investimenti

Intelligenza artificiale e robot per i bocconcini di sfoglia 4.0

L'automazione consente di destinare il personale ad attività meno ripetitive

di Barbara Ganz

L'automazione consente di destinare il personale ad attività meno ripetitive


2' di lettura

Con un investimento di 4 milioni di euro per una nuova linea ad automazione completa i robot di ultima generazione, gestiti da intelligenza artificiale, entrano alla Vicenzi per produrre i bocconcini di sfoglia.

Il prodotto, una volta cotto, deve essere farcito, raccolto in contenitori appositi e confezionato. Le operazioni di prelievo e imballaggio richiedono velocità, precisione e destrezza ininterrotte: le attività vengono affidate a robot che completano ogni azione ad alta velocità senza pause e, soprattutto, senza diminuire la soglia di attenzione. Le macchine - chiariscono in azienda - non sono pensate per sostituire le persone, ma per affiancarle imitando i gesti del pasticcere tradizionale con estrema precisione e garantendo la migliore costanza e qualità. Così i robot gestiti dall’intelligenza artificiale si sincronizzano tra loro raccogliendo e imballando 1.100 pasticcini al minuto su una linea.

L’impianto, appena inaugurato nello stabilimento di San Giovanni Lupatoto, affida all’automazione ogni passo del processo: dalla formatura tramite la moulding machine, la macchina che “stampa” i singoli pezzi, alla farcitura, passando per l’etichettatura fino alla pallettizzazione, ogni passaggio è gestito dalle macchine che curano con estrema “delicatezza” l’integrità dei bocconcini.

L’elevata automazione della nuova linea permette di destinare il personale ad attività meno ripetitive e più elevate, migliorando anche la qualità di vita aziendale. Allo stesso tempo, consente di selezionare biscotti con requisiti qualitativi migliori, visto che il controllo della qualità visiva del prodotto (colore, forma) è affidato a un visore ottico della macchina, in grado di agire sulla base di un algoritmo software che riconosce i pezzi migliori. In questo modo si ottengono riduzione dei costi e dei tempi, riduzione di errori e fermi macchina, maggiore tracciabilità di filiera e riduzione degli scarti.

La nuova linea si inserisce in un programma di investimento realizzati dalla storica azienda a partire dal 2016. Negli ultimi tre anni sono stati investiti 15 milioni di euro sia in ricerca & sviluppo che nell’ammodernamento degli impianti, e una cifra analoga è stata programmata anche per il prossimo triennio. Vicenzi ha 354 dipendenti e un fatturato consolidato che nel 2019 ha toccato quota 124 milioni. Nei mesi scorsi l’azienda ha messo a punto il primo bilancio di responsabilità sociale di una storia centenaria. Nel periodo del lockdown l’attività è proseguita: ai dipenti, tutti coperti da specifica assicurazione in caso di Covid-19, è stato assegnato un premio di produzione.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti