coronavirus

#iorestoacasa? Cucinare diventa viaggio e passatempo

A tenerci compagnia con piatti scacciapensieri sono vecchi libri di ricette o i guru dei social con migliaia di follower

di Federico De Cesare Viola


default onloading pic
Muffin allo yogurt con gocce di cioccolato di Laurel Evans

4' di lettura

Alzi la mano chi – in questi giorni ansiogeni, bizzarri e sospesi – non sta riscoprendo doti culinarie sopite, non si sta improvvisando fornaio, non sta sperimentando l’arte del bere miscelato, non ha rispolverato l’Artusi, le ricette di Suor Germana o altri manuali utili a riempire in modo consistente il tanto tempo casalingo. La rete, in questo senso, ci sta offrendo rifugio e risposte, con le sue infinite possibilità di dialogo e di condivisione.

Ecco perché abbiamo voluto scegliere alcuni personaggi e profili social del mondo del cibo che – tra i tanti – ci piacciono particolarmente per tono di voce e contenuti da poter confortare la nostra quarantena.

«È il momento per godersi la cucina casalinga. Per restare calmi e apprezzare le cose semplici della vita. Per passare del tempo con i nostri figli, per gustare pasti deliziosi e discutere apertamente intorno a una tavola», così postava qualche giorno fa Mimi Thorisson (@mimithor, 327mila follower su IG), autrice e food blogger cino-francese che si divide tra Torino e la campagna del Médoc insieme alla sua magnifica e variopinta famiglia composta da un marito fotografo islandese (@oddthor, suoi tutti i bellissimi scatti dell'account e dei libri), 8 figli e 9 cani. Sul suo raffinato account Mimi celebra il buon gusto, condivide piccole delizie quotidiane e svela il dietro le quinte dei suoi workshop e progetti editoriali. A settembre uscirà Old World Italian, un giro del Belpaese attraverso le diverse identità regionali e i posti del cuore.

il pain de mie di Maurizio Leo

«Il libro è una dichiarazione d'amore all'Italia e alle sue tradizioni. Abbiamo scelto Torino perché è una città comoda e discreta, con una straordinaria cultura del cibo e del vino, ma amo molto anche Napoli, la sua energia, la sua bellezza selvaggia e il suo cibo di strada. In questo assomiglia un po' a Hong Kong». Approfittiamo dunque di questo tempo più lento per cucinare in modo intelligente: «Verdure e legumi soprattutto, che si possono anche congelare. Io amo preparare brodi e zuppe di stagione. Ma è anche l'occasione per essere più avventurosi in cucina ed esplorare nuovi sapori. Uno dei miei piatti preferiti è lo stir-fry Thai basil pork. Io ho scoperto l'Italia attraverso le sue ricette, prima di conoscerla veramente. Anche se dobbiamo giustamente stare a casa, in questi giorni possiamo viaggiare attraverso il cibo».

Le caserecce integrali con pescespada, melanzane e pinoli” di Chiara Maci

Con 582mila follower su IG (@chiarainpentola), Chiara Maci è una delle food blogger più seguite dagli italiani e uno stimato volto televisivo (è in onda la seconda stagione de L'Italia a morsi su Food Network). Milanese d'adozione ma con solide radici campane, un compagno chef (Filippo La Mantia), Chiara pubblica sui suoi canali (il sito è chiaramaci.com) ricette per ogni momento della giornata, dalla torta all'acqua (di recente la più condivisa) alla guancia brasata con polentina. «La cosa positiva di questi giorni – ci racconta - è che anche chi non ha mai cucinato può avere il tempo e la voglia per cominciare, magari partendo dalle basi, come una ganache al cioccolato, o dedicandosi alle lunghe cotture. È un'ottima occasione per sporcarsi le mani in cucina insieme ai bambini, fare insieme la pasta fresca, pulire le verdure ed educarli a mangiare meglio e al rispetto per il cibo».

Restiamo a Milano. Molto amati sono pure Riccardo e Stefano aka Gnambox (@gnambox), grazie a un repertorio culinario gustoso, semplice e instagrammabile, dal risotto con radicchio tardivo al polpo con crema di patate dolci allo zenzero e lime. Se siete interessati alle ricette per bambini (e a dolci e specialità di scuola americana), allora dovete seguire obbligatoriamente Laurel Evans (@laurelevans), texana di settima generazione dal 2004 a Milano, che realizza senza sosta brownies, pancakes, cinnamon rolls ma anche tacchini e BBQ ribs da leccarsi i baffi. Visitate il suo blog unamericanaincucina.com: il risultato è garantito.

il petto di tacchino ripieno di @julskitchen

C'è chi è emerso dal mare magnum digitale proprio grazie a un'identità locale molto forte e a un corredo di foto particolarmente evocative. Il profilo di Giulia Scarpaleggia (@julskitchen), food writer e autrice di diversi libri, “profuma” di campagna toscana e di erbe aromatiche ed è zeppo di ricette di stagione, spiegate passo dopo passo sul blog (it.julskitchen.com) e accompagnate da racconti e confidenze. Così come Valeria Necchio (@valerianecchio), che invece vi farà viaggiare con garbo tra i sapori del Veneto e del Piemonte in particolare, o la food writer inglese Rachel Roddy (@rachelaliceroddy) che è diventata una testaccina doc e che con orgoglio posta i suoi ottimi pranzi a base di spaghetti alla puttanesca, carciofi, alici fritte e altri classici romani.

Pare proprio che nella wishlist del momento, più di ogni altra cosa, ci siano le farine e tutto l'occorrente per dedicarsi all'arte bianca. Potere del pane e di chi è capace di condividerne i segreti con rigore e competenza: è il caso di Maurizio Leo, ingegnere informatico di origine italiana - ma di base ad Albuquerque - che si è reinventato panificatore e intorno a theperfectloaf.com (il suo profilo IG è invece @maurizio) ha creato una community di appassionati con cui condivide le sue spettacolari ricette di pagnotte in stile sordough, di pizza e focacce e di un pain de mie di cui non potrete più fare a meno.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...