Epoca

Internet o specialisti? Meglio fare un mix


default onloading pic

2' di lettura

Manifestazioni e Fiere di settore, specialisti, commercianti generalisti e privati: i canali di approdo all’acquisto di un’auto d’epoca sono sostanzialmente questi. E Internet, con i molti siti disponibili, la fa da padrona come metodo di elezione.

Ovviamente dipende da cosa si cerca, perché le auto d’epoca e le Youngtimer seguono canali diversi non tanto per la diversa età che portano sulle spalle, ma per il diverso appeal collezionistico dei singoli modelli.

Facciamo un esempio pratico, sfruttando l’immagine della Panda che vedete qui a destra. Praticamente da ogni commerciante di auto usate ne trovate una disponibile, al punto che è facile scegliere persino il colore. Ma se cercate una serie speciale o una 4x4, ovviamente in ottime condizioni, è necessario rivolgersi a chi, con le auto d’epoca, ha una maggiore dimestichezza. Perché la Panda, in particolare nelle versioni a trazione integrale, è ormai diventata un oggetto di culto: lei, che non avrebbe mai dovuto entrare nella storia con la “S” maiuscola visti gli altissimi livelli di produzione, nella storia c’è entrata lo stesso e a testa altissima.

Oggi le 4x4 vengono ricercate non solo dai collezionisti italiani, ma anche da quelli americani e giapponesi. Quelle veramente belle vengono custodite gelosamente, e magari usate con apparente “understatement” nelle più note località sciistiche. Il risultato è che i prezzi stanno salendo rapidamente, anche più di quanto fosse prevedibile soltanto un paio di anni fa.

Le manifestazioni di settore, come le rassegne di Padova e Milano, sono il modo migliore per trovarsi di fronte a un’offerta imponente da toccare con mano e valutare dal vivo, evitando il contatto asettico dei siti Internet (tutte le auto sono bellissime se vengono fotografate nel modo giusto...). Però occorre sapere che queste fiere, proprio perché attirano migliaia di appassionati da tutto il mondo, sono in genere vetrine molto care.

Dagli specialisti (ma qui è meglio rivolgersi a quelli di provata esperienza e con una solida reputazione alle spalle) senza dubbio si spende un po’ di più: il contraltare è ricevere una garanzia, la documentazione del restauro e una storia certa dell’automobile messa nel mirino. Tutte cose che, alla lunga, fanno la differenza e permettono di dormire sonni più tranquilli in un mercato che, proprio per l’esplosione inattesa degli ultimi anni, ha visto spuntare come funghi soggetti improvvisati e spesso incompetenti che promettono meraviglie.

Lasciando da parte i modelli di altissimo livello che seguono canali diretti tra compratori o compaiono nelle maggiori aste internazionali, alla fine è meglio praticare un mix di tutti i canali descritti. Serve per farsi un’idea precisa, comparare prezzi e garanzie, evitare sgradevoli inconvenienti.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...