ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIl graffio del lunedì

Inter-Juve, tanto rumore per nulla. Tennis, bici e ginnastica: è Italia dei miracoli

Il derby d’Italia finisce 1-1: festeggiano solo Napoli e Milan. Intanto rosegue negli altri sport il 2021 da incorniciare con Sinner, Viviani e Bartolini

di Dario Ceccarelli

(16878)

5' di lettura

Ma per favore. Altro che derby d’+Italia, questo misero Inter-Juve! Per come si è chiuso (1-1), con Dybala che in extremis raggiunge il pareggio su rigore dopo il gol iniziale di Dzeko, viene da fare la solita triste metafora della montagna che partorisce il topolino.
Un topolino che non spaventa nessuno perchè, alla fine, questo sbiadito pareggio fa bene solo a Milan e Napoli che ora guidano appaiati la classifica a quota 25. I giovani diavoli di Pioli avendo vinto a Bologna nel modo sconclusionato che sappiamo, il Napoli frenando con un modesto zero a zero con la Roma, passato alla cronaca più per le espulsioni di Mourinho e Spalletti che per gioco e sostanza.

Napoli e Milan, vetta in condominio

È la prima volta, dopo nove giornate, che i partenopei non vincono. Giusto così perchè se il Napoli colpisce un palo e una traversa e si vede annullare un gol per fuorigioco, la Roma spreca una grande occasione con Abraham. Il Napoli mantiene la vetta, ma deve condividerla col Milan. Tornando a San Siro, bisogna dire una cosa: Allegri deve accendere un cero a tutti i santi del calcio che, nonostante le sue scelte cervellotiche (Dybala e Chiesa in panchina fino al 65’), alla fine gli permettono di riportare a Torino almeno un punto. Che è meglio di niente, ma che fatica...

Loading...

Allegri salvato dal Var

Dopo quattro vittorie consecutive, sembrava arrivata l’ora del decollo, invece la squadra di Allegri rimane inchiodata a terra. La sua forza è la difesa, tenuta su col fil di ferro da Chiellini e Bonucci, vecchie pellacce di mille battaglie. Molto meglio l’Inter, più squadra, che però ha un difetto: non chiudere le partite che vanno chiuse. E così arriva il pasticcio, nato forse da una scelta frettolosa di Inzaghi, troppo preoccupato di sostituire l’ammonito Perisic, il più effervescente fino a quel momento dell’Inter. Al posto di Perisic entra lo stralunato Dumfries che battezza il suo ingresso dando una goffa pedata ad Alex Sandro al limite dell’area. L’arbitro Mariani non fischia, ma il Var evidenzia che il fallo c’è e va punito col rigore. Mentre Inzaghi imbufalito viene espulso, Dybala realizza senza pietà togliendo Allegri dal pantano di una nuova caduta..

Bernardeschi quando lo sostituisci?

Che dire? Il rigore ci sta: è uno di quelli che si dà oggi ai tempi del Var. Quella che non c’è, invece, è proprio la Juventus che rimedia un pareggio senza convincere nessuno. Gioco? E chi l’ha visto. Madama è una creatura sbiadita, né altera né popolana, né creativa né operaia. Se poi si lasciano in panchina gioielli come Chiesa e Dybala, sfiorisce del tutto. Allegri avrà le sue buone ragioni, ma sono ragioni che capisce solo lui. Deprecabile anche la scelta di permettere a Bernadeschi (dolorante a una spalla) di rimanere fuori dal campo diversi minuti prima di farsi sostituire. La rete di Dzeko, che appoggia in rete un pallone scagliato contro la traversa da Calhnoglu, arriva proprio quando la Juve è in dieci.

Gli allenatori espulsi diventano un caso

La nona giornata è anche quella delle espulsioni degli allenatori. Oltre a quella di Inzaghi, vanno segnalate quelle di Mourinho (per proteste) e di Spalletti che alla fine ha ironicamente applaudito l’arbitro Massa. Anche Gasperini, mandato fuori per proteste in Atalanta -Udinese (1-1), ha inveito contro il direttore di gara. «Gli arbitri devono metterci la faccia», ha gridato l’imbufalito Gasp, perchè il direttore di gara non gli ha spiegato il motivo della cacciata. Vero che Alfredo Trentalange, il presidente dell’Associazione italiana arbitri, ha annunciato la massima trasparenza sulle decisioni dei suoi sottoposti. Ma un arbitro, in campo, deve sempre spiegare tutto? Non stupiamoci poi se campi di calcio diventano dei pollai dove ognuno dice la qualunque. Una partita non è un’assembla. Se parlano tutti, buonanotte. E come diceva un vecchio dirigente del Pci, Giancarlo Pajetta, «prima di andar via, mi raccomando, spegnete la luce».

Quando le assenze pesano

E Il Milan? Dicono che a Bologna ha rischiato di perdere una partita già vinta, che ha dei cali di tensione inspiegabili, che ha lo strano vizio di complicarsi la vita e che, insomma, Pioli non ha tanti motivi per addormentarsi tranquillo, eccetera eccetera. Se questi sono i cattivi pensieri di Pioli, allora cosa dovrebbe dire quel poveraccio di Sarri che si è beccato quattro sberle dal Verona (4-1) e dopo nove giornate non ha ancora capito come rimettere in asse la Lazio? Ovvio che Pioli deve stare molto attento, però il Milan in nove giornate ha centrato otto vittorie. Otto vittorie, va ribadito, dopo aver affrontato la trasferta a Bologna senza nove giocatori di cui cinque titolari. Chiaro che assenze così importanti pesano. E spiegano anche il deludente avvio di Champions dei rossoneri. Un po’ come è successo all’Atalanta, decimata dalle assenze, che in extremis si vede sfuggire la vittoria sull’Udinese (1-1) per un colpo di testa del portoghese Beto e della tenacia dei friulani.

Tennis, ciclismo, ginnastica: la giovane Italia sempre al top

Anche in questo weekend sportivo, dopo la bellissima estate, il calcio deve cedere spazio ad altre discipline che continuano a regalarci soddisfazioni incredibili. Da qualunque parte ti volti succede qualcosa di clamoroso. Cosa diavolo hanno messo nel nostro vaccino, si staranno chiedendo gli americani che rosicano fin da Tokyo per i nostri exploit.

Nel tennis Jannik Sinner battendo l’argentino Diego Schwartzman ha conquistato il quarto titolo stagionale e regalandoci l’ennesima domenica di passione. Mai nessuno italiano era arrivato a tanto. Ai mondiali di ciclismo, a Roubaix, dove le medaglie cadono come la manna dal cielo (4 ori, 3 argenti, 3 bronzi) Elia Viviani ha conquistato il titolo mondiale nella prova di eliminazione, specialità entrata quest’anno a far parte della rassegna iridata.
Già campione olimpico, europeo e italiano, il veronese con una gara perfetta ha stravinto la volata finale con il portoghese Juri Leitao, uno che non fa mai sconti.

Siamo talmente al top, nel ciclismo su pista, che sabato notte a Roubaix hanno rubato le biciclette di Ganna e compagni: 22 gioielli di Pinarello dal valore di 400mila euro. Ladri esperti: niente impronte, nessun rumore, un furto perfetto. La banda dei velodromi. Fosse successo in Italia, i francesi ci avrebbero tolto la pelle con commenti al vetriolo su «Le Monde» o «Liberation». Diciamo che, se in pista con le gambe sono stati più lenti, con le mani i cugini sono invece stati velocissimi. Dei fuoriclasse alla Arsenio Lupin.

Anche nella ginnastica continuiamo a far faville. Nell’anno dei trionfi, l’impresa di Nicola Bartolini, primo oro italiano al campionato del mondo di ginnastica artistica nel corpo libero in Giappone, è già entrata nella storia. Anche Bartolini, sardo di Quarto Sant’Elena, 25 anni, era stato tartassato dagli infortuni. Al punto da perdere la qualificazione per le Olimpiadi di Tokyo. E Invece, in quest’autunno magico, Nicola ha fatto il suo miracolo. Insomma anche Bartolini è uno di quei ragazzi-campioni del 2021 che amano complicarsi la vita. E che, prima di arrivare al traguardo, devono masticare la polvere della sconfitta per poi riscattarsi. Come Tamberi, Jacobs, Bebe Vio e tanti altri. Più soffrono, più il gusto della vittoria ci guadagna. Comunque, cari ragazzi, se la prossima volta doveste vincere senza altre dolorose complicazioni, vi vogliamo bene lo stesso, state tranquilli.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti