Minsk.

Il logo dell'app Wanna Kicks.

Mi sono imbattuta in Wanna Kicks mentre curiosavo nella sezione Gucci Garden del sito della maison. È stato amore (e divertimento) a prima vista: dopo aver scelto le scarpe che preferivo, le ho provate, inquadrando con l'iPhone i miei piedi nudi, e in un attimo ho capito se le calzature mi stavano bene o meno. Ho iniziato a provarne di differenti brand: Gucci, Balmain, Vans, Nike , Adidas  e il nuovissimo marchio vegano di Lucas Portman, Fashion Baby . Se per un teenager è un gioco divertente postare sui social un guardaroba virtuale, per chi ha qualche anno in più usare una piattaforma interattiva, che permette una prova immediata e un acquisto diretto su un e-commerce è più che un'esperienza funzionale. È la prova che fashion e tech possono dare grandi risultati.

Loading...

ZX 10000 Meissen, ADIDAS X MEISSEN (da 160 $).

Un altro esempio? Gli NFT, Non Fungible Token, spesso abbreviati in Nifty, un prodotto della blockchain associati al sistema delle criptovalute. Si tratta, in sintesi, di certificati digitali di autenticità e proprietà associati a un'opera d'arte o a un oggetto, che possono essere solo virtuali oppure anche fisici. «La moda si sposa bene con il mondo degli NFT, grazie alle possibilità offerte da tecnologie quali il 3D rendering e la realtà aumentata», spiega Alessandro Botteon, ceo di Impossible Brands. «Tra le tendenze, una riguarda la possibilità, per chi ha acquistato un capo NFT, di vestirlo digitalmente su una propria fotografia su cui l'abito viene sovraimpresso.

Air Jordan 1 Mid Lakers Top 3, NIKE (da 120 $).

Un'altra permette di lanciare un abito, una collezione o persino un brand in versione digitale, sotto forma di NFT, prima di produrre fisicamente i capi, per testare se la domanda digitale è sufficiente per giustificarne l'esistenza reale. Infine, una direzione promettente riguarda la possibilità offerta dagli NFT di raggiungere target più giovani e di vestirli all'interno di arene virtuali e videogame. In questo modo, gli NFT introducono un guardaroba digitale che non sostituisce, bensì amplifica quello reale».

Slip-on Vivienne Westwood Anglomania Checkerboard, VANS (da 55 $).

Ad avvicinarsi agli NFT sono stati per primi i piccoli brand indipendenti che hanno creato outfit per vestire gli avatar nei videogames come Fortnite o da sfoggiare nelle piattaforme di realtà virtuale - il cosiddetto metaverso - come Decentraland  . Così è stato per le sneakers del giovane artista digitale Fewocious per RTFKT Studios  . La fornitura di 600 scarpe in versione NFT, in vendita su niftygateway.com, è volata via in pochi minuti per un totale di 3,1 milioni di dollari. Anche i grandi brand non sono rimasti indietro: lo scorso maggio, Valentino  e Marc Jacobs  hanno realizzato capi per vestire i personaggi del videogioco Animal Crossing di Nintendo, mentre Gucci, con la sezione virtuale Garage, lanciata a novembre, si è affacciato in questo mondo con le sneakers V25 per il videogioco Roblox, a sorpresa, al prezzo di 12 dollari. Di recente, il brand ha partecipato all'asta NFT di Christie's Proof of Sovereignty con il suo primo NFT Aria, un fashion film di quattro minuti co-creato da Alessandro Michele e Floria Sigismondi (venduto a 25mila dollari).

B-Court two-toned, BALMAIN(da 600 $).

Jacob & Co , brand di orologi di lusso, ha lanciato il suo primo orologio luxury in versione NFT (da 5mila dollari su ArtGrail ). Chiusa a oltre 40mila sterline, invece, l'asta su Rarible per il primo NFT a marchio NASA, lo Space Watch disegnato da Richard Danne (storico padre del primo logo di NASA) e prodotto da Anicorn . Insieme all'oggetto fisico ci sono video e schizzi di design e progettazione, certificati dalla blockchain, che, rendendolo unico al mondo, ne innalzano il valore.

Swallowtail Low Peacock, FASHION BABY (da330 €).

Riproduzione riservata ©

loading...

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti