L’operazione

Invel acquisisce la torre E di Viale Richards e investe 28 milioni a Milano

Il prezzo di vendita, pari a 12 milioni, è in leggero miglioramento rispetto al market value al 30 giugno. L’acquirente pronto a investire altri 16 milioni per valorizzarla

di Laura Cavestri

default onloading pic

Il prezzo di vendita, pari a 12 milioni, è in leggero miglioramento rispetto al market value al 30 giugno. L’acquirente pronto a investire altri 16 milioni per valorizzarla


2' di lettura

Invel Real estate ha acquisito da Aedes Siiq Spa la Torre E di Viale Giulio Richard 3, a Milano, con destinazione d’uso uffici e una superficie lorda affittabile di oltre 8mila metri quadrati. Il prezzo di vendita, pari a 12 milioni di euro, di cui 1,5 milioni subordinato all’avveramento di alcune condizioni amministrative connesse al progetto di riqualificazione che verrà realizzato dall’acquirente, risulta in leggero miglioramento rispetto al fair value come da ultima perizia dell’esperto indipendente al 30 giugno 2020 pari a 11,9 milioni.

Per Aedes, l’incasso della vendita di oggi è di 10,5 milioni, i restanti 1,5 milioni sono dovuti entro un anno dal closing. Ciò consentirà un miglioramento della cassa e della posizione finanziaria netta di pari importo.

Loading...

Dal canto suo, Invel ha individuato un programma capex completo che lo vedrà investire circa 16 milioni di euro per valorizzare al massimo l’asset. Ciò includerà una ristrutturazione completa per ottenere le migliori certificazioni ambientali come Breeam e Leed.
«Questa transazione – ha dichiarato l’head of Acquisitions di Invel in Italia, Francesco Molinari – è un forte avallo della nostra conoscenza e rete locale, che ci ha permesso di lavorare direttamente con il vendor per selezionare asset specifici. Sebbene Covid-19 abbia avuto un impatto significativo sui mercati negli ultimi 6 mesi, ha accelerato la necessità di immobili per uffici di alta qualità e la domanda di edifici conformi agli standard di efficienza energetica. Abbiamo già individuato un ambizioso programma di riqualificazione e riposizionamento dell’edificio, mirato a certificazioni edilizie riconosciute a livello internazionale che fanno di elevati standard ambientali una priorità».

«La vendita della Torre Richard – ha sottolineato Giuseppe Roveda, ceo di Aedes Siiq – viene realizzata in coerenza con il piano Industriale 2020-2026 approvato lo scorso 2 settembre, che prevede la dismissione di alcuni asset, bisognosi di investimenti di ristrutturazione o privi di redditività, per supportare gli altri investimenti e fabbisogni di piano. Inoltre, la vendita a valore di perizia, conferma ancora una volta il positivo riscontro del mercato rispetto alle valutazioni del portafoglio di Gruppo, evidenziando l’elevato sconto della quotazione di Borsa rispetto al triplo net asset value».

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati