ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùL’opinione

Intelligenza Artificiale più accessibile: una scuola avanzata e gratuita per 150 studenti

Prima edizione in presenza della Mediterranean Machine Learning Summer School, in corso questa settimana presso l'Università di Milano-Bicocca

di Matteo Palmonari*

(Tierney - stock.adobe.com)

3' di lettura

Le applicazioni dell'Intelligenza Artificiale stanno rivoluzionando scienza e industria, toccando ormai i confini della creatività umana. Alcuni esempi: le intelligenze artificiali sono state in grado di predire la struttura 3D di oltre 200 milioni di proteine, di vincere contro un giocatore professionista 9-dan del gioco del Go, di risolvere il cubo di Rubik con una mano robotica; la computer vision fornisce soluzioni per individuare prodotti difettosi e assistere la guida; quasi due milioni di utenti stanno giocando con l'applicazione Midjourney, grazie alla quale, qualsiasi utente può generare immagini a partire da brevi descrizioni testuali producendo contenuti a volte difficilmente distinguibili da quelli prodotti da artisti in carne e ossa (è recente il caso di un artista che con questa applicazione si è aggiudicato un premio alla Colorado State Fair).
Le big tech sono da tempo protagoniste di questa rivoluzione, anche grazie agli investimenti in gruppi di ricerca di eccellenza e agli ingenti fondi necessari per addestrare e testare gli algoritmi alla base di molte di queste applicazioni. L'Italia ha un enorme capitale scientifico, culturale e umano, che deve essere assolutamente valorizzato e trattenuto nel nostro Paese. Questa esigenza è tanto più pressante se vogliamo che l'Intelligenza Artificiale evolva in qualcosa di utile, inclusivo, e accessibile, ad esempio a tutte quelle imprese che caratterizzano il nostro territorio.
Ad esempio, oggi molti possono riutilizzare algoritmi pre-addestrati su enormi quantità di dati (da chi ha risorse per farlo), ma adattare questi algoritmi a nuovi scenari - tipicamente di interesse in particolari settori scientifici o industriali - in maniera efficace ed efficiente rimane complicato. Conoscere a fondo il funzionamento degli algoritmi è poi fondamentale per poterli utilizzare in maniera corretta e per mitigare comportamenti potenzialmente dannosi per gli utenti finali. La capacità di sviluppare applicazioni basate su Intelligenza Artificiale, di controllare le sue implicazioni etiche, e di mitigare potenziali rischi per gli utilizzatori pone però diverse sfide: sviluppare competenze tecniche altamente specializzate e solide conoscenze teoriche, ma anche investimenti e strategie lungimiranti a livello nazionale.
Rispondere a queste sfide e rafforzare la connessione tra università, piccole e medie imprese e grandi centri di ricerca, sono tra i principali obiettivi della prima edizione in presenza della Mediterranean Machine Learning Summer School, in corso questa settimana presso l'Università di Milano-Bicocca. La scuola, organizzata da ricercatori italiani di DeepMind in collaborazione con ricercatori del dipartimento di Informatica della nostra Università, offre a quasi 150 studenti la possibilità di seguire lezioni teoriche e laboratori pratici tenute da scienziati provenienti dalle più prestigiose università e aziende di tutto il mondo (Google, DeepMind, Microsoft, National University of Singapore, Apple, New York University, Prescient design, Brown University, Cambridge University, Oxford University, École des Ponts ParisTech, UC Berkeley, Facebook AI Research). La scuola copre diversi argomenti, quali la visione artificiale, l'elaborazione del linguaggio naturale, l'apprendimento per rinforzo, l'etica e i rischi dell'Intelligenza Artificiale, nonché l'applicazione ad ambiti come la medicina, la scienza e la creatività. Il risultato di questa collaborazione? Più di 600 domande di ammissione alla scuola da tutto il mondo. Grazie al contributo dei numerosi sponsor, la scuola è completamente gratuita, e la maggior parte dei contenuti sarà a breve disponibile online e accessibile a tutti.

*professore associato di Informatica presso l'Università di Milano-Bicocca

Loading...

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati