Sport

Inter, Pastore accetta ma il Psg frena

a cura di Datasport

1' di lettura

Dopo Lisandro Lopez e Rafinha, i nerazzurri sono vicini a regalare il terzo colpo di mercato a Spalletti. La dirigenza dell'Inter ha fatto passi avanti nella trattativa per riportare Javier Pastore in Italia. L'argentino, in gol ieri sera in Coppa di Francia, ha dato il suo benestare al trasferimento, accettando anche di ridursi il suo stellare ingaggio (10 milioni a stagione), troppo alto per le casse nerazzurre. Adesso resta solo da convincere il Psg, che nelle ultime stagioni non ha dato molto spazio al giocatore, ma non è disposto a perderlo con un semplice prestito oneroso con diritto di riscatto. Il contratto del Flaco infatti scade a giugno 2019 ma i parigini vorrebbero comunque realizzare almeno 20 milioni dalla cessione a titolo definitivo del giocatore. I problemi con il Fair Play Finanziario però non permettono all'Inter di chiudere operazioni di questo tipo, pagando adesso l'intero cartellino del giocatore. I nerazzurri, come in accordo con il Benfica e il Barcellona, trattano solo prestiti con eventuale diritto di riscatto per giugno. L'Inter potrebbe al massimo alzare la cifra del prestito oneroso, grazie ai milioni che arriveranno dalla cessione di Joao Mario sempre più vicino al West Ham. Intanto Ausilio e Sabatini possono contare sulla forte volontà di Pastore, che a una settimana dalla fine della finestra di mercato potrebbe fare la differenza, intanto si continua a cercare di convincere gli sceicchi.

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti