sistemi operativi

iOS 12, com'è il nuovo sistema operativo degli iPhone

di Biagio Simonetta


iPhone XS, XS Max e XR: le cose da sapere

3' di lettura

iOS 12. Il sistema operativo made in Cupertino, studiato e programmato esclusivamente per iPhone e iPad, è installabile su tutti gli iPhone dal modello 5s in poi, sugli iPad Air e Pro, su iPad quinta e sesta generazione, su iPad mini (dal modello 2 in poi) e sugli iPod touch di sesta generazione.

iOS 12 era stato presentato durante l'ultima conferenza degli sviluppatori, lo scorso 4 giugno a San Jose, in California. E adesso è il momento di vederlo all'opera, con i download che sono aperti dalla serata di oggi, 17 settembre.

Sorpresa Apple Watch: farà l’Ecg e in Italia (finalmente) si potrà telefonare

Quanto stai sullo smartphone
La prima vera innovazione di iOS 12 si chiama Screen Time, piattaforma studiata per aiutare gli utenti a comprendere e controllare quanto tempo trascorrono sui loro dispositivi. I device Apple, in sostanza, ora ci mostreranno il tempo trascorso su ogni singola App, il tempo dedicato alle varie categorie di app, il numero di notifiche ricevute e quanto spesso prendiamo in mano iPhone o iPad. La funzione Screen Time è stata studiata per chiunque voglia capire e gestire meglio l'utilizzo del proprio dispositivo, ma è particolarmente utile per le famiglie con bambini. I genitori possono accedere all'Activity Report dei figli direttamente dal proprio dispositivo iOS per avere un quadro più chiaro delle attività dei bambini, e possono gestire e impostare limiti con App Limits. Screen Time offre ai genitori anche la possibilità di programmare un intervallo di tempo durante il quale i bambini non potranno usare il dispositivo iOS, per esempio la notte. Quando la funzione Downtime è attiva, le notifiche delle app non vengono visualizzate e sulle app compare un badge a indicare che non è possibile utilizzarle. I genitori possono scegliere app specifiche, come Telefono e iBooks, che saranno sempre disponibili, anche nel periodo di blocco o dopo lo scadere di un limite di utilizzo.

Dalle Memoji al centimetro
Ma le novità introdotte da Apple con questa nuova release sono molte. A partire dall'introduzione delle Memoji (le faccine che somigliano all'utente), dalla video call di gruppo finalmente disponibile per Facetime e dalla nuova gestione “Per te” delle foto. Il punto forte, però, non è certo questo. iOS12, infatti, introduce nuove app di default decisamente interessanti. Una di queste è Measure, applicazione realizzata da Apple che sfrutta la realtà aumentata e diventa un metro digitale. Così sarà possibile misurare qualcosa con la fotocamera dello smartphone. A proposito di realtà aumentata, arriva anche ARKit 2, che è molto più aperta e integrabile su diverse App.

“Non disturbare” automatica
Con iOS 12 cambia anche la famosa funzione “Non disturbare”, molto utilizzata quando si prende parte ad una conferenza e non vogliamo che arrivino notifiche o chiamate. Con iOS12 si può interrompere la funzione in automatico in base a un'ora, a una posizione o a un'azione predefinita. Inoltre, il nuovo sistema operativo raggruppa le notifiche: con Grouped notification queste saranno concentrate per tipologia, così da non avere la lunga lista sulla schermata di sblocco. Sempre in fatto di notifiche, iOS 12 offre agli utenti più opzioni per controllarle. Si possono ora gestire all'istante per fare in modo che arrivino senza suoni o disattivarle completamente, e con le notifiche raggruppate è più facile leggerne e gestirne di più contemporaneamente.

Siri Shortcuts
I miglioramenti riguardano anche l'utilizzo dell'assistente virtuale Siri, con l'introduzione delle scorciatoie. Con iOS12, in sostanza, Siri è presente in tutte le App. E suggerisce l'azione giusta. Ovviamente Shortcuts (si chiama così questo upgrade) è altamente personalizzabile (per esempio impostando un semplice comando vocale per dare il via a una attività). Gli sviluppatori possono ora sfruttare questa nuova funzionalità grazie alle API Shortcuts.

Ora il Watch diventa Walkie-Talkie
Sempre oggi, 17 settembre, tocca al nuovo sistema operativo per l'orologio di Cupertino: arriva watchOS 5. E qui la novità più sostanziale è certamente l'introduzione di una funzione Walkie-Talkie, un nuovo modo di comunicare a voce fra utenti possessori di un Watch con un semplice tocco sul polso. Il collegamento da orologio a orologio è veloce, personale e può essere attivato fra chiunque indossi un Apple Watch compatibile nel mondo, via Wi-Fi o rete cellulare (dove previsto, non in Italia). Altre novità di watchOS 5: le sfide di Attività della durata di sette giorni, così da competere con gli amici; il rilevamento automatico dell'allenamento; i nuovi allenamenti come Yoga e Hiking; un nuovo modo di visualizzare le notifiche; le nuove funzioni per la corsa, tra cui una nuova misurazione della cadenza (passi al minuto) per le corse e le camminate outdoor e indoor, e un nuovo allarme nelle corse outdoor che avvisa gli utenti quando il ritmo è inferiore o superiore al valore che hanno scelto come target.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...